Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il procedimento di estrazione dal sangue di un suo componente, vedi Aferesi (medicina).

L'aferesi (pronuncia: afèresi, dal greco ἀφαίρεσις) è un fenomeno linguistico che consiste nella caduta di una vocale o di una sillaba all'inizio di parola. Nello studio delle lingue, esso può essere visto dal punto diacronico per lo studio della loro evoluzione.

  • arabo nāranjarancia, ma friulano naranç
  • lat. cl. luscinia → lat. volg. lusciniōluslusignuolousignolo (per deglutinazione)
  • lat. obscūrusscuro
  • lat. apothēcabottega
  • lat. illala
  • lat. īnstrūmentumstrumento
  • greco eikónasiciliano cona
  • abruzzese nancóra (< non ancora) → ancóra (ad es. Ancóra ci vai? → «Non ancóra ci vai?»)
  • lat. undeperugino ndo «dove»

Può anche essere una figura retorica che dà luogo a forme poetiche:

Il contrario dell'aferesi è la pròstesi.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica