Al-Bahriyya al-wataniyya al-Jaza'iriyya

Marina militare algerina
Al-Bahriyya al-wataniyya al-Jaza'iriyya
الـقـوات الـبـحـريـة الـجـزائـريـة
Algerian Navy 512 copy.png
Descrizione generale
Attiva1962
NazioneAlgeria Algeria
ServizioMarina militare
Dimensione6.600
Guarnigione/QGAlgeri Annaba Mers-el-Kébir
Comandanti
Comandante attualeGenerale Malek Necib
Simboli
bandiera della Marina nazionale algerinaNaval Ensign of Algeria.svg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia
Djebel Chinoise corvetta

La Marina nazionale algerina (in arabo القوات البحرية الجزائرية ; Al-Bahriyya al-wataniyya al-Jaza'iriyya) è la sezione navale delle Forze armate algerine. La marina opera in tre porti: Algeri, Annaba e Mers-el-Kébir, tutti sulle coste del Mar Mediterraneo. È composta da 6.600 uomini, per lo più equipaggiati con armamenti di origine russa. È nata nel 1962, stesso anno in cui l'Algeria ottenne l'indipendenza dalla Francia. Nel giugno 2006 la marina ha ordinato alla Russia due sottomarini Classe Kilo entrati in servizio nel 2007. Nel 2008 ha acquistato tre corvette di fabbricazione inglese dalla Reale marina del Brunei.

Sono state realizzate in Germania due fregate classe MEKO A200 SAN, non dissimili dalle unità sudafricane, e in Italia un'unità da attacco anfibio Bâtiment de Débarquement et de Soutien Logistique, una versione migliorata della Classe San Giorgio.

Mezzi AereiModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[1][2]
Note Immagine
Elicotteri
Kamov Ka-27 Helix   Russia elicottero da trasporto medio Ka-27PS Helix-D 3[1][2] In cogestione con l'aeronautica.[1]
Agusta AW139   Italia CSAR AW139 3[2]
AgustaWestland Lynx   Italia
  Regno Unito
ASW Super Lynx 300 7[1][2] In cogestione con l'aeronautica, vengono imbarcati su di una nuova classe di fregate MEKO A-200.[1]
Agusta AW101   Italia ASW AW101 6[1][2] 8 consegnati. Di questi, 6 esemplari sono in cogestione con l'aeronautica, che vengono imbarcati sulla sua nuova unità anfibia LPD nata dal programma Bâtiment de Débarquement et de Soutien Logistique.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f "L'Aeronautica dell'Algeria" - "Rivista italiana difesa" N. 9 - 09/2018 pp. 44-51
  2. ^ a b c d e (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 10. URL consultato l'8 dicembre 2018.

Altri progettiModifica