Apri il menu principale

Ahsoka Tano

personaggio dell'universo espanso di Guerre stellari
Ahsoka Tano
Ahsoka Tano.png
Ahsoka Tano nell'episodio Il crepuscolo dell' apprendista della serie animata Star Wars Rebels
UniversoGuerre stellari
Lingua orig.Inglese
Alter egoFulcrum (copertura dall'Impero)
SoprannomeFurbetta (da Anakin Skywalker)
AutoreGeorge Lucas
StudioLucasfilm
1ª app. inThe Clone Wars
Voce orig.Ashley Eckstein
Voce italianaErica Necci
SpecieTogruta[1]
SessoFemmina
Luogo di nascitaShili[2]
AffiliazioneJedi, Anakin Skywalker, Obi-Wan Kenobi, Repubblica Galattica, Alleanza Ribelle

Ahsoka Tano è un personaggio immaginario dell'universo fantascientifico di Guerre stellari.[3] Compare per la prima volta nel film d'animazione Star Wars: The Clone Wars del 2008, per poi essere confermata anche nella serie omonima. Nel 2014 fa ritorno nell'ultima puntata della prima stagione di Star Wars Rebels. Nella versione originale del film e delle serie televisive il personaggio è doppiato da Ashley Eckstein, mentre in quelle italiana da Erica Necci. Inoltre è protagonista del romanzo del nuovo canone Ahsoka, uscito nel 2016.[4]

Di razza Togruta,[1] la giovane Padawan Jedi Ahsoka Tano viene assegnata dal maestro Yoda ad Anakin Skywalker in cui, come prima missione, dovranno impegnarsi nella ricerca del figlio di Jabba the Hutt. Durante le guerre dei cloni, aiuterà Anakin e Obi-Wan Kenobi in varie missioni, fino a che non abbandonerà l'Ordine Jedi per via di un complotto. Successivamente riappare, molti anni dopo da adulta, inizialmente sotto lo pseudonimo di "Fulcrum", coordinando prima le diverse cellule da cui avrà origine l'Alleanza Ribelle, e poi come membro del gruppo dei protagonisti, lo Spettro.[5]

Indice

Il personaggioModifica

CreazioneModifica

 
George Lucas, creatore di Guerre stellari, chiese aiuto alle figlie per creare il personaggio.

Ahsoka è stata sviluppata con un carattere molto simile a quello sfacciato e indisciplinato che aveva Anakin Skywalker apprendista Padawan in L'attacco dei cloni, rispetto al più riservato Cavaliere Jedi in La vendetta dei Sith.[6] Il creatore di Guerre stellari George Lucas, ha chiesto aiuto alle sue due figlie, per sviluppare il carattere del personaggio.[7] Al momento della creazione, il nome di Ahsoka era "Ashla".[8]

Affidare Ahsoka ad Anakin, ha avuto lo scopo di dargli maggior responsabilità, costringendolo a diventare più prudente e responsabile. Il rapporto tra Ahsoka e Anakin è una parte essenziale della storia che abbraccia sia il film d'animazione Star Wars: The Clone Wars che la serie televisiva omonima.[9]

SviluppoModifica

Il supervisore e regista della serie Dave Filoni inizialmente ha avuto problemi con la creazione di Ahsoka perché aveva "zero prospettive" su ciò che potesse piacere ad una ragazza di 14 anni.[10] Egli ha invece preferito scrivere che ad Ahsoka succede da poco di essere un'adolescente.[10]

Ashley Eckstein, la doppiatrice in inglese, ha detto, riguardo ad Ahsoka, che lei e gli scrittori erano a conoscenza del fatto che il pubblico trovasse Ahsoka un po' fastidiosa ma che c'era comunque una "linea sottile" tra essere impertinente e diventare accattivante.[11] Poiché la produzione è stato un anno di anticipo rispetto alla messa in onda, con Ahsoka in via di sviluppo per tutto questo tempo, Eckstein implorò i fan di essere pazienti per vedere la crescita del personaggio.[11]

Anche se Ahsoka lascia l'Ordine Jedi alla fine della quinta stagione di Star Wars: The Clone Wars, la trama inizialmente prevedeva il suo ritorno presso l'Ordine[12] ma Filoni, d'accordo con Lucas, ha deciso che rimanesse fuori dall'Ordine.[12] Filoni si è detto protettivo nei confronti del personaggio di Ahsoka.[13]

Il personaggio di "Fulcrum" è stato introdotto all'inizio di Star Wars Rebels, ed è stato sempre concepito come Ahsoka.[14] Filoni, produttore e co-creatore di Rebels, ha visto il nuovo ruolo di Ahsoka, simile a quello interpretato da Obi-Wan Kenobi nei film di Star Wars.[15] Anche se in questa nuova serie Ahsoka è cresciuta, Filoni ha voluto lasciare alcuni aspetti di quando era più giovane, anche in Rebels.[16]

AspettoModifica

Ahsoka, nel film e nelle prime due stagioni di The Clone Wars, appare inizialmente con una minigonna, dei leggings bianchi, e una fascia che le copre solo il seno. Questa fascia, i guanti, gli stivali e la minigonna sono di colore bordeaux. Nella terza stagione, Ahsoka e gli altri personaggi hanno ricevuto nuovi costumi. Ora Ahsoka ha un leggings nero con degli spazi vuoti lungo tutta la gamba con un abito sbracciato che, dietro, mostra la schiena scoperta. L'abito, gli stivali, dei braccialetti situati un po' sotto le spalle e i guanti sono ancora di colore bordeaux. Il produttore Dave Filoni ha detto che i cambiamenti sono stati pensati per avvicinare la serie sempre di più al film La vendetta dei Sith, resi possibili dal miglioramento delle tecniche di animazione.[17]

In Star Wars Rebels, Ahsoka indossa un nuovo abito, simile a quello dei samurai destinato ad apparire come se lo avesse trovato in un antico tempio Jedi. Inoltre porta con sé due spade laser incolori, a significare che lei non è più uno Jedi.[14] Filoni ha detto che le spade laser bianche appaiono molto meglio di quanto si aspettasse.[16] Le pitture facciali di Ahsoka sono state modificate, rispetto alla precedente serie, per dimostrare che lei è cresciuta.[12][15]

DoppiaggioModifica

 
Ashley Eckstein, doppiatrice di Ahsoka.

Il 17 febbraio 2008, il sito TheForce.net rivela che la voce di Ahsoka sarebbe stata quella di Ashley Eckstein.[18] Lo stesso giorno, il suo coinvolgimento nella serie è stato confermato.[18] Filoni disse ad Ahsley Eckstein, che avrebbe dovuto mettere un po' della sua personalità nel personaggio di Ahsoka; le disse che l'audizione che fece, ebbe un impatto maggiore nell'aver ottenuto il ruolo, rispetto al provino vero e proprio.[11] Una volta iniziata la produzione, ci sono voluti circa sei mesi per Eckstein e per gli scrittori per apprezzare Ahsoka; di conseguenza, gran parte dei dialoghi per la prima metà della prima stagione sono stati ri-registrati per rappresentare al meglio il personaggio.[11] Eckstein ha anche dato elogiato il casting di Matt Lanter come Anakin, che l'ha aiutata a solidificare il personaggio di Ahsoka.[11]

Eckstein ha ripreso il ruolo di Ahsoka in Star Wars Rebels, anche se lei non ha dato la voce nelle scene in cui "Fulcrum" compariva in ologramma.[14] La doppiatrice ha appreso del ritorno di Ahsoka in tv circa un anno prima della messa in onda della puntata finale della prima stagione di Rebels, ammettendo che è stato difficile mantenere il segreto.[19] Ashley Eckstein ha detto su Ahsoka che lei ha sviluppato carattere più forte e serie, qualità che Ahsoka giovane non aveva; ha sottolineato che la determinazione e il coraggio fa ancora parte della personalità di Ahsoka.[11] Il fatto di non essere a conoscenza di ciò che Ahsoka ha fatto tra Star Wars: The Clone Wars e Star Wars Rebels, ha rappresentato una sfida per l'interpretazione della Eckstein.[11] La doppiatrice ha dato ad Ahsoka un tono della voce un po' più basso in Rebels, a sottolineare anche la sua crescita rispetto alla vecchia serie.[19]

ApparizioniModifica

FilmModifica

The Clone WarsModifica

Ahsoka compare per la prima volta nel film del 2008 Star Wars: The Clone Wars. Abbandonata dai genitori, Ahsoka nasce nel 36 BBY sul pianeta Shili,[2] sistema originario dei Togruta,[1] in un periodo precedente agli eventi dell'invasione di Naboo. Viene scoperta all'età di tre anni dal maestro Jedi Plo Koon che, avvertendo il potenziale della giovane Togruta, decise di portarla su Coruscant, per istruirla nelle vie della Forza.

Dopo l'addestramento iniziale con il maestro Yoda, all'età di quattordici anni fu affidata ad Anakin Skywalker, generale Jedi nelle guerre dei cloni.[20] La giovane Padawan fu assegnata personalmente da Yoda ad Anakin, per responsabilizzarlo maggiormente, anche se lui è fermamente contrario ad avere un'apprendista. Fin da subito, Ahsoka e Anakin si danno dei nomignoli, con quest'ultimo che la chiama Furbetta, per il suo atteggiamento impertinente, mentre lei chiama il suo Maestro Sky-coso, facendo finta di non ricordare la parte finale del suo cognome.[20]

La loro prima missione insieme fu quella di ritrovare il figlio di Jabba the Hutt, rapito da Asajj Ventress, che lo aveva portato sul pianeta Teth. Dopo aver ritrovato il giovane Hutt i due Jedi lo portano su Tatooine, dove il Conte Dooku fa scattare la sua trappola: mentre Anakin si scontrava con il signore dei Sith, Ahsoka viene sorpresa da alcune Gran Guardie, ma poi riesce a portare il piccolo Hutt dal diffidente Jabba.

TelevisioneModifica

The Clone WarsModifica

Il personaggio viene confermato anche nella serie televisiva Star Wars: The Clone Wars. Successivamente intraprese una missione con Anakin sul pianeta Clak'dor VII. In quel luogo ricevettero una richiesta d'aiuto da parte del maestro Jedi Plo Koon. Ahsoka convinse Anakin a prestare soccorso al maestro, nonostante l'ordine di non muoversi del cancelliere Palpatine e di Obi-Wan Kenobi. Il salvataggio riuscì, e Plo Koon poté informarli dell'enorme potenza della nave da battaglia Malevolence. Quindi assistette al contrattacco di Anakin e di Obi-Wan all'astronave, che riuscirono a far schiantare. In seguito, aiutò Anakin a trovare il droide R2-D2. Il droide si era perduto quando venne colpita l'astronave di Anakin nel mezzo di un'azione di guerra. Rapito da un rigattiere spaziale, lanciò un messaggio di aiuto, che guidò i due Jedi nella stazione di ascolto separatista Skytop sulla luna di Ruusan. Ahsoka e i cloni avevano la missione di raggiungere e distruggere i reattori, mentre Anakin si occupava di trovare e salvare R2-D2. Tuttavia Ahsoka viene intercettata dal generale Grievous nel mezzo della missione; per salvare i cloni sopravvissuti e la missione, sfida il generale ad un duello, ma si scopre presto inferiore in tecnica, e tradita anche dal droide di rimpiazzo R3. Quando per lei sembra arrivata la fine, l'attivazione delle cariche esplosive da parte del capitano Rex coglie di sorpresa il cyborg, permettendole di fuggire.

In un'altra missione Ahsoka collabora alla custodia del viceré della Federazione dei Mercanti Nute Gunray, sulla nave Tranquillity gestita dal capitano Argyus delle guardie del senato, in attesa di interrogatorio. In questo caso al suo fianco c'era la Maestra Jedi Luminara Unduli. Ahsoka mostra di avere un temperamento e dei modi ben più bruschi di quelli della Maestra Unduli: mentre questa attanaglia Gunray con le sue domande, Ahsoka spazientita dal temporeggiare di questi, lo fa parlare subito minacciandolo, falsamente, con la sua spada laser, beccandosi i rimproveri della Maestra Jedi. Tuttavia l'interrogatorio viene interrotto dall'assalto dei droidi separatisti. Luminara cade nell'astuto tranello, recandosi a contrastarli, e lasciando Ahsoka da sola a combattere con Asajj Ventress, che la intrappola. La situazione si ribalta all'arrivo di Luminara, la quale riesce a mettere in fuga Ventress; tuttavia la Maestra si lascia abbindolare nuovamente cedendo alla tentazione di inseguire la Jedi Oscura. Questo permette al capitano Argyus, in combutta con Dooku, di tradire tutti non appena Ahsoka lascia la prigione per soccorrere Luminara.

Aayla Secura era intrappolata su un incrociatore, in una attacco di molte fregate separatiste alla sua flotta e Ahsoka e Anakin andarono a salvarla con una minuscola nave; la nave venne rotta da un colpo che la fece andare (con il salto nell'iperspazio) sul pianeta Maridun, popolato dai Lurmen. Questi ultimi aiutarono Skywalker, ferito nella battaglia, e il piccolo gruppo (composto da Anakin, Ahsoka, Aayla Secura, Rex, Bly e precedentemente da alcuni Clone Trooper che morirono all'arrivo) a combattere i droidi guidati da Lok Durd, che li stava sterminando; alla fine della battaglia, una flotta di incrociatori si avvicinarono al pianeta per aiutare i Jedi e i Cloni. Nel 21 BBY fu catturata su Felucia, all'insaputa di Plo Koon e Anakin (che erano con lei), da dei cacciatori Trandoshani e portata sulla luna Wasskah, insieme ad altre prede, per essere catturate. Nella giungla trova tre Padawan Jedi e Chewbecca; grazie all'aiuto di questi ultimi e all'arrivo di un gruppo di Wookiee riesce a sconfiggere i Trandoshani e a fuggire.

Quando Onderon fu conquistato dalla Confederazione dei Sistemi Indipendenti durante le guerre dei cloni, il re Ramsis Dendup fu destituito e il suo posto lo prese un fantoccio inviato dal conte Dooku: il dispotico e malvagio Sanjay Rash. La Repubblica, per non coinvolgersi apertamente nella faccenda, inviò segretamente Ahsoka e Obi-Wan Kenobi e Anakin Skywalker per addestrare un gruppo di Ribelli, capeggiato da Steela Guerrera, che contrastavano le armate di droidi dei Separatisti. Il gruppo ribelle comprendeva anche Lux Bonteri, figlio della defunta Mina Bonteri, con cui Ahsoka ha sempre avuto un rapporto particolare (il giovane arrivò a baciare la Togruta su Carlac). Quando Rash ordinò di giustiziare pubblicamente l'ex re Dendup, i Ribelli salvarono il vero re ma furono costretti alla fuga dalle forze Separatiste, sebbene la guardia d'onore di Onderon si fosse ribellata al sovrano fantoccio Rash. Durante una decisiva battaglia, però, Guerrera morì cadendo da un dirupo ma le forze Separatiste guidate dal generale droide Kalani furono costrette alla fuga (poiché avrebbero occupato troppo tempo per stanare i Ribelli dalle montagne) e il conte Dooku, furibondo, ordinò al generale di uccidere Rash. Con la morte del fantoccio e la sconfitta dei Separatisti, Dendup ritornò il sovrano di Onderon.

Nel 20 BBY Ahsoka fu accusata dell'omicidio di Letta Thurmond, moglie di un operaio che lavorava alla manutenzione del Tempio Jedi che era stato riempito di nanodroidi esplosivi causando la morte di numerosi Jedi, e su di lei fu esteso un mandato di cattura per tutta Coruscant. Costretta a rifugiarsi nei bassifondi del pianeta incontra nuovamente Ventress che, divenuta una cacciatrice di taglie, è decisa a consegnarla alla Repubblica; cambia però idea facendo un patto con Ahsoka che sarebbe andato a vantaggio di entrambe. Asajj conduce Ahsoka alla fabbrica abbandonata ricca di nanodroidi dove Letta si era recata qualche giorno prima e, dopo che Ventress se n'era andata, ingaggiò uno scontro con un misterioso assalitore, armato delle spade laser di Ventress (l'aveva infatti stordita e privata delle armi poco prima). Ahsoka viene sconfitta e, mentre l'assalitore fugge, viene catturata dal comandante Wolffe e da Anakin. Condotta al Tempio Jedi, a seguito di un breve processo, viene espulsa dall'Ordine; portata nel tribunale della Repubblica, viene ferocemente attaccata dal capitano Tarkin durante il processo, sotto gli occhi di Palpatine (in veste di giudice). Anakin, sicuro dell'innocenza della sua Padawan, interroga Ventress circa l'accaduto e viene a conoscenza del fatto che Ahsoka, poco prima della sua cattura, aveva parlato di nascosto con la sua amica storica Barriss Offee. Dopo essersi recato nella sua camera viene da lei aggredito, rivelandosi essere l'assalitrice oscura che aveva attaccato Ahsoka nella fabbrica abbandonata poiché aveva le spade di Ventress. Tra i due nasce uno scontro in cui Skywalker ha la meglio e riesce a portare la Jedi traditrice al processo, salvando quindi la sua Padawan. Quando però le viene offerta la possibilità di ritornare nell'Ordine Jedi come Padawan di Skywalker ella rifiuta, sentendosi sfiduciata.[21] Riappare poi brevemente in una visione di Yoda mentre questi si trovava su Moraband.

RebelsModifica

Il personaggio fa ritorno nell'ultima puntata della prima stagione della serie Star Wars Rebels. Diversi anni dopo, nel 5 BBY, Ahsoka (ormai trentunenne) si palesa dinanzi ad un gruppo di ribelli formato da Ezra Bridger, Kanan Jarrus, Hera Syndulla, Sabine Wren e Garazeb Orellios e Chopper e rivelando loro che si era nascosta per tutto questo tempo sotto il nome "Fulcrum", divenendo parte attiva della Ribellione assieme al senatore Bail Organa.[22] Ahsoka rimase gran parte di questo tempo non partecipando attivamente alle missioni, come Kanan e il suo gruppo, ma preferendo investigare sul Signore dei Sith che aveva distrutto lo Squadrone Phoenix nella battaglia nell'orbita di Lothal. Intervenne però per salvare Kanan ed Ezra dall'attacco dei due Inquisitori Quinto Fratello e Settima Sorella su Takobo sconfiggendoli, salvo poi fuggire a causa dell'arrivo degli Stormtrooper (4 BBY). Successivamente si reca su Lothal assieme a Kanan ed Ezra per raggiungere il tempio Jedi perduto per mettersi in contatto con il maestro Yoda attraverso la Forza: lì ha una visione in cui vede Anakin diventare Dart Fener, cosa che lei non sapeva essere avvenuta.[23][24]

In seguito si reca su Malachor assieme a Kanan e ad Ezra e i tre vi trovano un antico Tempio Sith. Dopo essere stati attaccati dagli Inquisitori (questa volta affiancati anche da un terzo di loro, Ottavo Fratello), i tre vengono a contatto con Maul, il quale uccide due Inquisitori (il terzo muore accidentalmente) e vuole prendere Ezra come suo apprendista e che in realtà il Tempio è una gigantesca stazione da battaglia creata da lui stesso per distruggere i suoi nemici. Successivamente Maul acceca Kanan con la sua spada laser e affronta Ahsoka, ma viene in seguito sconfitto e scacciato proprio da Kanan (seppur cieco). Ahsoka raggiunge Ezra sulla sommità del Tempio, dove il ragazzo ha inserito un olocrone Sith trovato in precedenza grazie a Maul in una struttura, e affronta Dart Fener.

Durante il combattimento spacca l’elmo del Signore Oscuro scoprendo che il Sith non è altro che il suo ex maestro, Anakin Skywalker.[25] Scioccata da tale rivelazione, decide di rimanere nel tempio che collassa ad affrontare Fener. Mentre il Sith si prepara ad uccidere la sua ex allieva, Ezra la strappa letteralmente via da qual momento salvandole la vita. Molto tempo dopo, a seguito della Battaglia di Endor, che ha segnato la dipartita definitiva dell’Impero e dell’Imperatore, Ahsoka scappa da Malachor, e si unisce a Sabine Wren alla ricerca di Ezra.

RomanziModifica

Ahsoka è apparsa in Battle to the End. È stata menzionata anche in Tarkin e ne Il Ritorno dello Jedi (in originale Return of the Jedi: Beware the Power of the Dark Side!)

Il 31 marzo, è stato annunciato che verrà realizzato un romanzo intitolato Ahsoka che parlerà della sua storia dall'addio all'Ordine dei Jedi in Star Wars: The Clone Wars, fino alla sua apparizione in Star Wars Rebels.[4][26][27][28] Il libro è uscito negli Stati Uniti l'11 ottobre 2016, mentre non è ancora prevista una data per la pubblicazione in Italia.[26][28]

LegendsModifica

Con l'acquisizione della Lucasfilm da parte di The Walt Disney Company nel 2012, la maggior parte dei romanzi e fumetti di Guerre stellari prodotti su licenza sono stati inseriti nel brand Star Wars Legends e dichiarati non canonici al franchise nel mese di aprile del 2014.[29][30][31]

VideogiochiModifica

Ahsoka è presente in alcuni giochi facenti parte dell'universo espanso di Guerre stellari.

PersonalitàModifica

In The Clone Wars Ahsoka è una giovane Jedi, spesso troppo impulsiva. Ha una spiccata intelligenza, motivo per il quale lo stesso Anakin la definisce Furbetta. Lei invece chiama Anakin scherzosamente Sky-coso, facendo finta di non ricordare la seconda parte del cognome -walker. Il suo rapporto con Anakin, è simile a quello di Anakin con Obi-Wan. Tuttavia, i due si completano. Infatti Ahsoka, rispecchia l'impulsività che Anakin ha nascosto per via della sua età e per dimostrare ai suoi superiori di essere cresciuto. Ad esempio quando ricevono la richiesta d'aiuto di Plo Koon, Anakin, decide di non raggiungerlo, per l'ordine dei Jedi e di Palpatine. Tuttavia, in realtà lui sarebbe già andato a salvarlo, ma rispetta i suoi superiori. È proprio Ahsoka, che ravviva in lui quell'impulsività in parte spenta. George Lucas ha dichiarato che il personaggio di Ahsoka è stato sviluppato ispirandosi all' Anakin Padawan dell' Episodio II.

Presenta dei caratteri tipici dei Jedi, ma data la sua giovane età, non sempre rispetta i loro codici. Come tutti i Jedi ha un forte senso della giustizia, e sarebbe disposta a sacrificare la sua vita ma anche a disubbidire agli ordini provenienti dall'alto, pur di salvare una vita. Lo dimostra in varie occasioni: disubbidisce al Consiglio Jedi e al cancelliere Palpatine, pur di prestare soccorso al maestro Plo Koon; disobbedisce a Luminara Unduli, prestandole soccorso contro Asajj Ventress; rischia la propria vita contro il generale Grievous, pur di aiutare Anakin a ritrovare il suo droide. Spesso risulta avventata e ribelle, e cerca di risolvere le questioni nella maniera più rapida. Ad esempio, mentre la maestra Luminara cercava di scavare pazientemente nella mente di Nute Gunray, lei non esitò ad estrarre la sua spada laser per minacciarlo.

Le sue spade laserModifica

È un'ottima spadaccina, riuscendo a tenere testa a nemici come Grievous e Ventress. Lo stile di combattimento con la spada laser che pratica inizialmente è lo Shien ma con la spada al contrario, oltre a praticarne altri con la spada al verso giusto: ad esempio sapeva l'Ataru e più tardi apprese anche il Djem So e il Niman dal suo maestro. Dal 21 BBY iniziò a studiare il Jar'Kai, combattimento con due spade laser (la si vede con due spade nell'episodio 10 della terza stagione di Star Wars: The Clone Wars, sebbene il primo episodio in cui le estrae entrambe sia il 15°, I guardiani della Forza).

Inizialmente la sua spada laser aveva la lama verde ma, a partire dal 21 BBY, ne acquisirà una seconda gialla e dalla lama più corta. Perse poi le sue spade durante la fuga dai cloni nel 20 BBY. Anche se non compare nell'ultima puntata della quinta stagione, il produttore esecutivo Dave Filoni ha detto che Ahsoka, dopo aver detto addio all'Ordine dei Jedi, cede loro le sue spade laser.[14] Da adulta se ne fabbricherà due nuove dalla lama bianca, presenti in Star Wars Rebels.[14] Il perché di questa scelta è stato rivelato dallo stesso Dave Filoni, ovvero che Ahsoka, non facendo parte di alcuna fazione e non essendo più una Jedi, debba possedere spade laser dalle lame incolori.[16]

AccoglienzaModifica

CriticheModifica

 
Cosplay di Ahsoka Tano.

Dopo la sua introduzione, alcuni critici hanno trovato il personaggio di Ahsoka molto fastidioso, prevedendo la sua morte prima che la serie fosse finita, in quanto lei non appare ne La vendetta dei Sith.[38][39] Il Los Angeles Times ha definito Ahsoka un personaggio "calcolato per essere carino" nel film The Clone Wars.[40] Wired ha criticato l'aspetto di Ahsoka "mezza nuda" nelle prime due stagioni, definendo il cambio di vestito nella terza "più appropriato".[17] Blastr ha detto che, superata l'immaturità iniziale di Ahsoka, col tempo diviene "un personaggio a tutto tondo e complesso in tutti i sensi".[39] La giovane Ahsoka, è stata un punto di vista per gli spettatori più giovani.[38] io9 ha definito le storie di Ahsoka uno dei migliori aspetti di The Clone Wars, mettendo in evidenza il ruolo del personaggio, permettendo di esplorare gli aspetti della guerra e i difetti degli Jedi.[38] Secondo Tech Times, la maturazione e lo sviluppo di Ahsoka sono lo specchio della serie tv.[41] Il giornalista Chris Taylor ha definito la decisione di Ahsoka di lasciare l'Ordine Jedi la parte più scioccante dello show.[7] La doppiatrice di Ahsoka Ashley Eckstein, è stata nominata per il 2012 e 2013 "Miglior interpretazione come doppiatrice protagonista in una serie televisiva - Azione/drammatico", premio dato ai doppiatori.[42][43]

The Mary Sue ha detto che il rapporto di Ahsoka con il suo maestro Anakin, è fondamentale per comprendere il suo sviluppo e la sua crescita tra i film L'attacco dei cloni e La vendetta dei Sith.[44] Il sito Blastr ha detto che le interazioni di Anakin con Ahsoka, ci fanno vedere che lui era sia un potente Jedi che un eroe di guerra. Blastr ha anche ipotizzato che il senso di fallimento di Anakin quando Ahsoka lascia i Jedi, contribuisce alla sua caduta verso il Lato Oscuro;[39] io9 ha ipotizzato che Ahsoka, se fosse rimasta con lui, lo avrebbe aiutato a ravvedersi.[38] Inoltre io9 ha detto che Ahsoka, più di Anakin, esprime una guida morale in The Clone Wars.[38]

Blastr ha definito Ahsoka uno dei personaggi più importanti di Star Wars, in particolare per le giovani ragazze che, fino a quel punto, non avevano visto una donna Jedi sullo schermo.[39] Erika Travis della California Baptist University, ha detto che Ahsoka è "compassionevole e femminile, senza essere apertamente sessualizzata".[45] Peter Lee definisce Ahsoka un'icona femminista, aggiungendo che lei è uno dei personaggi che compongono The Clone Wars, che si possono considerare persino superiori a quelli delle trilogie originali e prequel.[46] Lee ha aggiunto che Ahsoka è il personaggio femminile che probabilmente mostra la maggior crescita, rispetto a qualsiasi altro, nel canone di Guerre stellari.[46]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Padawan Ahsoka Joins the Star Wars Cast, su Archive.org. URL consultato il 7 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2011).
  2. ^ a b (EN) Ultimate Star Wars, su starwars.wikia.com. URL consultato il 7 agosto 2016.
  3. ^ (EN) Ahsoka Tano, su StarWars.com. URL consultato il 7 marzo 2015.
  4. ^ a b (EN) Amy Ratcliffe, New Star Wars Novel Featuring Ahsoka Tano Announced (Exclusive), su Nerdist, Nerdist Industries, 31 marzo 2016. URL consultato il 19 maggio 2016.
  5. ^ (EN) Anakin Skywalker, su StarWars.com. URL consultato il 7 marzo 2015.
  6. ^ TV Guide Article August 11, 2008
  7. ^ a b (EN) Chris Chris Taylor (journalist), How Star Wars Conquered the Universe: The Past, Present, and Future of a Multibillion Dollar Franchise (eBook), Basic Books, 2014, p. 377, 380, OCLC 889674238.
  8. ^ (EN) Legends of the Lasat Trivia Gallery, su StarWars.com, Lucasfilm. URL consultato il 20 maggio 2016.
  9. ^ (EN) JR Minkel, When Clones Attack: Q&A with Clone Wars Director David Filoni, su Scientific American, Springer Nature, 11 agosto 2008. URL consultato il 26 maggio 2016.
  10. ^ a b   (EN) Dave Filoni Speaks at the National Center for Women & Information Technology, 24 maggio 2016, a 11 min 38 s. URL consultato il 26 maggio 2016.
  11. ^ a b c d e f g (EN) Dan Brooks, From The Clone Wars to Rebels: Ashley Eckstein on Ahsoka Tano's Journey, su StarWars.com, Lucasfilm, 30 marzo 2016. URL consultato il 20 maggio 2016.
  12. ^ a b c (EN) Dan Brooks, Interview: Dave Filoni on Star Wars Rebels, Part 3, su StarWars.com, Lucasfilm, 5 marzo 2015. URL consultato il 19 maggio 2016.
  13. ^ (EN) Patrick Kevin Day, ‘Star Wars: The Clone Wars’: Dave Filoni on Ahsoka’s fate, Master Yoda, su Los Angeles Times, Tribune Publishing, 7 marzo 2014. URL consultato il 20 maggio 2016.
  14. ^ a b c d e Rebels Recon: Inside "Fire Across the Galaxy" - Star Wars Rebels, su StarWars.com, Lucasfilm. URL consultato il 19 maggio 2016.
  15. ^ a b (EN) Brian Truitt, A Jedi returns in 'Star Wars Rebels' finale, su USA Today, Gannett Company, 3 marzo 2015. URL consultato il 19 maggio 2016.
  16. ^ a b c (EN) Rebels Recon: Inside "The Siege of Lothal", su StarWars.com. URL consultato il 9 giugno 2016.
  17. ^ a b (EN) Scott Thill, Jedi Cover-Up: Clone Wars’ Ahsoka Gets Less-Revealing Costume, su Wired, Condé Nast, 16 novembre 2010. URL consultato il 20 maggio 2016.
  18. ^ a b [MAJ] [The Clone Wars] Des images et une voix, su Starwars-universe.com, 17 febbraio 2008. URL consultato il 17 aprile 2015.
  19. ^ a b (EN) Robin Parrish, Ahsoka Tano Returns: Ashley Eckstein Talks 'Star Wars Rebels' Season 2, su Tech Times, 19 giugno 2015. URL consultato il 20 maggio 2016.
  20. ^ a b Ahsoka Tano, su StarWars.com, Lucasfilm. URL consultato il 20 maggio 2016.
  21. ^ Ashley Eckstein, E-Mails Between Master & Padawan About Ahsoka's Decision, StarWars.com, 6 marzo 2013. URL consultato il 18 maggio 2016.
  22. ^ (EN) Fulcrum’s Identity Revealed, su Star Wars Underworld. URL consultato il 3 marzo 2015.
  23. ^ (EN) Two generations of heroes meet in new Star Wars Rebels trailer, su Entertainment Weekly. URL consultato il 18 aprile 2015.
  24. ^ (EN) Anthony Breznican, 'Star Wars: Rebels' — A deep dive into the shocking new trailer, Entertainment Weekly, 15 gennaio 2016. URL consultato il 10 marzo 2016.
  25. ^ (EN) Star Wars Rebels: Il crepuscolo dell'apprendista (seconda parte) (Twilight of the Apprentice: Part 2), 2.
  26. ^ a b Ahsoka Tano: annunciato un romanzo dopo l'Ordine 66 starwarslibricomics.it
  27. ^ (EN) Ahsoka Young Adult Novel Coming in October, su savetheclonewars.com. URL consultato il 15 luglio 2016.
  28. ^ a b Annunciato un romanzo su Ahsoka Tano ambientato dopo l'ordine 66! guerrestellari.net
  29. ^ (EN) Graeme McMilian, Lucasfilm Unveils New Plans for Star Wars Expanded Universe, in The Hollywood Reporter, 25 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2016.
  30. ^ (EN) The Legendary Star Wars Expanded Universe Turns a New Page, StarWars.com, 25 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2016.
  31. ^ (EN) Disney and Random House announce relaunch of Star Wars Adult Fiction line, StarWars.com, 25 aprile 2014. URL consultato il 26 maggio 2016.
  32. ^ a b (EN) Riccardo Anselmi, È arrivato il nuovo Star Wars, in Fantascienza.com, 16 novembre 2008. URL consultato il 16 novembre 2008.
  33. ^ a b (EN) The Clone Wars Video Games!, in TheForce.net, 30 agosto 2008. URL consultato il 16 novembre 2008.
  34. ^ (EN) Stephen Nunneley, Star Wars The Clone Wars: Republic Heroes announced, trailered, VG247, 9 maggio 2009. URL consultato il 16 maggio 2009.
  35. ^ (EN) Star Wars: The Clone Wars Republic Heroes Preview, Gaming Union, 26 agosto 2009. URL consultato il 26 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2009).
  36. ^ (EN) Feral Interactive: LEGO Star Wars III: The Clone Wars release announcement, su feralinteractive.com.
  37. ^ (EN) Kyle Hilliard, Fighting The Clone Wars: Ninja Theory's Take On Star Wars, Game Informer. URL consultato il 17 maggio 2015.
  38. ^ a b c d e (EN) Lauren Davis, Why Ahsoka Tano Is the Best Thing to Happen to Star Wars in 20 Years, su io9, Gawker Media, 16 dicembre 2015. URL consultato il 20 maggio 2016.
  39. ^ a b c d (EN) Lisa Granshaw, From Snips to Fulcrum: Why Ahsoka Tano is one of the most important characters ever created for Star Wars, su Blastr, Comcast, 31 marzo 2016. URL consultato il 20 maggio 2016.
  40. ^ (EN) Michael Ordona, It's a weak Jedi mind trick, in Los Angeles Times, 15 agosto 2008.
  41. ^ Robin Parrish, Why 'Rebels' And 'The Clone Wars' Are The Best Star Wars Material In 30 Years, su Tech Times, 31 luglio 2015. URL consultato il 20 maggio 2016.
  42. ^ (EN) 2012 BTVA Voice Acting Awards, su Behind The Voice Actors. URL consultato il 20 giugno 2016.
  43. ^ (EN) 2013 BTVA Voice Acting Awards, su Behind The Voice Actors. URL consultato il 20 maggio 2016.
  44. ^ (EN) Mike Chen, How Ahsoka Tano Completed the Arc of Anakin Skywalker, su The Mary Sue, Dan Abrams, 4 aprile 2016. URL consultato il 20 maggio 2016.
  45. ^ (EN) Erika Travis, From Bikinis to Blasters: The Role of Gender in the Star Wars Community, in Mika Elovaara (a cura di), Fan Phenomena: Star Wars, Intellect Books, 2013, pp. 52, ISBN 978-1-78320-097-9, OCLC 855504258.
  46. ^ a b (EN) Peter W. Lee, A Galaxy Here and Now: Historical and Cultural Readings of Star Wars, McFarland & Company, pp. 64, 74, ISBN 978-1-4766-6220-6.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica