Apri il menu principale

Aleksej Grigor'evič Orlov-Česmenskij

militare e politico russo
Aleksej Grigor'evič Orlov-Česmenskij

Aleksej Grigor'evič Orlov-Česmenskij (24 settembre 1737Mosca, 24 dicembre 1807) generale, ammiraglio e uomo politico russo, era figlio di Grigorij Ivanovič e fratello di Grigorij Grigor'evič e Vladimir Grigor'evič.

BiografiaModifica

Dotato di una prestanza fisica eccezionale e di un aspetto imponente, ebbe un ruolo audace e preminente, con i suoi fratelli, nel colpo di Stato del 1762. Egli prelevò Caterina dalla corte di Pietro III, la fece proclamare zarina e pochi mesi dopo strozzò con le sue stesse mani il detronizzato Pietro presso Ropscha, il che gli procurò il titolo di conte e quindi la nomina a Luogotenente generale e nel 1764 anche a Presidente della Cancelleria tutelare.

Nel 1768 fu nominato Ammiraglio della Marina da Guerra Imperiale Russa, al comando della quale inflisse alla flotta turca, durante la Guerra russo-turca (1768-1774), una cocente sconfitta presso Çeşme (2 luglio 1770).[1] Al termine della guerra riprese il suo ruolo di Comandante supremo e ricevette significativi riconoscimenti morali e materiali, fra i quali il titolo di principe.
Salito al trono lo zar Paolo I, quest'ultimo volle vendicarsi dei due assassini del padre Pietro rimasti ancora in vita, Orlov e Bariatinskj, costringendoli a traslare personalmente e solennemente le spoglie dello zar e quindi li inviò in esilio. Aleksej si trasferì in Germania e rientrò in Russia solo dopo la morte dello zar Paolo I, stabilendosi a Mosca.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Dopo questa vittoria poté aggiungere al proprio cognome la denominazione: Česmenskij

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN79439709 · ISNI (EN0000 0000 5795 1000 · GND (DE12063774X · CERL cnp00561279 · WorldCat Identities (EN79439709
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie