Affricata alveolo-palatale sonora

Affricata alveolo-palatale sonora
IPA - numero216
IPA - testod͡ʑ
IPA - immagine
Voiced alveolo-palatal affricate (vector, no tiebar).svg
UnicodeU+02A5
Entityʥ
SAMPAdz\
X-SAMPAdz\
Kirshenbaumdz\
Ascolto

Una consonante affricata alveolopalatale sonora è una consonante affricata presente in molte lingue, che in base all'alfabeto fonetico internazionale è rappresentata con la sequenza d͡ʑ (in passato, con la legatura ʥ).

CaratteristicheModifica

L'affricata alveolopalatale sonora presenta le seguenti caratteristiche:

  • il suo modo di articolazione è affricato, perché questo fono è dovuto alla sequenza di una fase occlusiva e di una fase fricativa;
  • il suo luogo di articolazione deve essere alveolopalatale: perché tale consonante si pronuncia metà alveolare, metà palatale;
  • è una consonante sonora, in quanto viene prodotta con la vibrazione delle corde vocali.

OccorrenzeModifica

ItalianoModifica

In Italiano questo fonema non esiste, anche se assomiglia al fonema Italiano d͡ʒ, sotto la lettera /g/.

CineseModifica

In Cinese, questo fonema è reso a livello regionale come allofono della lettera "j" come 渠 [d͡ʑy].

GiapponeseModifica

In Giapponese questo fonema è reso con la consonante (di, dzi) pronunciata [d͡ʑi], anche se ormai è stata assimilata al fonema [ʑi] o [ʒi], è oggi presente in dialetti regionali, oppure quando じ si trova in mezzo a una parola.

  Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica