Alessandro Jagellone

sovrano
Alessandro
Goraj Miracle of Saint Simeon Stylites (detail).jpg
Re Alessandro Jagellone raffigurato nel Polittico di San Giovanni di Jan Goraj
Re di Polonia
Stemma
In carica 12 dicembre 1501 –
19 agosto 1506
Predecessore Giovanni I Alberto
Successore Sigismondo I
Granduca di Lituania
In carica 30 luglio 1492 –
19 agosto 1506
Predecessore Casimiro IV
Successore Sigismondo I
Nascita Cracovia, 5 agosto 1461
Morte Vilnius, 19 agosto 1506
Luogo di sepoltura Cattedrale di Vilnius
Dinastia Jagelloni
Padre Casimiro IV
Madre Elisabetta d'Asburgo
Consorte Elena di Mosca
Religione Cattolicesimo
Firma Autograph-AleksanderJagiellonczyk.png

Alessandro Jagellone (Cracovia, 5 agosto 1461Vilnius, 19 agosto 1506) è stato granduca di Lituania dal 1492 al 1506 e re di Polonia[1] dal 1501 al 1506.

BiografiaModifica

Era il quarto figlio di Casimiro IV Jagellone e di Elisabetta d'Asburgo, figlia di Alberto II d'Asburgo.

Al momento della morte del padre, nel 1492, suo fratello maggiore, Vladislao, era già diventato re di Boemia (1471), d'Ungheria e di Croazia (1490), e mentre il fratello Giovanni I Alberto, fu scelto dalla nobiltà polacca (szlachta) per essere il successivo re di Polonia, i lituani preferirono Alessandro per diventare il loro granduca.

Granduca di LituaniaModifica

La più grande sfida che Alessandro affrontò assumendo il controllo del Granducato fu un attacco alla Lituania da parte del Granduca di Moscovia, Ivan III e dei suoi alleati, i Tartari del Khanato di Crimea, che iniziò poco dopo la sua incoronazione. Ivan III si considerava l'erede delle terre della Rus' di Kiev, e si sforzava di riprendersi il territorio precedentemente conquistato dalla Lituania. Incapace di fermare con successo le incursioni, Alessandro inviò una delegazione a Mosca per realizzare un accordo di pace, che fu firmato nel 1494 e cedette estese terre al Granducato di Moscovia. In uno sforzo supplementare per instillare una pace tra Lituania e Moscovia, ad Alessandro fu promesso in sposa a Elena, la figlia di Ivan III; si sposarono a Vilnius il 15 febbraio 1495. La pace non durò a lungo, tuttavia, quando Ivan III riprese le ostilità nel 1500. Il massimo che il Granduca di Lituania poteva fare era presidiare Smolensk e altre fortezze e impiegare sua moglie Elena a mediare un'altra tregua tra lui e suo padre dopo la disastrosa battaglia della Vedroša (1500). Nei termini di questa tregua, la Lituania dovette cedere circa un terzo del suo territorio al nascente stato espansionista russo.

Re di PoloniaModifica

Il 17 giugno 1501, il fratello maggiore di Alessandro, Giovanni I Alberto, morì improvvisamente, e Alessandro fu incoronato re di Polonia il 12 dicembre di quell'anno. La carenza di fondi di Alessandro lo rese immediatamente subordinato al senato polacco e alla szlachta, che lo privò del controllo della zecca (quindi una delle fonti di reddito più redditizie per i re polacchi), limitò le sue prerogative e in generale si sforzò di ridurlo a una posizione subordinata. Nel 1505, il Sejm approvò l'atto di Nihil novi, che proibì al re di emanare leggi senza il consenso della nobiltà, rappresentata dalle due camere legislative, ad eccezione delle leggi che governavano città reali, terre coronate, miniere, feudi, contadini reali, ed ebrei. Questo è stato un altro passo nella progressione della Polonia verso una democrazia nobiliare.

Durante il regno di Alessandro, la Polonia subì ulteriori umiliazioni per mano del suo principato, la Moldavia. Solo la morte di Stefano permise alla Polonia di mantenere la sua egemonia sul Danubio.

MorteModifica

Alessando non si sentiva mai a casa in Polonia e concesse il suo favore principalmente ai suoi connazionali lituani, il più notevole dei quali era il ricco magnate lituano Michail Glinskij, che giustificava la fiducia del suo padrone con la sua grande vittoria sui Tartari a Kleck (5 agosto 1506), la cui notizia venne portata ad Alessandro sul letto di morte a Vilnius.

È importante notare che Alessandro fu l'ultimo sovrano conosciuto della dinastia dei Gediminidi a mantenere l'ancestrale lingua lituana della famiglia. Dopo la sua morte, il polacco divenne l'unica lingua della famiglia.

Nel 1931, durante la ristrutturazione della cattedrale di Vilnius, fu scoperto il sarcofago dimenticato di Alessandro, e da allora è stato messo in mostra.

AntenatiModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Algirdas Gediminas  
 
Jaunė di Polack  
Jogaila  
Uliana di Tver' Alessandro I di Tver'  
 
Anastasia di Galizia  
Casimiro IV di Polonia  
Andrej Ivanovič di Kiev Iwan Ol'šanskij  
 
Agrippina (Svyatoslavna) di Smolensk  
Sofia di Halshany  
Aleksandra Dmitrijevna Druckaja Demetrio I il Vecchio  
 
Anna Ivanovna Druckaja  
Alessandro Jagellone  
Alberto IV d'Asburgo Alberto III d'Asburgo  
 
Beatrice di Hohenzollern-Norimberga  
Alberto II d'Asburgo  
Giovanna Sofia di Baviera Alberto I di Baviera  
 
Margherita di Brieg  
Elisabetta d'Asburgo  
Sigismondo di Lussemburgo Carlo IV di Lussemburgo  
 
Elisabetta di Pomerania  
Elisabetta di Lussemburgo  
Barbara di Cilli Ermanno II di Cilli  
 
Anna di Schaunberg  
 

OnorificenzeModifica

  Rosa d'Oro
— 1505

NoteModifica

  1. ^ Jerzy Jan Lerski, Piotr Wróbel e Richard J. Kozicki, Historical dictionary of Poland, 966–1945, Greenwood Publishing Group, 1996, ISBN 978-0-313-26007-0.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN15582889 · ISNI (EN0000 0001 1041 1135 · LCCN (ENn88258788 · GND (DE119559714 · BNF (FRcb16297478x (data) · BAV (EN495/75198 · CERL cnp00559282 · WorldCat Identities (ENlccn-n88258788
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie