Apri il menu principale

Alessandro Calori

allenatore di calcio ed ex calciatore italiano
Alessandro Calori
Alessandro Calori.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 189 cm
Peso 86 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 2004 - giocatore
Carriera
Giovanili
Arezzo
Squadre di club1
1984-1985 Arezzo 0 (0)
1985-1989 Montevarchi 78 (3)
1989-1991 Pisa 61 (1)
1991-1999 Udinese 257 (10)[1]
1999-2000 Perugia 33 (5)
2000-2002 Brescia 63 (1)
2002-2004 Venezia 58 (1)
Carriera da allenatore
2004-2005 Venezia Vice
2005 Triestina
2006 Sambenedettese
2008 Avellino
2009-2010 Portogruaro
2010-2011 Padova
2011-2013 Brescia
2013-2014 Novara
2015 Brescia
2016-2018Trapani
2019 Ternana
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 gennaio 2019

Alessandro Calori (Arezzo, 29 agosto 1966) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Cresciuto nelle giovanili dell'Arezzo, Calori esordì nel calcio professionistico nel 1985 con il Montevarchi. Nella stagione 1989-1990 passò al Pisa, poi nel 1991 venne ingaggiato dall'Udinese, con cui disputò 7 stagioni in Serie A, diventando anche Capitano della squadra[2].

Nella stagione 1999-2000 giocò per il Perugia, rivelandosi l'uomo decisivo per l'assegnazione dello scudetto: segnò infatti, nell'ultima giornata di Serie A, il gol della vittoria del Perugia contro la Juventus per 1-0 (che, a quanto egli stesso dichiarò, era la squadra della quale era tifoso), sancendo con la sconfitta dei bianconeri la vittoria del campionato da parte della Lazio[3].

Nel 2000 si trasferì (assieme al tecnico Carlo Mazzone) al Brescia, squadra con la quale rimase per due stagioni. Nel 2002 passò al Venezia[4], disputando due campionati di Serie B fino al 2004, quando decise di ritirarsi come calciatore.

AllenatoreModifica

Nella stagione 2003-2004 (l'ultima della sua carriera da calciatore) Calori venne nominato team manager del Venezia, allora allenato da Angelo Gregucci, per poi diventare allenatore in seconda del Venezia di Julio César Ribas l'anno successivo[5][6].

Nella stagione 2005-2006 ha allenato la Triestina in Serie B in collaborazione con Adriano Buffoni (non essendo ancora in possesso del patentino di 2ª categoria)[7], ma dopo la prima sconfitta subita in campionato dalla squadra, l'allora presidente Flaviano Tonellotto decise di esonerare entrambi[8].

Nel 2006 passò ad allenare la Sambenedettese[9] in Serie C1, ma anche lì venne licenziato in anticipo[10].

Nel marzo 2008 Calori è stato nominato allenatore dell'Avellino al posto dell'esonerato Guido Carboni[11], con l'obiettivo di ottenere la salvezza della squadra irpina in Serie B. L'esordio è vittorioso a discapito del Rimini, ma non riuscirà a evitare la retrocessione in Serie C, avvenuta matematicamente alla penultima giornata di campionato, poi però evitata grazie a un ripescaggio in estate dopo il fallimento del Messina.

Il 9 febbraio 2009 è stato scelto come allenatore del Portogruaro-Summaga, formazione militante in Lega Pro Prima Divisione[12]. Il 9 maggio 2010 ottiene la prima storica promozione in Serie B del Portogruaro-Summaga battendo l'Hellas Verona[13].

Il 2 luglio 2010 diventa il nuovo allenatore del Padova, formazione militante in Serie B[14]. Il 15 marzo 2011, in seguito alla sconfitta per 3-1 nel derby contro il Cittadella, viene sollevato dall'incarico[15].

Il 12 dicembre seguente viene chiamato dal Brescia in sostituzione di Giuseppe Scienza; quattro giorni più tardi ottiene la sua prima vittoria nella trasferta vinta per 2-0 contro il Livorno[16]. Sulla panchina del Brescia ottiene cinque vittorie consecutive, senza subire un gol e ottenendo un'imbattibilità di più di 900 minuti. La serie di vittorie si ferma con il pari per 0-0 con la Juve Stabia. Il 5 giugno 2013 la società lombarda comunica il termine del rapporto di lavoro con il tecnico[17].

Il 18 novembre seguente diventa il nuovo allenatore del Novara, formazione di Serie B, sostituendo Alfredo Aglietti.[18] Calori è esonerato e sostituito il 16 febbraio 2014 con la squadra in zona retrocessione.[19]

Il 18 febbraio 2015, a distanza di un anno e mezzo, torna al Brescia.[20] Il 26 maggio, dopo la retrocessione del club lombardo in Lega Pro, viene esonerato (anche se poi la società sarà ripescata al posto del Parma, retrocesso dalla Serie A, dichiarato fallito e dunque non iscritto tra i cadetti).[21]

Il 3 dicembre 2016, a seguito dell'esonero di Serse Cosmi, diventa il nuovo allenatore del Trapani. La sua nomina riesce a rivitalizzare la squadra, da lui rilevata all'ultimo posto in classifica di Serie B: i siciliani disputano infatti un buon girone di ritorno, totalizzando 31 punti. Ciò tuttavia non è sufficiente per conseguire la salvezza: a fine stagione, dopo tre sconfitte nelle ultime tre partite di campionato, i granata si piazzano quartultimi e retrocedono direttamente senza la disputa dei play-out (poiché vengono superati i 4 punti di distanza). Il 22 giugno 2017 firma un biennale con la società siciliana,[22] con l'obiettivo di riportare in Serie B la squadra; tuttavia non otterrà la promozione diretta piazzandosi al 3º posto: costretto a partecipare ai play-off di Serie C, il Trapani verrà già eliminato dal Cosenza. In seguito rescinde consensualmente il contratto. Viene sostituito da Vincenzo Italiano.

Il 20 gennaio 2019 viene scelto per guidare la Ternana in Serie C, succedendo all'esonerato Luigi De Canio[23]. La sua avventura sulla panchina umbra non dura neanche un mese: il 14 febbraio 2019, a causa di 2 pareggi e 4 sconfitte, viene sollevato dall'incarico e successivamente gli subentra Fabio Gallo[24].

ScrittoreModifica

Il 21 ottobre 1997, raccoglie i momenti di attesa prima del match dell'Amsterdam Arena contro l'Ajax in appunti,[25] che pubblicherà pochi mesi dopo ne "Il capitano racconta".[26] Nel libro descrive le proprie sensazioni e i comportamenti dei compagni di squadra nelle ore che precedono le partite della fantastica stagione dell'Udinese di Zaccheroni che si concluderà con il terzo posto in serie A.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppa nazionale Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1984-1985   Arezzo B 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
1985-1986   Montevarchi C2 15 0 - - - - - - - - - 15 0
1986-1987 C2 8 0 - - - - - - - - - 8 0
1987-1988 C2 34 2 - - - - - - - - - 34 2
1988-1989 C1 21 1 - - - - - - - - - 21 1
Totale Montevarchi 78 3 - - - - - - 78 3
1989-1990   Pisa B 37 0 CI ? ? - - - - - - 37+ 0+
1990-1991 A 24 1 CI ? ? - - - CM ? ? 24+ 1+
Totale Pisa 61 1 ? ? - - ? ? 61+ 1+
1991-1992   Udinese B 35 0 CI ? ? - - - - - - 35+ 0+
1992-1993 A 32+1 1+0 CI ? ? - - - - - - 33+ 1+
1993-1994 A 32 2 CI ? ? - - - - - - 32+ 2+
1994-1995 B 36 4 CI ? ? - - - - - - 36+ 4+
1995-1996 A 30 0 CI ? ? - - - - - - 30+ 0+
1996-1997 A 31 0 CI 1 0 - - - - - - 32 0
1997-1998 A 30 3 CI 4 0 CU 3 0 - - - 37 3
1998-1999 A 31 0 CI 4 0 CU 2 0 - - - 36 0
Totale Udinese 257+1 10+0 9+ 0+ 5 0 - - 272+ 10+
1999-2000   Perugia A 33 5 CI 3 0 Int 3 0 - - - 39 5
lug. 2000 A - - CI - - Int 2 1 - - - 2 1
Totale Perugia 33 5 3 0 5 1 - - 41 6
2000-2001   Brescia A 31 1 CI 8 0 - - - - - - 39 1
2001-2002 A 32 0 CI 4+ 0+ Int 3 0 - - - 35+ 0+
Totale Brescia 63 1 12+ 0+ 3 0 74+ 1+
2002-2003   Venezia B 32 1 CI ? ? - - - - - - 32+ 1+
2003-2004 B 26 0 CI 4+ 0+ - - - - - - 26+ 0+
Totale Venezia 58 1 4+ 0+ - - - - 58+ 1+
Totale carriera 550+1 21+0 28+ 0+ 13 1 ? ? 592+ 22+

Statistiche da allenatoreModifica

Statistiche aggiornate al 12 febbraio 2019. In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
2005-2006   Triestina B 3 1 1 1 CI 1 0 0 1 - - - - - 4 1 1 2 25,00 Esonerato
2006-2007   Sambenedettese C1 5 0 1 4 CI-C 4 1 1 2 - - - - - 9 1 2 6 11,11 Esonerato
2007-2008   Avellino B 13 3 5 5 CI 0 0 0 0 - - - - - 13 3 5 5 23,08 Subentrato, 19°
2008-2009   Portogruaro LP-1D 13 5 5 3 CI-LP 0 0 0 0 - - - - - 13 5 5 3 38,46 Subentrato, 12°
2009-2010 LP-1D 34 16 11 7 CI-LP 6 2 3 1 S-LP 2 1 0 1 42 19 14 9 45,24
Totale Portogruaro 47 21 16 10 6 2 3 1 2 1 0 1 55 24 19 12 43,64
2010-2011   Padova B 31 8 13 10 CI 2 1 0 1 - - - - - 33 9 13 11 27,27 Esonerato
2011-2012   Brescia B 23 11 5 7 CI 0 0 0 0 - - - - - 23 11 5 7 47,83 Subentrato, 8°
2012-2013 B 42+2 15 17+2 10 CI 1 0 0 1 - - - - - 45 15 19 11 33,33
2013-2014   Novara B 11 3 2 6 CI 0 0 0 0 - - - - - 11 3 2 6 27,27 Subentrato, esonerato
2014-2015   Brescia B 16 5 4 7 CI 0 0 0 0 - - - - - 16 5 4 7 31,25 Subentrato, 18°
Totale Brescia 83 31 28 24 1 0 0 1 - - - - 84 31 28 25 36,90
2016-2017   Trapani B 25 9 6 10 CI 0 0 0 0 - - - - - 25 9 6 10 36,00 Subentrato, 19°
2017-2018 C 36+2 19 11 6+2 CI+CI-C 3+2 2+0 0+1 1+1 - - - - - 43 21 12 10 48,84
Totale Trapani 63 28 17 18 5 2 1 2 - - - - 68 30 18 20 44,12
gen.-feb. 2019   Ternana C 5 0 2 3 CI-C 1 0 0 1 - - - - - 6 0 2 4 &&0,00 Subentrato, esonerato
Totale carriera 261 95 85 81 20 6 5 9 2 1 0 1 283 102 90 91 36,04

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

Portogruaro: 2009-2010

NoteModifica

  1. ^ 258 (10) considerando lo spareggio salvezza contro il Brescia del 1992-93.
  2. ^ Sebastiano Vernazza, Alessandro Calori, L' Udinese, Calori e una sfida tutta da scrivere, in La Gazzetta dello Sport, 23 ottobre 2997, p. 13. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  3. ^ Maurizio Crosetti, Quel diluvio sulla Juve un segno del destino, in La Repubblica, 15 maggio 2000. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  4. ^ Michele Contessa, Calori-Poggi: rinasce il Venezia, in La Gazzetta dello Sport, 24 agosto 2002, p. 20. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  5. ^ Calori, c'è un posto in panchina, in La Nuova Venezia, 1º luglio 2004, p. 43. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  6. ^ Voglio salvare il Venezia, ecco perché sono qui, in La Nuova Venezia, 28 gennaio 2005, p. 42. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  7. ^ Sebastiano Vernazza, Calori rassicura i triestini, in La Gazzetta dello Sport, 05 luglio 2005, p. 17. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  8. ^ Triestina: esonerati Calori e Buffoni, in L'Eco di Bergamo, 11 settembre 2005. URL consultato il 2 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2011).
  9. ^ Alessandro Calori cerca la rivincita Sarà il tecnico della Sambenedettese, in La Nuova Venezia, 03 luglio 2006, p. 30. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  10. ^ Esonerato l'allenatore Calori Chimenti-Voltattorni in panchina, in La Gazzetta dello Sport, 04 ottobre 2006, p. 17. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  11. ^ Avellino via Carboni c'è Calori, in La Repubblica, 11 marzo 2008, p. 15 sezione:Napoli. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  12. ^ Calori-Porto si piacciono subito, in La Nuova Venezia, 11 febbraio 2009, p. 32. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  13. ^ Nicola Pellicani, Sorpresa a Verona la favola Portogruaro, in La Repubblica, 09 maggio 2010. URL consultato il 10 maggio 2010.
  14. ^ Alessandro Calori è il nuovo allenatore del Calcio Padova, in Calcio Padova - Il Sito Ufficiale, 02 luglio 2010. URL consultato il 2 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2011).
  15. ^ Alessandro Calori non è più il tecnico del Calcio Padova Archiviato il 18 marzo 2011 in Internet Archive. padovacalcio.it
  16. ^ Serie B, il Brescia espugna Livorno, in sportmediaset.it, 16 dicembre 2011. URL consultato il 17 febbraio 2014.
  17. ^ I ringraziamenti a mister Calori, su bresciacalcio.it. URL consultato il 5 giugno 2013.
  18. ^ Alessandro Calori è il nuovo allenatore del Novara, novaracalcio.com, 18 novembre 2013. URL consultato il 17 febbraio 2014.
  19. ^ Novara: via Calori, torna Aglietti, in ANSA, 16 febbraio 2013.
  20. ^ Alessandro Calori nuovo allenatore del Brescia Calcio | Brescia Calcio - Sito Ufficiale
  21. ^ Comunicato ufficiale Brescia Calcio, in bresciacalcio.it, 26 maggio 2015.
  22. ^ UFFICIALE: Trapani, si riparte da mister Calori[collegamento interrotto] tuttolegapro.com
  23. ^ Ternana, il nuovo allenatore è ufficialmente Alessandro Calori, su Umbria Domani, 20 gennaio 2019. URL consultato il 20 gennaio 2019.
  24. ^ Prima squadra affidata a Fabio Gallo ed il suo staff, sollevato dall'incarico Alessandro Calori, su ternanacalcio.com, 14 febbraio 2019.
  25. ^ Sebastiano Vernazza, Alessandro Calori, L'Udinese, Calori e una sfida tutta da scrivere, in La Gazzetta dello Sport, 23 ottobre 1997, p. 13. URL consultato il 2 febbraio 2010.
  26. ^ Il Capitano racconta...: i protagonisti dell'Udinese Europea visti da Alessandro Calori, su goodreads.com, 1998.

Collegamenti esterniModifica