Aldo Moser

ex ciclista su strada italiano
Aldo Moser
Aldo Moser.JPG
Aldo Moser nel 1970
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Termine carriera 1974
Carriera
Squadre di club
1954-1956Torpado
1957Leo-Chlorodont
1958Calì Broni
1959-1960Emi
1961Ghigi
1962-1963San Pellegrino
1964Lygie
1965Maino
1966-1967Vittadello
1968Pepsi Cola
1969-1972G.B.C.
1973Filotex
1974Furzi
Nazionale
1955-1971Italia Italia
 

Aldo Moser (Giovo, 7 febbraio 1934Trento, 2 dicembre 2020) è stato un ciclista su strada italiano. Professionista dal 1954 al 1974, conta dodici successi in carriera. Era fratello di Enzo, Diego, Francesco e zio di Moreno ed Ignazio, anche loro ciclisti professionisti.

BiografiaModifica

CarrieraModifica

Tra i suoi successi figurano la Coppa Agostoni nel 1954, il Gran Premio Industria e Commercio di Prato nel 1955, due edizioni del Trofeo Baracchi nel 1958 e 1959 (in coppia con Ercole Baldini, con il quale arrivò secondo nel 1960), il Grand Prix des Nations a cronometro nel 1959 (davanti a Roger Rivière), la Manica-Oceano nel 1960 (a cronometro ancora in coppia con Ercole Baldini) e la Coppa Bernocchi nel 1963 (dopo 70 chilometri di fuga solitaria).

Vestì quattro volte la maglia azzurra ai Mondiali su strada: a Frascati nel 1955, a Waregem nel 1957, a Reims nel 1958 e a Mendrisio nel 1971.

Ha partecipato a sedici edizioni del Giro d'Italia (nel quale arrivò quinto nel 1956 indossando due volte la maglia rosa) e si classificò terzo al Tour de Suisse 1962. Nella sua ultima stagione da professionista, nel 1973, corse nella Filotex con tre dei suoi fratelli, Enzo, Diego e Francesco. Nel 1974 era tesserato per la Furzi, con la quale tuttavia non corse mai, ritirandosi a fine marzo.

MorteModifica

È scomparso nel dicembre 2020 all'età di 86 anni; era ricoverato in ospedale da alcuni giorni per complicazioni legate al COVID-19.[1]

PalmarèsModifica

Piccolo Giro di Lombardia
  • 1954 (Torpado, tre vittorie)
Coppa Agostoni
Bologna-Raticosa
Coppa Varignana
  • 1955 (Torpado, due vittorie)
Gran Premio Industria e Commercio di Prato
3ª tappa, 1ª semitappa Gran Premio Ciclomotoristico (Bari > Potenza)
  • 1957 (Leo-Chlorodont, una vittoria)
2ª tappa, 1ª semitappa Gran Premio Ciclomotoristico (Caserta > Napoli)
  • 1958 (Calì Broni, una vittoria)
Trofeo Baracchi (con Ercole Baldini)
  • 1959 (EMI, due vittorie)
Grand Prix des Nations
Trofeo Baracchi (con Ercole Baldini)
  • 1960 (EMI, una vittoria)
Manche-Ocean (cronometro)
  • 1963 (San Pellegrino, una vittoria)
Coppa Bernocchi
  • 1966 (Vittadello, una vittoria)
Giro delle Tre Province - Camucia

PiazzamentiModifica

Grandi giriModifica

1955: 6º
1956: 5º
1957: 12º
1958: 10º
1959: ritirato
1960: ritirato
1961: 36º
1962: 18º
1964: 15º
1965: 22º
1967: 16º
1969: 7º
1970: 19º
1971: 17º
1972: ritirato
1973: 57º
1960: ritirato
1963: ritirato
1966: 18º
1967: 25º

Classiche monumentoModifica

1958: 10º
1960: 35º
1963: 71º
1964: 84º
1965: 64º
1967: 112º
1968: 98º
1970: 92º
1971: 25º
1972: 11º
1973: 49º
1954: 7º
1955: 11º
1958: 27º
1960: 24º
1961: 9º
1962: 34º
1963: 8º
1964: 34º
1965: 25º
1968: 15º
1969: 35º
1970: 20º
1971: 13º

Competizioni mondialiModifica

Frascati 1955 - In linea: 17º
Waregem 1957 - In linea: ritirato
Reims 1958 - In linea: ritirato
Mendrisio 1971 - In linea: 19º

RiconoscimentiModifica

  • Premio Ciclismo Vita Mia nel 1991

Altri progettiModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica