Affinità (geometria descrittiva)

(Reindirizzamento da Affinità descrittiva)

L'affinità in geometria descrittiva è un tipo di corrispondenza biunivoca tra due figure piane, in cui viene preservato il parallelismo tra le rette, ossia due rette parallele rimangono parallele anche nella figura trasformata.

TipologieModifica

Si tiene presente che due figure corrispondenti possono essere ottenute da una sola prospettività in tal caso, l'affinità, viene classificata come affinità prospettiva, altrimenti, classificata, affinità omologica.

Affinità prospettivaModifica

essa può essere eseguita, rispettivamente: nel piano, quando le figure corrispondenti appartengono allo stesso piano, e, anche, nello spazio, quando tali figure giacciono su due piani distinti. per esempio la traslazione è un tipo di affinità prospettiva che può essere eseguita in un stesso piano o tra due piani paralleli. altro esempio è il ribaltamento che può essere eseguito in modo analogo.

Affinità omologicaModifica

essa si ottiene come corrispondenza biunivoca tra due figure ottenute come proiezioni complanari eseguite sulla stessa figura da due centri impropri. Unendo tali centri si ha come centro di tale affinità, un punto, anch'esso, improprio che può avere direzione ortogonale all'asse dell'affinità e in tal caso l'affinità viene classificata come affinità ortogonale altrimenti, si classifica, affinità obliqua. L'asse dell'affinità si determina come retta d'intersezione tra il piano della figura oggettiva con il piano su cui giacciono le due proiezioni. Tale asse ha proprietà di essere il luogo dei punti uniti, cioè il punti che hanno come corrispondenti si stessi. Nel caso in cui il piano della figura oggettiva risulta parallelo al piano di proiezione, in tal caso "l'affinità traslativa".

Nel caso in figura in alto esistono tre tipi d'affinità, rispettivamente, due sono prospettive: tra il triangolo oggettivo ABC con la sua prima proiezione ortogonale A1B1C1 e tra ABC e la sua proiezione obliqua A^B^C^; l'altra affinità è omologica che intercorre tra A1B1C1 ed A^B^C^, ovvero tra le basi complanari A1B1C1 ed A^B^C^ di due prismi aventi in comune una stessa sezione ABC.

Voci correlateModifica

  Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Matematica