Apri il menu principale

Alessio Butti

politico italiano
Alessio Butti
Alessio Butti daticamera 2018.jpg

Segretario del Senato della Repubblica
Durata mandato 8 maggio 2008 –
20 marzo 2013
Presidente Renato Schifani

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI, XIII, XIV, XVIII
Gruppo
parlamentare
XI:
- Movimento Sociale Italiano

XIII - XIV:
- Alleanza Nazionale

XVIII:
- Fratelli d'Italia

Circoscrizione Lombardia 2
Collegio XIII - XIV:
9 (Como)

XVIII:
8 (Lecco)

Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XV, XVI
Gruppo
parlamentare
XV:
- Alleanza Nazionale

XVI:
- Il Popolo della Libertà (Dal 9/12/2008 al 19/12/2012)

- Fratelli d'Italia (Dal 20/12/2012 a fine legislatura)

Circoscrizione Lombardia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Fratelli d'Italia (Dal 2012)
In precedenza:
MSI (Fino al 1995)
AN (1995-2009)
PdL (2009-2012)
Titolo di studio Diploma di Istituto Tecnico Industriale
Professione Giornalista Pubblicista; Consulente Aziendale

Alessio Butti (Como, 15 ottobre 1964) è un politico italiano.

BiografiaModifica

Attività politicaModifica

Giornalista pubblicista, inizia la sua carriera politica giovanissimo, iscrivendosi e successivamente diventando dirigente del Fronte della Gioventù.

Nel 1985 viene eletto consigliere comunale del comune di Como nelle file del Movimento Sociale Italiano. Nel 1990 viene eletto consigliere provinciale della Provincia di Como, riconfermato successivamente nel 1994 e nel 1998. Nel 1992 viene eletto alla Camera dei deputati con MSI. Dal 1994 al 1996 è vicesindaco del comune di Como, con deleghe ai lavori pubblici, all'edilizia privata, al commercio, all'industria e alle politiche giovanili. Nel 1996 viene rieletto alla Camera dei deputati per Alleanza Nazionale. È membro della Commissione Parlamentare di Vigilanza. Nel 2001 è confermato alla Camera dei deputati con il ruolo di vice capogruppo di Alleanza Nazionale. È membro della Commissione Cultura e della Commissione di Vigilanza Rai. Nel 2006 è stato eletto al Senato della Repubblica. È membro della 7ª Commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali), della commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi. È segretario della 8ª Commissione permanente: Lavori pubblici, comunicazioni.

In seguito alle nuove elezioni, nelle quali viene rieletto per il Popolo della Libertà, dal 6 maggio 2008 è Segretario d'Aula del Senato della Repubblica.[1] Riconfermato membro della Commissione Lavori pubblici del Senato e inoltre capogruppo del PdL alla Commissione di Vigilanza RAI.

Il 20 dicembre 2012 lascia il PdL per aderire al nuovo partito Fratelli d'Italia - Centrodestra Nazionale, di cui diventa vicecapogruppo al Senato, che raccoglie gli ex AN, fondato da Ignazio La Russa.

Alle elezioni del 2013 si ricandida al Senato ma non viene rieletto, poiché Fratelli d'Italia non passa lo sbarramento del 3%.[2]

Il 23 marzo 2014 si è sposato con rito cattolico con Lisa Giussani.

Alle elezioni politiche del 5 marzo 2018 è rieletto deputato nella lista di Fratelli d'Italia grazie alla vittoria nel collegio uninominale di Lecco.

NoteModifica

  1. ^ Governo, Berlusconi ottimista. Calderoli: "Io, ministro a sorpresa", la Repubblica, 6 maggio 2008. URL consultato il 2 aprile 2013.
  2. ^ Butti non rieletto. «Non mi pento di nulla, credo nel progetto», Corriere di Como, 26 febbraio 2013. URL consultato il 2 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2013).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica