Apri il menu principale
Alberto Losacco
Alberto Losacco daticamera 2018.jpg

Presidente del Consiglio di Giurisdizione della Camera dei deputati
Durata mandato 7 ottobre 2014 –
22 marzo 2018
Presidente Laura Boldrini
Predecessore Giuseppe Consolo

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 29 aprile 2008
Legislature XVI, XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Circoscrizione XVI - XVII:
Puglia

XVIII:
Piemonte 2

Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato

Alberto Losacco (Brindisi, 1º luglio 1970) è un politico e avvocato italiano.

BiografiaModifica

Residente a Bari, è sposato ed ha tre figli. Laureato in giurisprudenza all'Università di Bari, ha superato l’esame di abilitazione alla professione forense nel 2001. Nel 1992 diventa consigliere di amministrazione dell'Aero Club di Bari. Fondatore e Presidente dell’Accademia Cittadella Nicolaiana, che dal gennaio 2019 gestisce il Museo Nicolaiano di Bari, in base alla convenzione sottoscritta, nel novembre 2018, con la Basilica Pontificia di San Nicola.

Attività politicaModifica

Nel 1995 fonda a Bari uno dei primi Comitati Prodi diventando responsabile regionale dei Giovani per l'Ulivo. Nel 1996 partecipa alla campagna elettorale di Romano Prodi e Walter Veltroni, come responsabile organizzativo nazionale dei Giovani per L'Ulivo e contribuisce alla nascita del Giovani per L'Ulivo Nel 1999 segue gli aspetti organizzativi e la comunicazione politica del Movimento de i Democratici di Romano Prodi, Arturo Parisi e Francesco Rutelli. Riveste, poi, lo stesso ruolo sino a quando "i Democratici" danno vita, con il Partito Popolare e "Rinnovamento Italiano", a La Margherita. A partire dal 2002, gestisce l'ufficio comunicazione e propaganda de La Margherita, incarico che ricopre sino allo scioglimento del partito per la nascita del Partito Democratico. Nel 2006 viene chiamato a capo della segreteria dal primo Presidente del gruppo parlamentare de L'Ulivo, Dario Franceschini.

Nel Partito DemocraticoModifica

Nel 2007 coordina, insieme a Vinicio Peluffo, il Comitato "La Nuova Stagione", la struttura che sosteneva - nella campagna elettorale per le Elezioni Primarie del 14 ottobre - la candidatura alla guida del Partito Democratico del ticket Walter Veltroni-Dario Franceschini. All'interno del Partito Democratico ha ricoperto l'incarico di direttore della struttura centrale e dal 2007 al 2009 di responsabile nazionale Campagne di Comunicazione ed Eventi. Più volte componente della Commissione Nazionale per il Congresso. Membro della Commissione Nazionale di Garanzia del Partito Democratico sino alla fine del 2018. Dal 2019 è componente della Direzione Nazionale insediata dopo la vittoria di Nicola Zingaretti al congresso per la segreteria del Pd. Dalla fine di luglio 2019 è Commissario del Partito Democratico della regione Sicilia.

In ParlamentoModifica

Deputato nella XVI legislatura del Parlamento Italiano, è stato eletto il 23 aprile 2008 nella XXI circoscrizione, la Puglia. Iscritto al gruppo parlamentare del Partito Democratico, fa parte - dal 21 maggio 2008 al 22 ottobre 2009 - della VI Commissione (Finanze). Dal 22 ottobre 2009 al 13 ottobre 2010, fa parte della XIV Commissione (Politiche dell'Unione Europea). Fa parte della III Commissione (Affari Esteri e Comunitari) dal 13 ottobre 2010 al 9 giugno 2011. Dal 9 giugno 2011 è di nuovo commissario della XIV Commissione (Politiche dell'Unione Europea).

È membro della Giunta delle Elezioni dal 21 maggio 2008.

Dal 2012 è componente del Comitato Parlamentare per i procedimenti di accusa.

Alle elezioni politiche del 23-24 febbraio 2013 viene rieletto deputato della XVII legislatura.

Fa parte della V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione e del Consiglio di Giurisdizione

Dal 15 marzo 2013 al 7 maggio 2013 ha fatto parte della Giunta delle Elezioni Provvisoria.

Uffici Parlamentari: dal 7 ottobre 2014 è Presidente del Consiglio di Giurisdizione della Camera dei Deputati.

Nel 2018 viene rieletto deputato, sia pure nella circoscrizione Piemonte 2. È confermato, nel 2018, come Presidente del Consiglio Giurisdizionale della Camera dei Deputati.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica