Airbus A318

Aereo di linea, il più piccolo della famiglia Airbus A320
Airbus A318
2010-07-08 A318 AirFrance F-GUGM EDDF 02.jpg
Un Airbus A318 di Air France
Descrizione
TipoAereo di linea
Equipaggio2 piloti +
gli assistenti di volo
ProgettistaEuropa Airbus
CostruttoreEuropa Airbus
Data primo volo15 gennaio 2002
Anni di produzione2003-in produzione
Data entrata in servizio21 luglio 2003 con Frontier Airlines
Utilizzatori principali
(Giugno 2020)
Francia Air France
18 esemplari
Romania Tarom
4 esemplari
Cina Business Aviation Asia
2 esemplari
Utilizzatori storiciFrancia Air France
18 esemplari assoluti (2003-presente)
Brasile Avianca Brasil
15 esemplari assoluti (2011-2019)
Esemplari80[1]
Costo unitario77,4 milioni di $ 2018[2]
Sviluppato dalAirbus A319
Dimensioni e pesi
A318v1.0.png
Tavole prospettiche
Lunghezza31,45 m
Apertura alare34,10 m
Diametro fusoliera4,14 m
Freccia alare25°
Altezza12,89 m
Superficie alare122,4
Peso a vuoto39 500 kg
Peso carico61 900 kg
Peso max al decollo61 500 kg
PasseggeriFino a 136
Capacità combustibile23 859 L
Propulsione
Motore2 turboventola:
Spinta
Prestazioni
Velocità max0,82 Mach (1 012,54 km/h)
Velocità di crociera0,78 Mach (963 km/h)
Autonomia5 750 km (3 100 nmi)
Tangenza12 131 m (39 800 ft)

Dati estratti da A318-airbus.com

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

L'Airbus A318 è l'aereo di linea più piccolo della famiglia Airbus A320. Può trasportare fino a 132 passeggeri e ha un'autonomia di 3 100 miglia nautiche (5 700 km).[3] L'assemblaggio finale ha luogo ad Amburgo, in Germania. È destinato principalmente al servizio a corto raggio, sebbene British Airways lo utilizzi sulla rotta transatlantica Londra - New York (con scalo a Shannon, sulla tratta verso gli Stati Uniti, per il rifornimento di carburante, poiché l'A318 sarebbe troppo pesante per decollare dalla corta pista dell'aeroporto di Londra-City con i serbatoi completamente pieni).

L'aeromobile condivide un type rating comune con tutte le altre varianti della famiglia Airbus A320, consentendo ai piloti di passare da un modello all'altro senza la necessità di ulteriore addestramento. È il più grande aereo commerciale certificato dall'Agenzia europea per la sicurezza aerea per le operazioni di "avvicinamento ripido", che consentono voli in aeroporti come quello di Londra-City.

L'A318 è entrato in servizio nel luglio 2003 con Frontier Airlines. Rispetto alle altre varianti della famiglia molto più vendute, sono stati consegnati solo 80 aeromobili, e attualmente non sono presenti ulteriori ordini.[4] Ha un eccellente record di sicurezza; al 2020, degli oltre 120 incidenti che hanno coinvolto velivoli della famiglia A320, nessuno di essi ha come protagonista un Airbus A318.[5] Al 2020, Air France ne è il principale operatore, con 18 esemplari nella flotta.[6]

Storia del progettoModifica

ContestoModifica

Il primo Airbus della famiglia A320 fu lo stesso A320, che volò per la prima volta il 22 febbraio 1987 dopo l'avvio del programma nel marzo 1984.[7] La famiglia fu presto estesa per includere l'A321, la versione allungata (prima consegna nel 1994), l'A319, la versione accorciata (prima consegna nel 1996), e l'A318, quella ancora più corta (prima consegna nel 2003). Questa famiglia è stata pioniera nell'utilizzo dei sistemi digitali di controlli di volo fly-by-wire, nonché nell'utilizzo di side-stick al posto delle comuni "cloche" posizionate di fronte ai piloti.

 
Il glass cockpit di un Airbus A318.

Il progetto dell'Airbus A318 ebbe origine nella collaborazione tra produttori cinesi, singaporiani ed europei. Nel maggio 1997, durante la visita del presidente francese Jacques Chirac in Cina, Aviation Industries of China (AVIC), Singapore Technologies Aerospace (STAe), Airbus e Alenia firmarono un accordo che delineava lo sviluppo di un aeromobile con circa 100 posti a sedere.[8] Il programma AE31X, come fu provvisoriamente soprannominato, oltre ad essere un programma industriale globale, avrebbe significativamente rafforzato i legami commerciali sino-europei. Con costi di sviluppo stimati in 2 miliardi di dollari statunitensi, AVIC avrebbe avuto una partecipazione del 46% nel progetto, STAe del 15% e Airbus Industrie Asia del 39%; quest'ultimo comprendeva sia Airbus che Alenia. L'assemblaggio finale avrebbe avuto luogo in Cina.

Questo progetto non andò oltre la fase esplorativa.[9] Comprendeva due progetti: l'AE316 e l'AE317. L'AE316 avrebbe avuto una lunghezza di 31,3 metri e l'AE317 di 34,5 metri.[10] Le versioni standard di entrambe le varianti avevano un peso massimo al decollo di 49,9 tonnellate per la versione più piccola AE316 e 54,2 tonnellate per l'AE317, e sarebbe stato alimentato da motori turboventola BMW Rolls-Royce, CFM International o Pratt & Whitney.[11] L'autonomia sarebbe stata di 2 000 miglia nautiche (3 700 km) per entrambe le varianti standard. L'AE316 e l'AE317 avrebbero potuto trasportare al massimo 105 e 125 passeggeri, rispettivamente. Entrambi avrebbero condiviso la stessa cabina di pilotaggio e lo stesso sistema digitale di controlli di volo fly-by-wire, simile a quello della famiglia A320.[12]

Una ricerca di mercato condotta nel 1997 rivelò che le compagnie aeree volevano un aeromobile più piccolo, nella fascia da 70-80 posti.[13] Man mano che il progetto procedeva, ci furono crescenti divergenze tra la parte cinese e Airbus. La Cina voleva un aereo più grande di quanto inizialmente previsto. Inoltre, si verificarono difficoltà derivanti dalle negoziazioni sul trasferimento di tecnologia e sulla condivisione del lavoro di produzione. STAe, avendo precedentemente espresso dubbi sui rendimenti del progetto[14], nel 1998 si ritirò anche a causa dell'incapacità di AIA e AVIC di raggiungere un accordo; Airbus e AVIC cancellarono il progetto nel luglio di quell'anno.[15] Si ritiene che l'A318 sia emerso dal progetto AE31X[16] sebbene un progetto della sola Airbus, chiamato A319M5 nel marzo 1998, era iniziato prima della cancellazione dell'AE31X.[17]

ProgettazioneModifica

La denominazione aziendale interna A319M5 venne utilizzata già nel marzo 1998 per un velivolo derivato dall'accorciamento della fusoliera dell'A319 di 0,79 metri (2 ft 7 in) davanti all'ala e di 1,6 metri (5 ft 3 in) dietro.[18] La proposta finale era per un aeromobile che potesse ospitare 107 passeggeri in una configurazione a due classi con un'autonomia di 3 350 km (1 810 nmi). La produzione sfruttava la saldatura laser, eliminando la necessità di pesanti rivetti e bulloni.

 
Un Airbus A318 di British Airways, fotografato all'Aeroporto di Londra-City.

Durante il processo di progettazione dell'A318, vennero riscontrati diversi problemi. Il primo fu il calo della domanda di nuovi aeromobili in seguito agli attacchi dell'11 settembre. Un altro fu il consumo di carburante superiore al previsto dei nuovi motori turboventola Pratt & Whitney. Quando la CFM International (CFM) sviluppò propulsori più efficienti, molti clienti dell'Airbus A318, tra cui Air China e British Airways, avevano già ritirato la maggior parte degli ordini. America West Airlines, che aveva scelto la versione con i motori Pratt & Whitney, optò invece per gli A319 o A320. Trans World Airlines annullò un ordine significativo per 50 A318 dopo essere stata acquisita da American Airlines, che all'epoca non possedeva alcun aeromobile della famiglia degli A320 (sebbene nemmeno TWA al momento dell'ordine originario). Mentre Airbus sperava di commercializzare l'A318 come jet regionale, le leggi sia negli Stati Uniti che in Europa lo hanno mantenuto nella stessa classe degli aerei più grandi per il calcolo di tasse, come quelle di atterraggio, limitandone il potenziale di mercato.

L'aeromobile è alimentato da due motori CFM56-5 o Pratt & Whitney PW6000, con valori di spinta massima compresi tra 96 e 106 chilonewton (21 600 e 23 800 lbf). I clienti di lancio, Frontier Airlines e Air France, hanno ricevuto consegne a partire dal 2003. Il prezzo di listino di un A318 varia da 56 a 62 milioni di dollari americani, e i costi operativi sono compresi tra i 2 500 e i 3 000 dollari americani per ogni ora di volo.

Gli ordini sono stati relativamente lenti ad arrivare, ma leggermente in maggior numero rispetto al suo concorrente diretto, il Boeing 737-600. Al 2020, Airbus ha ricevuto 80 ordini per questo modello[19] rispetto ai 69 per il 737-600.[20] Il ritmo delle vendite è stato influenzato dalle forti vendite di Bombardier CRJ900 ed Embraer E-Jets. I maggiori clienti di A318 sono stati governi, executive e privati (20), Air France (18), Avianca (15), GECAS (12) e Frontier Airlines (9).

Ulteriori sviluppiModifica

Il 10 novembre 2005, Airbus annunciò l'A318 Elite. Destinato al mercato di medio raggio per voli fino a 4 000 miglia nautiche (7 400 km), è alimentato da due motori CFM56 e può ospitare fino a 18 passeggeri in più. Comlux Aviation è stato il cliente di lancio ordinando tre A318 Elite.

Nel settembre 2010, Airbus confermò che dal 2013 l'A318 sarebbe diventato disponibile con le Sharklets, dispositivi posti sulla punta alare che riducono la resistenza nella salita e migliorano l'efficienza riducendo il consumo di carburante.[21] I dispositivi opzionali, disponibili anche su altri modelli della famiglia Airbus A320 e prodotti dalla Korean Air Aerospace Division, permettono un'autonomia fino a 5 930 km (3 200 nmi), un aumento di 185 chilometri (100 nmi) rispetto a un A318 standard con 107 posti a sedere in una configurazione a due classi.[21]

TecnicaModifica

 
Un Airbus A318-111 di Frontier Airlines.

L'Airbus A318 è un aereo commerciale a corridoio singolo alimentato da due propulsori turboelica posizionati sulle ali. Due produttori forniscono i motori per questo velivolo: CFM International, con i CFM56-5B, e Pratt & Whitney, con i PW6000A. È un monoplano ad ala bassa con un'unità di coda convenzionale, avente un singolo stabilizzatore verticale e un timone.

Complessivamente, l'A318 è più corto di oltre 6 metri e circa 3 tonnellate più leggero rispetto all'A320. Per compensare il momento ridotto, ha uno stabilizzatore verticale più grande. Mentre i progetti iniziali rappresentavano il velivolo con un'estensione della deriva in stile Boeing 737-300[22], il design finale incorpora un'estensione in altezza, 75 centimetri in più rispetto alle altre varianti dell'A320. I piloti addestrati su tali varianti possono volare sull'A318 senza ulteriori certificazioni, dal momento che hanno lo stesso type rating. L'A318 viene anche chiamato A318-100.[23]

L'A318 è disponibile con una varietà di pesi massimi al decollo (MTOW) che vanno da un modello base da 59 tonnellate, con un'autonomia di 1 480 miglia nautiche (2 740 km), a un modello da 68 tonnellate, con un'autonomia di 3 200 miglia nautiche (5 900 km). Se equipaggiato con motori CFM56-5B8/P, è disponibile con un MTOW da 56 o 68 tonnellate. Se equipaggiato con motori CFM56-5B9/P, è disponibile con un MTOW da 59 o un 68 tonnellate.[24] Il MTOW inferiore gli consente di operare su rotte regionali sacrificando la portata, il MTOW superiore gli consente di operare su rotte effettuate anche da altri modelli della famiglia A320, permettendo alle compagnie di risparmiare in caso di un numero limitato di prenotazioni. Il peso inferiore rispetto alle altre varianti gli permette di avere un'autonomia del 10% maggiore rispetto all'A320, consentendogli di operare su alcune rotte che l'A320 non sarebbe in grado di effettuare: Londra-New York, Perth-Auckland e Singapore-Tokyo, ad esempio. Il suo uso principale per le compagnie aeree, tuttavia, è su tratte brevi e di bassa densità tra città di medie dimensioni.

Capacità di avvicinamento ripidoModifica

 
Un A318 nella livrea di Airbus.

Nel marzo 2006, l'Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) ha certificato modifiche e potenziamenti al software di controllo dell'Airbus A318, per consentirgli di eseguire avvicinamenti ripidi ("Steep approach").[25] L'aeromobile è il più grande velivolo commerciale certificato dall'EASA per operazioni di avvicinamento ripido.[26] Il software modifica le leggi di controllo dell'aeromobile quando l'equipaggio seleziona la funzione di avvicinamento ripido, estendendo automaticamente alcuni deflettori per fornire ulteriore resistenza quando l'A318 si trova nella configurazione di atterraggio.[25] Fornisce inoltre allarmi acustici alternativi ai piloti e gestisce automaticamente il dispiegamento degli spoiler al di sotto dei 120 piedi (37 m) durante l'atterraggio. La procedura di avvicinamento ripido gli consente di eseguire avvicinamenti con angoli di discesa fino a 5,5°, rispetto ai 3° di un avvicinamento standard.[26]

Nel maggio 2006, venne condotto un volo di prova per dimostrare le capacità di avvicinamento ripido dell'aeromobile e le sue prestazioni su una pista corta, atterrando all'aeroporto di Londra-City, dove sono richiesti avvicinamenti di questo tipo. Il volo di prova confermò anche la compatibilità dell'aeromobile con le manovre limitate e lo spazio di parcheggio in quell'aeroporto.[25] Successivamente, nell'agosto 2009, Airbus consegnò il primo A318 con capacità di avvicinamento ripido a British Airways, che iniziò a utilizzarlo il mese successivo, avendo infine due di questi aeromobili in grado di volare tra l'aeroporto di Londra-City e l'aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York. Sulla tratta in direzione ovest, partendo da Londra, è necessario uno scalo per il rifornimento di carburante, che si verifica all'aeroporto di Shannon, in Irlanda, poiché sono necessarie restrizioni di peso per decollare entro la lunghezza della corta pista dell'aeroporto di Londra-City. Sulla tratta in direzione est, partendo da New York, questa limitazione non è presente e l'aereo può caricare tutto il carburante necessario per la rotta transatlantica verso il Regno Unito. Al 2020, un solo aereo sta servendo la rotta, operando in una configurazione da 32 posti, tutti in business class.[27]

Impiego operativoModifica

Sebbene l'assemblaggio finale degli aeromobili della famiglia A320 abbia luogo a Tolosa, in Francia, Amburgo, in Germania, Tianjin, in Cina, e Mobile, negli USA, la costruzione dell'A318 avviene completamente ad Amburgo, in Germania.[28] Il primo volo dell'Airbus A318 ebbe luogo dal campo di aviazione Finkenwerder di Amburgo il 15 gennaio 2002.[29] La prima consegna venne effettuata il 22 luglio 2003 a Frontier Airlines.[30] Al 30 settembre 2017, 67 A318 rimanevano in servizio per cinque compagnie aeree, oltre a governi, jet executive e privati e altri operatori non divulgati. La maggior parte degli A318 ritirati dal servizio è stata demolita a causa del fatto che i loro motori e altri componenti erano divenuti più preziosi dell'aereo stesso. Frontier Airlines, il cliente di lancio che acquistò A318 tra il 2003 e il 2007, ritirò il suo ultimo esemplare nel 2013.[31]

VersioniModifica

L'Airbus A318 ha sei versioni diverse: A318-111, A318-112CJ Elite, A318-122/CJ Elite, A318-122, A318-122 Elite e A318-121.[32]

A318-111Modifica

L'Airbus A318-111 è una delle tre versioni principali dell'Airbus A318. Le dimensioni rimangono le stesse: una lunghezza di 31,44 m e un'altezza di 12,51 m.[33] È dotata di due propulsori turboventola CFM56-5B9.

A318-112Modifica

L'Airbus A318-112 è stato commercializzato solo con la variante "CJ Elite". Questa è in particolare la versione che British Airways utilizza per la sua rotta Londra-New York. È dotata di due propulsori turboventola CFM56-5B9, ciascuno dei quali sviluppa 103,5 kN di spinta.[34]

Nell'agosto 2009, Airbus ha consegnato il primo velivolo in grado di eseguire avvicinamenti ripidi a British Airways.[35] La compagnia nazionale britannica ha scelto la versione 112CJ. Dotati di una business class da 32 posti, questi due aerei operano sulla rotta Londra-New York utilizzando il numero di volo BA001, precedentemente utilizzato dal Concorde sullo stesso percorso.[36]

A318-122Modifica

Le versioni A318-121 e A318-122 sono le uniche spinte da motori Pratt & Whitney PW6000. Questa versione è equipaggiata con lo stesso tipo di propulsori utilizzato durante il primo volo nel 2002. La prima consegna avvenne però solo nel 2007; infatti, in seguito a ritardi nello sviluppo di questo tipo di motori, la loro certificazione avvenne solo nel dicembre 2005.[37]

Dati tecniciModifica

Specifiche tecniche[38][39][40][41]
Dati A318-100
Codice ICAO A318
Codice IATA 318
Equipaggio in cabina di pilotaggio 2 piloti
Capacità massima passeggeri (1 classe) 136
Lunghezza totale 31,45 m
Diametro cabina 3,63 m
Diametro fusoliera 4,14 m
Larghezza piano orizzontale 12,45 m
Apertura alare 34,10 m
Superficie alare 122,4
Freccia alare 25°
Altezza fusoliera 5,93 m
Altezza totale 12,89 m
Passo 10,25 m
Peso operativo a vuoto (OEW) 39 500 kg
Peso massimo senza carburante (MZFW) 53 000 kg
Peso massimo durante il rullaggio (MTW) 61 900 kg
Peso massimo al decollo (MTOW) 61 500 kg
Peso massimo all'atterraggio (MLW) 56 000 kg
Carico utile massimo 15 000 kg
Capacità cargo 21,3 m3
Capacità massima carburante 24 210 L
Velocità di crociera 0,78 Mach
963,14 km/h
Velocità massima 0,82 Mach
1 012,54 km/h
Autonomia 3 100 nmi
5 750 km
Quota di tangenza 39 800 ft
12 131 m
Motori (x2) CFM56-5B
PW6000A
Spinta (x2) 85-104 kN
90-106 kN

UtilizzatoriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Utilizzatori della famiglia Airbus A320.

Al 30 giugno 2020, degli 80 esemplari prodotti, 63 sono operativi (78,75%).[1]

CiviliModifica

Gli utilizzatori sono[42][43]:

MilitariModifica

Gli utilizzatori sono[42][43]:

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Orders and deliveries, su Airbus. URL consultato il 23 marzo 2020.
  2. ^ (EN) Airbus 2018 Price List Press Release, su Airbus. URL consultato il 21 marzo 2020.
  3. ^ (EN) A318, su Airbus. URL consultato il 6 marzo 2020.
  4. ^ (EN) Orders and deliveries, su Airbus. URL consultato il 6 marzo 2020.
  5. ^ (EN) Harro Ranter, Aviation Safety Network > ASN Aviation Safety Database > Aircraft type index > Airbus A318, su aviation-safety.net. URL consultato il 1º luglio 2020.
  6. ^ (EN) Air France Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 1º luglio 2020.
  7. ^ (EN) 30 years young…and still going strong!, su Airbus. URL consultato il 6 marzo 2020.
  8. ^ (EN) Condom, Pierre, New family members mean Airbus means business, su Interavia Business & Technology, 1º giugno 1997 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2016).
  9. ^ Sparaco, Pierre (13 July 1998). "Europeans, Chinese Terminate AE31X". Aviation Week & Space Technology. 149 (2): 56–7.
  10. ^ (EN) The Changing Structure of the Global Large Civil Aircraft Industry and Market: Implications for the Competitiveness of the U.S. Industry, U.S. International Trade Commission, 1998.
  11. ^ Norris Guy, Mark Wagner, Airbus, 1999, ISBN 9780760306772.
  12. ^ (EN) New family members mean Airbus means business. (Airbus Industrie contracts) - Interavia Business & Technology | HighBeam Research, su web.archive.org, 2 luglio 2016. URL consultato il 1º luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2016).
  13. ^ Mecham, Michael (20 October 1997). "Market Tells Asia-Airbus Partners to Make Smaller Jet". Aviation Week & Space Technology: 63.
  14. ^ (EN) STAe thinks again on AE31X, su Flight Global. URL consultato il 2 luglio 2020.
  15. ^ (EN) Airbus Industrie and AVIC abandon AE31X, su Flight Global. URL consultato il 2 luglio 2020.
  16. ^ Eriksson Soren, The Global Commercial Aviation Industry, Routledge, 2015, p. 291, ISBN 9781136672392.
  17. ^ (EN) Airbus examines A319 shrink, su Flight Global. URL consultato il 2 luglio 2020.
  18. ^ (EN) Airbus examines A319 shrink, su Flightglobal.com, 4 March 1998.
  19. ^ (EN) Orders and deliveries, su Airbus. URL consultato il 6 marzo 2020.
  20. ^ (EN) 737 Model Summary, su active.boeing.com. URL consultato il 6 marzo 2020.
  21. ^ a b (EN) Jon Ostrowe, A318 to be available with sharklets from 2013, su Flight Global. URL consultato il 6 marzo 2020.
  22. ^ (EN) aircraft design - What is the purpose of a dorsal fin such as on the Boeing 737?, su Aviation Stack Exchange. URL consultato il 6 marzo 2020.
  23. ^ (EN) Airbus A318-100 | About BA | British Airways, su www.britishairways.com. URL consultato il 6 marzo 2020.
  24. ^ (EN) U.S. Department of Transportation, Federal Aviation Administration, Advisory Circular, SUBJECT: Noise Levels for U.S. Certificated and Foreign Aircraft (PDF), su faa.gov.
  25. ^ a b c (EN) Airbus A318 makes first test arrival and departure at London City Airport-13/05/2006-London-Flight International, su web.archive.org, 17 settembre 2007. URL consultato il 2 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2007).
  26. ^ a b (EN) Steep approach | Airbus, a leading aircraft manufacturer, su web.archive.org, 17 gennaio 2013. URL consultato il 2 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2013).
  27. ^ (EN) Club World London City | Business Class only flights | British Airways, su www.britishairways.com. URL consultato il 2 luglio 2020.
  28. ^ (EN) Final assembly lines | Airbus, Commercial Aircraft, su web.archive.org, 22 febbraio 2017. URL consultato il 2 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2017).
  29. ^ (EN) A318 takes off on maiden flight, su web.archive.org, 8 luglio 2011. URL consultato il 2 luglio 2020 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2011).
  30. ^ (EN) Gunston, Bill, Airbus: The Complete Story, Haynes Publishing, 2009, ISBN 9781844255856.
  31. ^ (EN) North America & Frontier Says Goodbye to the Babybus - Airbus A318, su AirlineReporter, 6 settembre 2013. URL consultato il 2 luglio 2020.
  32. ^ (FR) Airbus A318 - Airbus - AeroWeb-fr.net, su www.aeroweb-fr.net. URL consultato il 2 luglio 2020.
  33. ^ (FR) Airbus A318-111 - Fiche technique - AeroWeb-fr.net, su www.aeroweb-fr.net. URL consultato il 2 luglio 2020.
  34. ^ (EN) CFM56-5B Certified On Airbus A318; Frontier Set To Take Delivery July 1, su CFM International. URL consultato il 2 luglio 2020.
  35. ^ (EN) David Kaminski-Morrow, First British Airways A318 arrives at London Gatwick, su Flight Global. URL consultato il 2 luglio 2020.
  36. ^ (EN) David Kaminski-Morrow2009-06-22T13:31:51+01:00, BA's all-business A318s to carry Concorde's flight number, su Flight Global. URL consultato il 2 luglio 2020.
  37. ^ (EN) 2001-12-18, A318 programme hit by PW6000 high pressure compressor rethink, su Flight Global. URL consultato il 2 luglio 2020.
  38. ^ (EN) Aircraft characteristics, su Airbus. URL consultato il 23 aprile 2020.
  39. ^ (EN) A318, su Airbus. URL consultato il 27 marzo 2020.
  40. ^ (EN) EASA, TYPE-CERTIFICATE DATA SHEET (PDF), su easa.europa.eu.
  41. ^ (EN) Aircrafts codes, su avcodes.co.uk.
  42. ^ a b (EN) Airbus A318-100 Production List, su www.planespotters.net. URL consultato il 1º luglio 2020.
  43. ^ a b (EN) Airbus A318-100 Operators, su www.planespotters.net. URL consultato il 1º luglio 2020.

Voci correlateModifica

Aerei comparabili per ruolo, configurazione ed epoca

Altro

Sviluppo correlato

Altri progettiModifica