Apri il menu principale

Ai Weiwei: Never Sorry

film del 2012 diretto da Alison Klayman
Ai Weiwei: Never Sorry
Lingua originaleinglese, cinese mandarino
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2012
Durata91 min
Generebiografico, documentario
RegiaAlison Klayman
SceneggiaturaAlison Klayman
Casa di produzioneExpressions United Media, MUSE Film and Television
Distribuzione in italianoPFA Films, Feltrinelli, Biografilm Festival
Interpreti e personaggi
  • Ai Weiwei: se stesso
  • Danqing Chen: se stesso
  • Ying Gao: se stesso
  • Changwei Gu: se stesso
  • Lu Qing: se stessa
Doppiatori italiani

Ai Weiwei: Never Sorry (in cinese: 艾未未:道歉你妹S) è un film documentario del 2012 sulla vita dell'artista e attivista cinese Ai Weiwei, diretto dalla regista statunitense Alison Klayman.

Il regista ha ricevuto il premio speciale della giuria al Sundance Film Festival 2012 per il film, il quale ha aperto l'Hot Docs Canadian International Documentary Festival il 26 aprile 2012. La pellicola ha anche ricevuto un premio speciale al Passion For Freedom Festival del 2012 a Londra. In Italia il film è stato presentato per la prima volta al Biografilm Festival il 13 luglio 2012.

DescrizioneModifica

Il film segue la vita di Ai Weiwei, mostrando gli episodi più significati della vita dell'artista a parire dal dicembre 2008, anno del primo incontro tra Weiwei e il regista. Il film parte con la presentazione della mostra di Weiwei alla Haus der Kunst di Monaco di Baviera nel settembre 2009 e della mostra di Tate Modern dell'anno dopo. Nel film sono presenti numerosi momenti in cui Weiwei subisce varie pressioni da parte dalle autorità cinesi come quando fu percosso dalla polizia di Chengdu subendo una grave lesione alla testa oppure quando il governo cinese decide di radere al suolo il suo monocale a Shanghai.

Il documentario mostra anche momenti di vita quotidiana dell'artista, il suo rapporto con la moglie, il figlio (avuto da una vecchia relazione), la madre e il padre, quest'ultimo deceduto nel 1996 e anch'egli perseguitato dal governo comunista.

Collegamenti esterniModifica