Albo d'oro del campionato italiano di calcio

lista di un progetto Wikimedia

1leftarrow blue.svgVoce principale: Serie A.

L'albo d'oro del campionato italiano di calcio include 115 campionati italiani della massima serie: il titolo de iure di «campione d'Italia» FIGC (denominato per esteso «campione assoluto d'Italia»[1] e assegnato complessivamente in 113 occasioni) venne conferito per la prima volta nel 1898, quando il primo campionato fu deciso con un torneo quadrangolare organizzato dalla Federazione Italiana del Football (FIF, dal 1909 FIGC) e svoltosi l'8 maggio a Torino tra Genoa, Internazionale Torino, Torinese e Ginnastica Torino.

La fase finale a eliminazione diretta fu adottata sino alla stagione 1909-1910, nella quale venne formato un girone unico di nove squadre. Dal 1911 al 1926 il titolo di campione fu assegnato con una finalissima nazionale. L'appuntamento aveva spesso un valore protocollare, data la netta superiorità che frequentemente le squadre nord-occidentali dimostravano rispetto alle avversarie dapprima venete e poi centro-meridionali e nello stesso periodo vennero assegnati dieci titoli di campione dell'Italia Meridionale. Il primo campionato a essere disputato senza suddivisioni territoriali fu la Divisione Nazionale 1926-27. Nella stagione 1928-1929 si tenne per l'ultima volta una finalissima, dopodiché nel campionato 1929-1930 venne istituita la Serie A a girone unico.

A partire dal 1924 fu utilizzato lo scudetto (un distintivo tricolore a forma di scudo) apposto sulla maglia della squadra vincitrice del precedente campionato al fine di onorarne la vittoria, mentre dal 1958 è stata concessa la possibilità ai club di fregiarsi permanentemente di una stella celebrativa sulla propria divisa di gioco ogni dieci titoli italiani conquistati: al 2017 solo la Juventus (33 titoli), l'Inter (18 titoli) e il Milan (18 titoli) possono fregiarsi di almeno una stella.

Indice

Albo d'oroModifica

Legenda colori:

           Titolo non riconosciuto
           Titolo assegnato a tavolino
           Titolo revocato

Nome torneo Edizione Campione d'Italia (1º posto)[2] 2º posto 3º posto Annotazioni
Ritratto Squadra
Campionato Nazionale di Football 1898
(1ª)
  Genoa
(1º titolo)
Internazionale Torino Ginnastica Torino
o Torinese[3]
1899
(2ª)
  Genoa
(2º titolo)
Internazionale Torino
1900
(3ª)
  Genoa
(3º titolo)
Torinese
Campionato Italiano
di Football
1901
(4ª)
  Milan
(1º titolo)
Genoa
1902
(5ª)
  Genoa
(4º titolo)
Milan
1903
(6ª)
  Genoa
(5º titolo)
Juventus
Prima Categoria 1904
(7ª)
  Genoa
(6º titolo)
Juventus
1905
(8ª)
  Juventus
(1º titolo)
Genoa Milanese
1906
(9ª)
  Milan
(2º titolo)
Juventus Genoa Milan campione dopo spareggio a Torino (0-0) e
ripetizione a Milano (3-0 a
tav.) contro la Juventus
[4]
1907
(10ª)
  Milan
(3º titolo)
Torino Andrea Doria
Campionato Federale
di Prima Categoria
1908 Juventus
(titolo non ufficiale)
Andrea Doria Edizione disconosciuta
(Juventus 1ª classificata dopo spareggio a Torino per 5-1 contro l'Andrea Doria)
Campionato Italiano
di Prima Categoria
1908
(11ª)
  Pro Vercelli
(1º titolo)
Milanese Andrea Doria
Campionato Federale
di Prima Categoria
1909
(12ª)
  Pro Vercelli
(2º titolo)
Milanese
Campionato Italiano
di Prima Categoria
1909 Juventus
(titolo non ufficiale)
Milanese Edizione disconosciuta
Prima Categoria 1909-1910
(13ª)
  Inter
(1º titolo)
Pro Vercelli Juventus Inter campione federale dopo spareggio a Vercelli contro la Pro Vercelli (3-10)[5]
Pro Vercelli
(titolo non ufficiale)
Milanese Andrea Doria Pro Vercelli campione italiano:
il titolo non è tuttavia riconosciuto
1910-1911
(14ª)
  Pro Vercelli
(3º titolo)
Vicenza
1911-1912
(15ª)
  Pro Vercelli
(4º titolo)
Venezia
1912-1913
(16ª)
  Pro Vercelli
(5º titolo)
Lazio
1913-1914
(17ª)
  Casale
(1º titolo)
Lazio
1914-1915
(18ª)
  Genoa
(7º titolo)[6]
L'effettiva assegnazione del 1º posto nella classifica finale è incerta[6]
Campionato non disputato nelle stagioni 1915-1916, 1916-1917, 1917-1918 e 1918-1919 per sospensione bellica[7]
Prima Categoria 1919-1920
(19ª)
  Inter
(2º titolo)[8]
Livorno
1920-1921
(20ª)
  Pro Vercelli
(6º titolo)
Pisa
1921-1922
(21ª)
  Novese
(1º titolo)
Sampierdarenese
Prima Divisione 1921-1922
(21ª)
  Pro Vercelli
(7º titolo)
Fortitudo Edizione organizzata dalla CCI e riconosciuta dalla FIGC il 22 luglio 1922 in seguito al Compromesso Colombo
1922-1923
(23ª)
  Genoa
(8º titolo)
Lazio
1923-1924
(24ª)
  Genoa
(9º titolo)
Savoia
1924-1925
(25ª)
  Bologna
(1º titolo)
Alba
1925-1926
(26ª)
  Juventus
(2º titolo)
Alba
Divisione Nazionale 1926-1927
(27ª)
Torino
(titolo revocato)[9]
Bologna Juventus
1927-1928
(28ª)
  Torino
(1º titolo)
Genoa Juventus
Alessandria
1928-1929
(29ª)
  Bologna
(2º titolo)
Torino Bologna campione dopo spareggio a Roma: Bologna-Torino 1-0
Serie A 1929-1930
(30ª)
  Ambrosiana
(3º titolo)
Genova 1893 Juventus
1930-1931
(31ª)
  Juventus
(3º titolo)
Roma Bologna
1931-1932
(32ª)
  Juventus
(4º titolo)
Bologna Roma
1932-1933
(33ª)
  Juventus
(5º titolo)
Ambrosiana-Inter Bologna
Napoli
1933-1934
(34ª)
  Juventus
(6º titolo)
Ambrosiana-Inter Napoli
1934-1935
(35ª)
  Juventus
(7º titolo)
Ambrosiana-Inter Fiorentina
1935-1936
(36ª)
  Bologna
(3º titolo)
Roma Torino
1936-1937
(37ª)
  Bologna
(4º titolo)
Lazio Torino
1937-1938
(38ª)
  Ambrosiana-Inter
(4º titolo)
Juventus Milan
Genova 1893
1938-1939
(39ª)
  Bologna
(5º titolo)
Torino Ambrosiana-Inter
1939-1940
(40ª)
  Ambrosiana-Inter
(5º titolo)
Bologna Juventus
1940-1941
(41ª)
  Bologna
(6º titolo)
Ambrosiana-Inter Milano
1941-1942
(42ª)
  Roma
(1º titolo)
Torino Venezia
1942-1943
(43ª)
  Torino
(2º titolo)
Livorno Juventus Cisitalia
Divisione Nazionale 1943-1944 VV.FF. La Spezia
(titolo ufficiale "onorifico"
attribuito allo Spezia)[10][11]
Torino FIAT Venezia Edizione disconosciuta e rivalutata come torneo ufficiale di tipo onorifico
Campionato non disputato nella stagione 1944-1945 per sospensione bellica
Divisione Nazionale 1945-1946
(44ª)
  Torino
(3º titolo)
Juventus Milan
Serie A 1946-1947
(45ª)
  Torino
(4º titolo)
Juventus Modena
1947-1948
(46ª)
  Torino
(5º titolo)
Milan
Juventus
Triestina
1948-1949
(47ª)
  Torino
(6º titolo)[12]
Inter Milan
1949-1950
(48ª)
  Juventus
(8º titolo)
Milan Inter
1950-1951
(49ª)
  Milan
(4º titolo)
Inter Juventus
1951-1952
(50ª)
  Juventus
(9º titolo)
Milan Inter
1952-1953
(51ª)
  Inter
(6º titolo)
Juventus Milan
1953-1954
(52ª)
  Inter
(7º titolo)
Juventus Milan
Fiorentina
1954-1955
(53ª)
  Milan
(5º titolo)
Udinese Roma
1955-1956
(54ª)
  Fiorentina
(1º titolo)
Milan Inter
Lazio
1956-1957
(55ª)
  Milan
(6º titolo)
Fiorentina Lazio
1957-1958
(56ª)
  Juventus
(10º titolo)
 
Fiorentina Padova
1958-1959
(57ª)
  Milan
(7º titolo)
Fiorentina Inter
1959-1960
(58ª)
  Juventus
(11º titolo)
Fiorentina Milan
1960-1961
(59ª)
  Juventus
(12º titolo)
Milan Inter
1961-1962
(60ª)
  Milan
(8º titolo)
Inter Fiorentina
1962-1963
(61ª)
  Inter
(8º titolo)
Juventus Milan
1963-1964
(62ª)
  Bologna
(7º titolo)
Inter Milan Bologna campione dopo spareggio a Roma: Bologna-Inter 2-0[13]
1964-1965
(63ª)
  Inter
(9º titolo)
Milan Torino
1965-1966
(64ª)
  Inter
(10º titolo)
 
Bologna Napoli
1966-1967
(65ª)
  Juventus
(13º titolo)
Inter Bologna
1967-1968
(66ª)
  Milan
(9º titolo)
Napoli Juventus
1968-1969
(67ª)
  Fiorentina
(2º titolo)
Cagliari
Milan
1969-1970
(68ª)
  Cagliari
(1º titolo)
Inter Juventus
1970-1971
(69ª)
  Inter
(11º titolo)
Milan Napoli
1971-1972
(70ª)
  Juventus
(14º titolo)
Milan
Torino
1972-1973
(71ª)
  Juventus
(15º titolo)
Milan Lazio
1973-1974
(72ª)
  Lazio
(1º titolo)
Juventus Napoli
1974-1975
(73ª)
  Juventus
(16º titolo)
Napoli Roma
1975-1976
(74ª)
  Torino
(7º titolo)
Juventus Milan
1976-1977
(75ª)
  Juventus
(17º titolo)
Torino Fiorentina
1977-1978
(76ª)
  Juventus
(18º titolo)
L.R. Vicenza Torino
1978-1979
(77ª)
  Milan
(10º titolo)
 
Perugia Juventus
1979-1980
(78ª)
  Inter
(12º titolo)
Juventus Torino
1980-1981
(79ª)
  Juventus
(19º titolo)
Roma Napoli
1981-1982
(80ª)
  Juventus
(20º titolo)
   
Fiorentina Roma
1982-1983
(81ª)
  Roma
(2º titolo)
Juventus Inter
1983-1984
(82ª)
  Juventus
(21º titolo)
Roma Fiorentina
1984-1985
(83ª)
  Verona
(1º titolo)
Torino Inter
1985-1986
(84ª)
  Juventus
(22º titolo)
Roma Napoli
1986-1987
(85ª)
  Napoli
(1º titolo)
Juventus Inter
1987-1988
(86ª)
  Milan
(11º titolo)
Napoli Roma
1988-1989
(87ª)
  Inter
(13º titolo)
Napoli Milan
1989-1990
(88ª)
  Napoli
(2º titolo)
Milan Inter
1990-1991
(89ª)
  Sampdoria
(1º titolo)
Milan Inter
1991-1992
(90ª)
  Milan
(12º titolo)
Juventus Torino
1992-1993
(91ª)
  Milan
(13º titolo)
Inter Parma
1993-1994
(92ª)
  Milan
(14º titolo)
Juventus Sampdoria
1994-1995
(93ª)
  Juventus
(23º titolo)
Lazio Parma
1995-1996
(94ª)
  Milan
(15º titolo)
Juventus Lazio
1996-1997
(95ª)
  Juventus
(24º titolo)
Parma Inter
1997-1998
(96ª)
  Juventus
(25º titolo)
Inter Udinese
1998-1999
(97ª)
  Milan
(16º titolo)
Lazio Fiorentina
1999-2000
(98ª)
  Lazio
(2º titolo)
Juventus Milan
2000-2001
(99ª)
  Roma
(3º titolo)
Juventus Lazio
2001-2002
(100ª)
  Juventus
(26º titolo)
Roma Inter
2002-2003
(101ª)
  Juventus
(27º titolo)
Inter Milan
2003-2004
(102ª)
  Milan
(17º titolo)
Roma Juventus
2004-2005
(103ª)
Juventus
(titolo revocato)[14]
Milan Inter
2005-2006
(104ª)
  Inter
(14º titolo)[14][15]
Roma Milan
2006-2007
(105ª)
  Inter
(15º titolo)
Roma Lazio
2007-2008
(106ª)
  Inter
(16º titolo)
Roma Juventus
2008-2009
(107ª)
  Inter
(17º titolo)
Juventus Milan
2009-2010
(108ª)
  Inter
(18º titolo)
Roma Milan
2010-2011
(109ª)
  Milan
(18º titolo)
Inter Napoli
2011-2012
(110ª)
  Juventus
(28º titolo)
Milan Udinese
2012-2013
(111ª)
  Juventus
(29º titolo)
Napoli Milan
2013-2014
(112ª)
  Juventus
(30º titolo)
     
Roma Napoli
2014-2015
(113ª)
  Juventus
(31º titolo)
Roma Lazio
2015-2016
(114ª)
  Juventus
(32º titolo)
Napoli Roma
2016-2017
(115ª)
  Juventus
(33º titolo)
Roma Napoli
2017-2018
(116ª)

StatisticheModifica

Titoli per squadraModifica

Squadra Titoli Edizioni
Juventus 33 1905, 1925-1926, 1930-1931, 1931-1932, 1932-1933, 1933-1934, 1934-1935, 1949-1950, 1951-1952, 1957-1958, 1959-1960, 1960-1961, 1966-1967, 1971-1972, 1972-1973, 1974-1975, 1976-1977, 1977-1978, 1980-1981, 1981-1982, 1983-1984, 1985-1986, 1994-1995, 1996-1997, 1997-1998, 2001-2002, 2002-2003, 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014, 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017
Inter 18 1909-1910, 1919-1920, 1929-1930, 1937-1938, 1939-1940, 1952-1953, 1953-1954, 1962-1963, 1964-1965, 1965-1966, 1970-1971, 1979-1980, 1988-1989, 2005-2006, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2009-2010
Milan 18 1901, 1906, 1907, 1950-1951, 1954-1955, 1956-1957, 1958-1959, 1961-1962, 1967-1968, 1978-1979, 1987-1988, 1991-1992, 1992-1993, 1993-1994, 1995-1996, 1998-1999, 2003-2004, 2010-2011
Genoa 9 1898, 1899, 1900, 1902, 1903, 1904, 1914-1915, 1922-1923, 1923-1924
Pro Vercelli 7 1908, 1909, 1910-1911, 1911-1912, 1912-1913, 1920-1921, 1921-1922 (CCI)
Bologna 7 1924-1925, 1928-1929, 1935-1936, 1936-1937, 1938-1939, 1940-1941, 1963-1964
Torino 7 1927-1928, 1942-1943, 1945-1946, 1946-1947, 1947-1948, 1948-1949, 1975-1976
Roma 3 1941-1942, 1982-1983, 2000-2001
Fiorentina 2 1955-1956, 1968-1969
Napoli 2 1986-1987, 1989-1990
Lazio 2 1973-1974, 1999-2000
Casale 1 1913-1914
Novese 1 1921-1922 (FIGC)
Cagliari 1 1969-1970
Verona 1 1984-1985
Sampdoria 1 1990-1991

Titoli per cittàModifica

Città Titoli Squadre vincenti
  Torino 40 Juventus (33), Torino (7)
  Milano 36 Inter (18), Milan (18)
  Genova 10 Genoa (9), Sampdoria (1)
  Bologna 7 Bologna (7)
  Vercelli 7 Pro Vercelli (7)
  Roma 5 Roma (3), Lazio (2)
  Firenze 2 Fiorentina (2)
  Napoli 2 Napoli (2)
  Cagliari 1 Cagliari (1)
  Casale Monferrato 1 Casale (1)
  Novi Ligure 1 Novese (1)
  Verona 1 Verona (1)

Titoli per regioneModifica

Regione Titoli Squadre vincenti
  Piemonte 49 Juventus (33), Pro Vercelli (7), Torino (7), Casale (1), Novese (1)
  Lombardia 36 Inter (18), Milan (18)
  Liguria 10 Genoa (9), Sampdoria (1)
  Emilia-Romagna 7 Bologna (7)
  Lazio 5 Roma (3), Lazio (2)
  Campania 2 Napoli (2)
  Toscana 2 Fiorentina (2)
  Sardegna 1 Cagliari (1)
  Veneto 1 Verona (1)

NoteModifica

  1. ^ Carlo Caliceti, Lo scudetto di nessuno, in Calcio 2000, 4 [40], aprile 2001, p. 56, ISSN 1126-1056 (WC · ACNP).
  2. ^ Salvo dove diversamente indicato.
  3. ^ Lo svolgimento della finale per il 3º posto fra Ginnastica Torino e Torinese e il relativo risultato sono ignoti.
  4. ^ Melegari, p. 11.
  5. ^ Melegari, p. 14.
  6. ^ a b Il campionato fu interrotto il 23 maggio 1915 «in seguito mobilitazione» e mai più terminato. Alla ripresa delle attività il 9 maggio 1919 La Stampa scriveva: «con una recente deliberazione della Federazione italiana del Gioco del Calcio venne classificato primo nelle gare di campionato 1915 il Genoa Cricket». Altre fonti invece fanno risalire la concessione dello scudetto «al Genoa, che al momento della sospensione per la guerra guidava la classifica del girone Italia-Settentrionale» al 23 settembre 1919. Il giornalista Carlo F. Chiesa e la Fondazione Genoa hanno però chiarito che a causa dei ricorsi di Torino e Inter la definitiva assegnazione del titolo avvenne solamente nel settembre 1921. L'effettiva attribuzione del 1º posto nella classifica finale è tuttavia incerta, cfr. Giuoco del calcio: il Campionato 1914-15 al Genoa?, in L'illustrazione della guerra e la Stampa Sportiva, nº 22 (XIV), 30 maggio 1915, p. 5.; Carlo F. Chiesa, La grande storia del calcio italiano – 1915-1920, nº 8 (C), Guerin Sportivo, agosto 2012, p. 70.
  7. ^ L'albo d'oro riportato sull'Almanacco illustrato del Calcio riporta per l'annata 1915-1916: «Sospeso e sostituito dalla Coppa Federale vinta dal Milan», cfr. Melegari, p. 7.
  8. ^ La FIGC proclamò l'Inter campione d'Italia il 6 giugno 1920 al termine delle gare del torneo settentrionale e prima della finalissima contro i vincitori del torneo centromeridionale (a quel tempo ancora in corso), ritenendo a priori le squadre peninsulari incapaci di vincere il titolo in ragione dei risultati negativi ottenuti negli anni precedenti da queste contro quelle nordiche. La finalissima si svolse poi regolarmente il 20 giugno e vide la vittoria dell'Inter per 3-2 contro il Livorno: pertanto i giocatori dell'Inter confermarono sul campo la vittoria del titolo terminando il campionato al 1º posto. Cfr. Carlo F. Chiesa, La grande storia del calcio italiano – 1915-1920, nº 8 (C), Guerin Sportivo, agosto 2012, p. 76.
  9. ^ Dalle delibere del Direttorio Federale del Calcio del 3 novembre 1927: «Prese in esame le denunzie pervenute a carico del Torino F.C. ed esperite le opportune indagini [...], al Torino F.C. viene tolto il titolo di campione assoluto d'Italia per l'anno sportivo 1926-27», cfr. La Stampa, 263 (LXI), 4 novembre 1927, p. 4.
  10. ^ Da delibera federale del 22 gennaio 2002: «Alla squadra del 42º Corpo dei Vigili del Fuoco di La Spezia è andato uno speciale emblema calcistico da appuntare sulla divisa [...] ma ciò non può essere paragonato allo scudetto tricolore». In particolare furono deliberate le assegnazioni di: «medaglia d'oro di benemerenza al 42º Corpo dei Vigili del Fuoco di La Spezia; [...] autorizzazione alla società Spezia Calcio 1906 S.p.A. ad apporre sulla divisa ufficiale di giuoco un segno distintivo-logo, nei limiti consentiti dai regolamenti federali, della vittoria del torneo 1943-44, consistente nella riproduzione della Coppa vinta; targa ricordo alla città di La Spezia per la partecipazione», cfr. Gianni Bondini, Lo Spezia ha il tricolore, anche se non è lo scudetto, La Gazzetta dello Sport, 23, p. 19. URL consultato il 7 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2009).; Campionato 43/44, targa per vittoria dello Spezia, Lega Serie B, 15 luglio 2013. URL consultato il 7 maggio 2015.
  11. ^ La FIGC considera lo Spezia Calcio come vincitore del campionato, nonostante il primo posto nel torneo sia stato ottenuto dal Gruppo Sportivo 42º Corpo dei Vigili del Fuoco, club giuridicamente diverso, cfr. Andreoni, p. 161.
  12. ^ Assegnato a tavolino a torneo ancora in corso successivamente alla tragedia di Superga e alla «richiesta avanzata da Inter e Milan, [...] le uniche a trovarsi in tale posizione di classifica da poter raggiungere il Torino [...], anche a nome delle altre società italiane». Da delibera federale del 6 maggio 1949. «Il Consiglio [...] ha deliberato che la proclamazione ufficiale del Torino a Campione d'Italia per la stagione 1948-49 abbia luogo oggi in occasione della cerimonia funebre in onore degli Scomparsi», cfr. Il titolo di campione assegnato ai granata, da La Nuova Stampa, 109 (V), 7 maggio 1949, p. 2; L'Italia e il mondo presenti spiritualmente, da Corriere dello Sport, 109 (XXX), 7 maggio 1949, p. 3. Il Torino terminò comunque il campionato al 1º posto.
  13. ^ Melegari, p. 146.
  14. ^ a b Da sentenza della Corte d'Appello Federale del 15 luglio 2006: «La CAF [...] visti gli artt. 1, 2, 6, 13, comma 1, lett. b), f), g), i), l), 14, comma 1, lett. a), c), e) e comma 2, C.G.S., infligge a [...] Juventus Football Club S.p.A.: retrocessione all'ultimo posto in classifica del campionato 2005/2006 [...]; revoca dell'assegnazione del titolo di campione d'Italia 2004/2005; non assegnazione del titolo di campione d'Italia 2005/2006 [...]»; la sentenza fu confermata il 25 luglio 2006, cfr. Comunicato Ufficiale FIGC n. 1/Cf 2006-2007 (PDF), Federazione Italiana Giuoco Calcio. URL consultato il 7 maggio 2015.; Testo della decisione relativa al Comm. Uff. n. 1/C-Riunione del 29 giugno/3-4-5-6-7 luglio 2006 (PDF), Federazione Italiana Giuoco Calcio e La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 7 maggio 2015.
  15. ^ «La FIGC ha ricevuto in data 24 luglio 2006 il parere consultivo della Commissione composta da Gerhard Aigner, Massimo Coccia e Roberto Pardolesi sul quesito riguardante l'assegnazione del titolo di Campione d'Italia in caso di modifica della classifica [...]. Il Commissario straordinario ha ritenuto di attenersi alle conclusioni del parere e che non ricorrono motivi per l'adozione di provvedimenti di non assegnazione del titolo di Campione d'Italia per il Campionato 2005/2006 alla squadra prima classificata all'esito dei giudizi disciplinari. Rimane vacante il titolo di Campione d'Italia 2004/2005». Comunicato Stampa FIGC del 26 luglio 2006 (PDF), Federazione Italiana Giuoco Calcio. URL consultato il 7 maggio 2015.

BibliografiaModifica

  • Fulvio Andreoni, Carlo Fontanelli, Bruno Galante, Le Aquile volano in... B - 1906-2006 Un secolo di calcio a Spezia, Empoli, Geo Edizioni, 2006.
  • Fabrizio Melegari (a cura di), Almanacco illustrato del calcio - La storia 1898-2004, Modena, Panini, 2004.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio