Alessandra Buschi

scrittrice e poeta italiana

Alessandra Buschi (Grosseto, 25 febbraio 1963) è una scrittrice e poeta italiana.

BiografiaModifica

Ha esordito nel 1986, quando Pier Vittorio Tondelli inserì il suo racconto Di qualche giorno nell'antologia Giovani blues, facente parte del progetto "Under 25". Ha partecipato a numerose altre antologie, fra cui Streghe a fuoco a cura di Joyce Lussu (1993), Racconta 2 (1993) e Raccontare Trieste (1999); nel 1999 ha pubblicato una propria raccolta di racconti, Se fossi Vera, finalista del premio dedicato a Lucio Mastronardi di Vigevano.[1] In seguito ha pubblicato numerose opere, tra cui Il libro che mi è rimasto in mente e Cruciverba,[2] e le raccolte di poesie Materie d'esame e Parole salvate.

Il primo libro con cui ha esordito è stato Dire Fare Baciare, pubblicato nel 1990.[3] La prosa di Buschi viene descritta come costituita da piccoli eventi della quotidianità in grado di narrare le vicende drammatiche della vita.[4]

Per la poesia ha vinto il premio "Volpini - Città di Senigallia"; per la narrativa per ragazzi il "Premio Dickens" con il romanzo Oscar & Oscar.

Nata a Grosseto, attualmente vive a Serra de' Conti, dove gestisce una cooperativa libraria e collabora con case editrici come editor. Ha una formazione come counsellor e la specializzazione in disturbi di apprendimento e problematiche socio educative. Varie sue opere pittoriche sono state esposte in mostre personali e collettive. Si occupa anche di teatro.

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ Alessandra Buschi, Fisico, su Radio Tre, 10 gennaio 2012. URL consultato il 5 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2013).
  2. ^ RaiTV
  3. ^ Corriere Nazionale Archiviato il 27 marzo 2013 in Internet Archive.
  4. ^ Comune di Correggio (PDF)
  5. ^ Alessandra Buschi, WorldCat

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN21147724936664591818 · WorldCat Identities (ENlccn-n2004030161
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie