Apri il menu principale

Alessandra Facchinetti (Bergamo, 2 giugno 1972) è una stilista italiana.

BiografiaModifica

È la primogenita del tastierista dei Pooh Roby Facchinetti, che le ha dedicato l'album Alessandra e con cui ha duettato nella canzone Din din din, e della prima moglie Mirella Costa, nonché sorella maggiore di Francesco Facchinetti, cantante e conduttore radiotelevisivo.

Alessandra Facchinetti ha studiato all'Istituto artistico per l'abbigliamento Marangoni di Milano.

Alessandra Facchinetti lavorò per alcuni anni da stilista freelance, disegnando per esempio una collezione per l’azienda francese Moncler Gamme Rouge e una per il marchio Pinko[1].

Nel 1994 inizia a lavorare nel mondo della moda presso Miu Miu, dove rimane per sette anni, per passare poi alla casa di moda fiorentina Gucci. A queste esperienze segue un breve periodo durante il quale lavora per Moncler, rinnovando il look dei "mitici" piumini dei paninari.

Nel settembre del 2007 viene chiamata a succedere a Valentino nel ruolo di direttore creativo per tutte le collezioni donna Valentino S.p.A. Viene licenziata dopo solo un anno, nell'ottobre del 2008. La società spiega che la collaborazione con la stilista si è conclusa «a seguito di disallineamenti con la visione aziendale». Sarà sostituita dal duo stilistico Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, da dieci anni in azienda e responsabili degli accessori.[2][3][4]

Nel 2011 comincia la collaborazione con il marchio Pinko per la realizzazione della linea "Uniqueness", con lo scopo di rivoluzionare tempi e modalità di presentazione nell'ambito fashion: collezioni no season, disponibili immediatamente online illustrate anche dai relativi moodboard che esplicano il processo creativo alla base della ricerca della Facchinetti e del suo staff.[5][6][7][8]

Dal febbraio 2013 è direttore creativo di Tod's estendendone la produzione dai soli accessori a una linea d'abbigliamento completa.[9][10][11]

La stilista ha presentato i suoi abiti solitamente al Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano ed ha inserito in passerella alcuni richiami a ciò che l’aveva ispirata per la collezione. Ad esempio, gli arredi del designer e architetto Giò Ponti o i quadri del famoso pittore Giovanni Boldini. La linea è stata creata utilizzando molto la pelle e sono stati presentati abiti da portare sia di giorno che di sera[12].

Nell’ultima sfilata a febbraio, quella per l’autunno/inverno 2016-17, ha lavorato con l’artista performativa Vanessa Beecroft – molto apprezzata tra gli stilisti e richiesta anche da Kanye West – con cui ha realizzato un’installazione dedicata all’artigianato italiano[1].

Nel maggio 2016, dopo 3 anni da direttore creativo per l’azienda di moda Tod’s, la stilista Alessandra Facchinetti ha abbandonato la compagnia.

NoteModifica

  1. ^ a b Alessandra Facchinetti lascia Tod's, su Il Post, 6 maggio 2016. URL consultato il 24 maggio 2017.
  2. ^ Paola Bottelli, Valentino, troppo affrettato il divorzio con la Facchinetti, il Sole 24 ORE, 2 ottobre 2008. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  3. ^ (EN) Hadley Freeman, Blood on the catwalk: Valentino sacks creative director through the press, The Guardian, 6 ottobre 2008. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  4. ^ Claudio Plazzotta, La resistibile ascesa di Alessandra Facchinetti, Dagospia, 17 ottobre 2008. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  5. ^ Valentina Mauri, Pinko e Alessandra Facchinetti: Nasce Uniqueness, Grazia, 20 luglio 2011. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  6. ^ Virginia Ricci, Uniqueness: il nuovo progetto di Alessandra Facchinetti con Pinko, Elle, 4 luglio 2011. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  7. ^ Alessandra Facchinetti e Pinko lanciano Uniqueness, Pambianco News, 30 giugno 2011. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  8. ^ (EN) Sarah Karmali, Alessandra Facchinetti Departs Uniqueness, Vogue, 20 febbraio 2013. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  9. ^ (EN) Sarah Mower, A Graceful Housewarming for Alessandra Facchinetti at Tod's, Vogue, 21 settembre 2013. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2014).
  10. ^ Eva Desiderio, Alessandra Facchinetti lancia il total look Tod's, Quotidiano Net, 6 ottobre 2013. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  11. ^ Michele Ciavarella, Tod’s. Il gusto italiano di Alessandra Facchinetti, LeiWeb, 20 settembre 2013. URL consultato il 22 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2014).
  12. ^ (EN) WWD Staff, Tod’s RTW Fall 2014, in WWD, 21 febbraio 2014. URL consultato il 1º giugno 2017.