Apri il menu principale

Alessandro Gloria (Roma, 7 luglio 1883Genova, 24 ottobre 1970) è stato un militare italiano, generale del Regio Esercito durante la seconda guerra mondiale, ricordato per il suo ruolo nella Campagna italo greca nel 1940/1941 e nella Campagna in Egitto nel 1942.

BiografiaModifica

Allievo dell'Accademia Militare di Modena dal 3 novembre 1901. È nominato Sottotenente dell'Arma di Artiglieria il 7 settembre 1903.

Da Tenente e Capitano sarà prima al 7° Regg. Art. da Campagna in Libia nel 1911/1912 e poi presso il 32° Regg. Art. da Campagna col quale prende parte alla Grande Guerra.

Da Maggiore, al termine della guerra, passerà al 19° Regg. Art. Pesante Campale e successivamente (nel 1920) al Comando della Divisione Militare di Torino. Dopo un lungo periodo quale insegnante alla Scuola di Guerra di Torino da Tenente Colonnello e Colonnello nel 1930, passerà a disposizione del Comando del Corpo d'Armata della Città Sabauda, al Comando dell'8° Regg. Art. Pesante e giudice supplente presso il Tribunale Militare Territoriale di Roma dal 1º luglio 1931 al 10 febbraio 1933.

Nel periodo dal 26 giugno 1933 al 30 settembre 1935 è allo Stato Maggiore di Roma.

Dal 1º ottobre 1935 al 1º febbraio 1937 è al comando il 17° Regg. Art. per poi esser assegnato al Corpo di Alessandria.

Generale di Brigata del 1º luglio 1937 è nominato Comandante del III settore di copertura fino al 10 aprile 1938 quando assume la veste di vice comandante del della Div. del Monferrato.

Il 31 marzo 1939 è nominato comandante l'art. Contraerea di Genova.

Generale di Div. dal 1º gennaio 1940 assume il comando della 37ª div. da Montagna Modena con la quale prende parte alle operazioni sulla frontiera alpina occidentale nel giugno seguente.

Il 24 novembre 1940 parte urgentemente con la sua Unità per il fronte greco albanese ed il 29 viene ferito e sostituito dal Gen. Luigi Trionfi. Riassume il comando della Modena nel gennaio 1941 permanendo in Grecia anche dopo la vittoria, in aprile. Il 25 agosto 1941 viene trasferito in Libia (raggiunta il 31 agosto) al comando della div. Bologna svolgendovi tutto il ciclo operativo sino a el Alamein, nel novembre 1942. Rimpatriato in Italia il 6 dicembre è a disposizione del Ministero sino al 9 gennaio 1943, quando viene assegnato al comando del V° Corpo d'armata in Dalmazia.

Dal 5 maggio 1943 rientra a Roma sino al 27 luglio, quando è assegnato al comando del XXXV° Corpo d'Armata a Bolzano.

Qui viene catturato dai tedeschi a seguito degli avvenimenti armistiziali il 9 settembre ed internato a Shokken nel campo per generali 64/Z. Rientra in Italia nell'ottobre 1945 e viene collocato in congedo il 7 luglio 1956.