Apri il menu principale

Alberto Statera

giornalista e scrittore italiano

Alberto Statera (Roma, 16 settembre 1947Roma, 22 dicembre 2016) è stato un giornalista e scrittore italiano.

BiografiaModifica

Esordì giovanissimo, nel 1969, all'Agenzia Giornalistica Italia. Dal 1971 al 1983 Statera divenne parte integrante, all'Espresso, della squadra di Eugenio Scalfari. In quella vece curò una serie di reportage intitolata "I padrini del vapore". Successivamente fu caporedattore - per un decennio - del settore economico dello stesso settimanale e, più tardi, caporedattore centrale con la direzione di Livio Zanetti.
In quel periodo fu anche autore, alternandosi con Paolo Mieli, di lunghe interviste nella serie "Terzo Grado" che innovarono l'intervista politica.

Dal 1983 al 1986 Statera diresse il quotidiano La Nuova Sardegna, appena acquistato dal Gruppo Espresso, dove compì un rilancio dell'antica testata, con l'apertura di edizioni in tutte le province dell'isola, raddoppiandone le vendite in un triennio.

Dal 1986 al 1990 lavorò alla Mondadori, prima come direttore editoriale delle pubblicazioni economiche, poi come direttore del settimanale Epoca e del mensile Storia illustrata. Lasciò il gruppo quando la proprietà passò a Silvio Berlusconi con motivo "clausola di coscienza", uno dei rarissimi professionisti ad avere usufruito di questo diritto nella storia del giornalismo.

Nel 1990-1991 fu caporedattore dell'Economia di Repubblica per poi passare, per un quinquennio, a La Stampa di Torino nel ruolo di editorialista.

Dal 1996 al 2000 diresse Il Mattino di Padova, La Nuova Venezia e la Tribuna di Treviso, quotidiani veneti del Gruppo Espresso.

Dal 2000 al 2005 diresse il Piccolo di Trieste, per poi tornare a Repubblica come editorialista.

Scrisse anche alcuni libri, tra cui Il Termitaio-I Signori degli appalti che governano l'Italia (Rizzoli 2009), Storia di preti e di palazzinari (L'Espresso 1977), Un certo De Benedetti - In nome del capitalismo (Sperling e Kupfer 1984), Perché loro - biografia non autorizzata di Silvio Berlusconi (libro collettaneo-Laterza 1985), Cossiga (libro collettaneo-Rizzoli 1985), Prodi (MG 1990).

Premi e riconoscimentiModifica

Vinse alcuni premi giornalistici e letterari, tra cui il Premiolino, il Premio Anghiari, il Premio Lingotto per l'Economia, il Premio Reggio Calabria e il Premio Forte dei Marmi per la satira politica.

OpereModifica

NoteModifica


Altri progettiModifica