Apri il menu principale

Questa pagina definisce i criteri sufficienti di enciclopedicità dei vescovi delle confessioni cristiane diffuse in maniera rilevante.[1]

Abbreviazioni
WP:VESCOVI
WP:ARCIVESCOVI

Criteri di enciclopedicitàModifica

Fermi restando i criteri generali, sono da considerare enciclopedici:[2][3][4]

Per altre figure (tra gli altri, i nunzi apostolici, gli ordinari militari, i vescovi ausiliari e coadiutori, gli arcivescovi e i vescovi titolari, esclusi quelli di cui ai punti precedenti, che non esercitano né hanno esercitato il governo pastorale su una comunità territoriale di fedeli, o coloro che, pur esercitandola, non sono stati consacrati vescovi, come i vicari generali ed episcopali o gli amministratori diocesani), la rilevanza enciclopedica va valutata di caso in caso, anche sulla base di quanto riportato nella sezione sottostante.

Contenuto delle vociModifica

I criteri di enciclopedicità sopra elencati permettono di individuare per quali vescovi è plausibile la creazione di una voce dal contenuto accettabile per gli standard di Wikipedia; è sconsigliata la creazione di voci redatte in forma curricolare e contenenti solo notizie sulla formazione, l'ordinazione, gli incarichi svolti e i titoli ricevuti prima dell'ordinazione episcopale. Le voci vanno inoltre scritte con la necessaria prospettiva storica descrivendo i fatti rilevanti di cui si è reso protagonista il vescovo durante il suo ministero così come attestati da fonti attendibili e verificabili e mettendo in evidenza, ad esempio:

  • l'assunzione di posizioni personali peculiari e di interesse storico su temi pastorali, teologici o sociali, che abbiano suscitato reazioni significative nell'ambito della Chiesa di appartenenza, nelle istituzioni pubbliche del proprio Paese o nel dibattito pubblico;
  • le pubblicazioni significative in ambito teologico, sociale, religioso, ecclesiale o in ambiti correlati;
  • il ruolo personale nei rapporti ecumenici e interreligiosi di interesse storico;
  • la promozione di sinodi diocesani;
  • la realizzazione di importanti strutture diocesane, quali nuovi edifici di culto di rilievo, la fondazione di seminari, di rilevanti organi di comunicazione o di opere di carità.

Quando una voce non riporta fatti rilevanti come quelli descritti o è priva di fonti che ne attestino il contenuto, è opportuno metterlo in evidenza nella voce (usando un template appropriato) e segnalarlo al progetto di riferimento, in modo che si possa intervenire per correggerla, ove possibile; è invece deprecato correre alle urne, aprendo una procedura di cancellazione senza aver prima esplorato tutte le altre possibilità per migliorare la voce.

A proposito di questi criteriModifica

I contenuti di questa pagina sono stati definiti con il metodo del consenso attraverso una discussione che si è svolta tra gennaio e febbraio 2017.[6] In tal modo sono stati modificati i criteri di enciclopedicità vigenti dal 2011,[7] anch'essi definiti mediante consenso dopo il respingimento mediante sondaggi comunitari di due proposte sullo stesso tema, la prima nel 2009 e la seconda nel 2010.

NoteModifica

  1. ^ Sono considerate la Chiesa cattolica, le Chiese ortodosse autocefale, la Chiesa anglicana, la Chiesa luterana e le altre principali Chiese protestanti.
  2. ^ I vescovi venerati come santi o beati sono considerati enciclopedici in quanto tali.
  3. ^ I vescovi che abbiano pubblicato testi letterari o di saggistica possono essere considerati enciclopedici secondo i criteri di enciclopedicità per scrittori e libri.
  4. ^ I vescovi che siano stati a capo di un principato ecclesiastico sono considerati automaticamente enciclopedici in quanto capi di stato.
  5. ^ Per la Chiesa cattolica il canone 134 del Codice di diritto canonico recita: «Col nome di Ordinario nel diritto s'intendono, oltre il Romano Pontefice, i Vescovi diocesani e gli altri che, anche se soltanto interinalmente, sono preposti a una Chiesa particolare o a una comunità ad essa equiparata a norma del can. 368».
    Il canone 368 equipara alle diocesi la prelatura territoriale, l'abbazia territoriale, il vicariato apostolico, la prefettura apostolica e l'amministrazione apostolica eretta stabilmente.
  6. ^ La discussione è archiviata nelle seguenti pagine: 1, 2 e 3.
  7. ^ Pagina dei criteri vigenti dal 2011 al 2017.