Apri il menu principale

Alessandro Quasimodo

attore, regista e poeta italiano
Alessandro Quasimodo con il cane Trenet nella casa di Milano

Alessandro Quasimodo (Milano, 22 maggio 1939) è un attore, regista e poeta italiano, è figlio del poeta italiano Salvatore Quasimodo e della ballerina Maria Cumani.

Indice

BiografiaModifica

La carriera teatrale ebbe inizio nel 1959 al Piccolo Teatro di Milano in un corso perfezionamento sotto la direzione del regista statunitense Lee Strasberg, fondatore del Actors Studio, al Festival dei Due Mondi di Spoleto dove ha debuttato in Motivo di Scandalo di Osborne con la regia di Puggelli. Nel 1972 ha lavorato nel film Massacro a Parigi di Marlowe regia di Patrice Chéreau. Dal 1975 al 1978 ha partecipato a numerosi spettacoli al teatro Pierlombardo.[1]

Ha collaborato con Ugo Tognazzi, Pier Paolo Pasolini e Federico Fellini. Scrive poesie teatrali: l'Aminta del Tasso (1984), Oreste di Alfieri (1985) e La città morta di D’Annunzio (1987-88) insieme a Franca Nuti e Luciana Savignano. Ha scritto Fuori non ci sono che ombre, e cadono (2003), dedicato a suo padre Salvatore e sua madre Maria Cumani. Inoltre ha lavorato nella Rai di cui ha curato 27 trasmissioni della poesia italiana con titolo Saltimbanchi dell'anima. Ha collaborato con la radio svizzera. Dal 1979 si è dedicato esclusivamente alla poesia facendo tournée per l'Europa e in America.[2]

Dal 2017 è Cittadino Onorario di Roccalumera, luogo d'origine della sua famiglia dove ha sede il Parco letterario Salvatore Quasimodo.

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ Alessandro Quasimodo, su www.ilporticciolocultura.it. URL consultato il 19 giugno 2016.
  2. ^ Alessandro Quasimodo Presidente Onorario, su Energia Per la Vita. URL consultato il 19 giugno 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN36981650 · SBN IT\ICCU\CFIV\112521 · LCCN (ENn82022967