Al'bert Šesternëv

allenatore di calcio e calciatore sovietico
(Reindirizzamento da Albert Šesternëv)

Al'bert Alekseevič Šesternëv (in russo Альберт Алексеевич Шестернёв?, traslitterazione anglosassone: Albert Alekseyevich Shesternyov; Mosca, 20 giugno 1941Mosca, 5 novembre 1994) è stato un allenatore di calcio e calciatore sovietico, di ruolo difensore.

Al'bert Šesternëv
NazionalitàBandiera dell'Unione Sovietica Unione Sovietica
Altezza181 cm
Peso82 kg
Calcio
RuoloAllenatore (ex difensore)
Termine carriera1971 - giocatore
1983 - allenatore
Carriera
Giovanili
1958CSK MO Mosca
Squadre di club1
1959-1972CSKA Mosca278 (1)
Nazionale
1961-1971Bandiera dell'Unione Sovietica Unione Sovietica90 (0)
Carriera da allenatore
1973-1974CSKA MoscaVice
1975-1981CSKA MoscaAss. Giov.
1981-1982CSKA MoscaVice
1982-1983CSKA Mosca
Palmarès
 Europei di calcio
ArgentoSpagna 1964
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Tra il 1984 e il 1985 è il direttore delle giovanili del CSKA Mosca.

Carriera

modifica

Durante la sua carriera ha giocato solo con il CSKA Mosca, con cui ha ottenuto 278 presenze ed una rete.

Moscovita, cresce nelle giovanili del CSKA con cui debutta, il più giovane nella storia del club, a soli 17 anni nel 1961. Presto si afferma a livello nazionale ed internazionale: nel settembre dello stesso 1961 infatti debutta con la maglia dell'URSS in amichevole contro l'Austria e, a soli 21 anni, è il più giovane capitano del CSKA in cui ricopre con autorità il ruolo di libero guadagnandosi l'appellativo di "Ivan il Terribile".

Con la Nazionale sovietica conta 88 presenze.

Nel 1966, nelle gare di preparazione al mondiale inglese che vedrà la nazionale sovietica giocarsi la semifinale contro la Germania Ovest, è nominato capitano. Nel 1968, alla sua 60ª presenza è lui a fronteggiare Giacinto Facchetti, nel tunnel dello stadio San Paolo di Napoli, durante il lancio della moneta che decide l'accesso alla finale dei Campionati Europei del 1968.

Nella vita privata era sposato alla pattinatrice Tatiana Zhuk, argento alle olimpiadi di Grenoble del 1968.

Nel 1982 è tornato, da allenatore, al CSKA.

Palmarès

modifica

Giocatore

modifica
CSKA Mosca: 1970

Individuale

modifica
1970

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica