Alessandro Besozzi

oboista e compositore italiano

Alessandro Besozzi (Parma, 1702Torino, 1793) è stato un oboista e compositore italiano.

BiografiaModifica

Nato a Parma nel 1702 da una famiglia di musicisti, era fratello di Paolo Gerolamo Besozzi, a sua volta oboista. Entrato nella banda militare del granducato di Parma, presto divenne musicista della cappella reale di Torino, e si "naturalizzò" diventando cittadino piemontese.
Nel 1763 risulta stipendiato dal re di Sardegna, venendo pagato 1350 lire[1], cifra notevole per l'epoca.

La sua abilità come oboista era unanimemente riconosciuta, e anche Wolfgang Amadeus Mozart, durante il suo viaggio in Italia nel 1771, chiese di poterlo incontrare mentre si trovava a Torino.
Alessandro non si sposò: celibe, visse con il fratello Paolo e morì a Torino nel 1793, assai anziano. Di lui rimangono diciassette raccolte di sonate.

NoteModifica

  1. ^ Giorgio Enrico Cavallo e Andrea Gunetti, Gaetano Pugnani e i musicisti della corte sabauda nel XVIII Secolo, Collegno, Chiaramonte, 2015, p. 92.

BibliografiaModifica

  • Giorgio Enrico Cavallo e Andrea Gunetti, Gaetano Pugnani e i musicisti della corte sabauda nel XVIII Secolo, Collegno, Chiaramonte, 2015, pp. 91-95.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51874499 · ISNI (EN0000 0000 8130 6917 · Europeana agent/base/18407 · LCCN (ENn85225950 · GND (DE122623142 · BNF (FRcb13891471p (data) · BNE (ESXX5562278 (data) · CERL cnp00570612 · WorldCat Identities (ENlccn-n85225950
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica