Apri il menu principale
L'elicottero Agusta A109

L'Affare Agusta o affare Agusta-Dassault è stato uno scandalo di corruzione in relazione agli elicotteri da combattimento acquistati da parte dell'Esercito belga, dal produttore italiano Agusta nel 1988. L'affare è venuto alla luce attraverso una ricerca della sede belga Agusta e dei suoi lobbisti Georges Cywie. Lo scandalo ha portato alle dimissioni di diversi importanti politici.

Nel gennaio 1994, il Senato belga ha votato per una parziale riduzione dell'immunità parlamentare dei due ministri regionali Guy Spitaels (PS) e Guy Mathot (PS) a seguito di una relazione del giudice istruttore Véronique Ancia.

Il ministro della difesa belga Guy Coëme (PS) ha dovuto dimettersi nel gennaio 1994. Fu seguito dal ministro degli Esteri Franck Vandenbroucke (SP) nel marzo dello stesso anno e il 20 ottobre 1995 il segretario generale della NATO Willy Claes.

La Corte di cassazione belga ha condannato Willy Claes a tre anni di libertà vigilata il 23 dicembre 1998 e gli ha vietato di ricoprire cariche pubbliche per cinque anni. Guy Coëme e Guy Spitaels sono stati condannati a due anni di libertà vigilata e non possono coprire incarichi per cinque anni. L'industriale francese Serge Dassault fu condannato a due anni di libertà vigilata.[1] Solo Guy Mathot è stato assolto dalle accuse.

In totale, Agusta e Dassault hanno pagato oltre 160 milioni di franchi belgi (circa 4 milioni di euro) in tangenti al Parti Socialiste e al Sozialistische Partij. Il Parti Socialiste dovette rimborsare 49 milioni di franchi e il Sozialistiche Partij 111 milioni di franchi.

Willy Claes, è stato costretto a dimettersi dalla carica di Segretario generale della NATO per lo scandalo
Sentenze della Corte di Cassazione
Nome Funzione Partito Reato (Caso Agusta) Reato (Caso Dassault) Pena Bene (Franchi belgi)
Andre Bastien Chief of Staff presso Coëme PS Corruzione passiva
Falsificazione di documenti
6 mesi in libertà vigilata 6,000
Willy Claes Ministro dell'economia SP Corruzione passiva Corruzione passiva 3 anni in libertà vigilata 60,000
Guy Coëme Ministro della difesa PS Corruzione passiva
Falsificazione di documenti
2 anni in libertà vigilata 60,000
Serge Dassault Direttore di Dassault Group Corruzione attiva 2 anni di libertà vigilata 60,000
Johan Delanghe Chief of Staff presso Claes SP Corruzione passiva Corruzione passiva
Falsificazione di documenti
18 mesi 60,000
Auguste Merry Hermanus Chief of Staff PS Corruzione passiva 1 anno di libertà vigilata 30,000
Etienne Mangé Tesoriere del Socialistische Partij SP 1 anno in libertà vigilata 30,000
Jean-Louis Mazy Chief of Staff presso Coëme PS Corruzione passiva
Falsificazione di documenti
6 mesi in libertà vigilata 6,000
Alfons Puelinckx Avvocato Corruzione passiva
Falsificazione di documenti
Corruzione passiva 2 anni di reclusione 60,000
Francois Pirot Vicesegretario del Parti Socialiste PS Corruzione passiva 3 mesi in libertà vigilata 6,000
Guy Spitaels Presidente del Parti Socialiste PS Corruzione passiva 2 anni in libertà vigilata 60,000
Luc Wallyn Segretario del Parti Socialiste PS Corruzione passiva
Falsificazione di documenti
Corruzione passiva 2 anni in libertà vigilata 60,000

Connessione con l'Affare CoolsModifica

Il 18 luglio 1991, il politico, André Cools, morì come parte di un omicidio. Sono state ipotizzate varie piste sulle motivazioni di questo assassinio, incluso l'affare Agusta. L'inchiesta giudiziaria non ha stabilito un legame tra i casi Agusta e Cools.[2]

NoteModifica