Agostino Ademollo

avvocato, scrittore e storico italiano

Agostino Ademollo (Siena, ottobre 1799Firenze, 20 giugno 1841) è stato un avvocato, scrittore e storico italiano.

BiografiaModifica

Nato dal pittore milanese professore Luigi Ademollo e da Margherita Cimballi, venne indirizzato dai genitori alla carriera ecclesiastica. Appena in grado di decidere autonomamente, preferì studiare legge all'Università di Pisa e pare che abbia ottenuto un certo successo nella professione, a tal punto che ebbe anche a scrivere, nel 1840, un libro dal titolo Cenni Teorico-pratici del Giudizio Criminale in Toscana secondo la riforma Leopoldina. A proposito del saggio l'Ademollo in una lettera da parte del professor Carmignani ricevette un commento lusinghiero:

«Il suo lavoro è ben concepito, meglio ordinato, e utilissimo alla pratica odierna. Io le ne fo le più sincere congratulazioni, e mi compiaccio che dalla mia scuola escano campioni della sua tempra.»

Si interessò di storia e scrisse diversi libri al riguardo: Gli Spettacoli dell'Antica Roma - Descrizione istorica (1837), Istoria di Beatrice de' Cenci (1839), Marietta de' Ricci ovvero Firenze al tempo dell'assedio (1840).

Morì il 20 giugno del 1841 lasciando la moglie Maddalena Gherardi e l'unica figlia Giulia.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89015176 · ISNI (EN0000 0000 6300 8975 · SBN IT\ICCU\LIAV\339136 · GND (DE1055333711 · NLA (EN35103138 · BAV (EN495/72944 · CERL cnp01434334 · WorldCat Identities (ENviaf-89015176