Alessio Foconi

schermidore italiano, specialista del fioretto
Alessio Foconi
Alessio Foconi CIP 2015 quals t114547.jpg
Foconi durante le qualificazioni allo Challenge International de Paris, il 16 gennaio 2015
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 81 kg
Scherma Fencing pictogram.svg
Specialità Fioretto
Ranking 1' FIEº
Società Aeronautica Militare
Carriera
Giovanili
Circolo Scherma Terni
Palmarès
Mondiali 3 0 1
Europei 1 1 2
Giochi europei 1 1 0
Universiadi 0 2 0
Campionati italiani 3 0 3
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 20 giugno 2019

Alessio Foconi (Roma, 22 novembre 1989) è uno schermidore italiano, specialista del fioretto. Fa parte del Centro Sportivo dell'Aeronautica Militare.[1]

BiografiaModifica

Ternano, ma nato a Roma, Foconi ha iniziato a tirare di scherma presso il Circolo della scherma di Terni, allenandosi dapprima sotto la guida del Maestro Giulio Tomassini e, in seguito, di Filippo Romagnoli.[1]

Competizioni giovaniliModifica

Nelle varie partecipazioni a competizioni giovanili, ha vinto l'argento individuale ai Campionati italiani giovani del 2008 e l'oro individuale nell'edizione 2009. Ha vinto due volte l'oro individuale nei campionati nazionali under 23 (nel 2009 e nel 2012) e una volta l'argento individuale (nel 2011).[1]

Coppa del mondoModifica

Nel 2008 ottenne un risultato a sorpresa nella Coppa del mondo di scherma d Espinho, battendo Renal Ganeyev, Ruslan Nasibulin e Choi Byung-chul. Ottenne poi la medaglia di bronzo finale, battuto dal compagno di squadra, e campione olimpico, Simone Vanni.[2]

UniversiadiModifica

Ha fatto parte della delegazione nazionale alla XXVI Universiade tenutasi nel 2011 a Shenzen, in Cina: in quell'occasione, ha vinto l'argento nella prova del fioretto a squadre nel torneo di scherma svoltosi dal 13 al 18 agosto.

Nell'edizione successiva, svoltasi nel 2013 a Kazan', in Russia, ha vinto di nuovo l'argento nella prova del fioretto a squadre del torneo di scherma tenutosi dal 6 al 12 luglio.

Campionati assolutiModifica

Nei Campionati italiani assoluti ha vinto il bronzo individuale e l'oro a squadre nel 2010, l'oro a squadre nel 2011 (con l'11º posto nell'individuale), il bronzo individuale e l'oro a squadre nel 2012, l'oro individuale e il bronzo a squadre nel 2013.[1]

Giochi europeiModifica

Nel 2015 ha preso parte alla prima edizione dei Giochi europei, tenutasi a Baku, nella quale si è aggiudicato la medaglia d'oro nel concorso di fioretto individuale maschile vincendo contro il russo Timur Arslanov con il punteggio di 15-11, dopo aver battuto in semifinale il compagno di squadra Francesco Ingargiola per 15 a 14.[3] Nella stessa manifestazione schermistica, ha vinto la medaglia d'argento nel concorso di fioretto a squadre. Vince nel 2017 il bronzo a squadre agli Europei di Scherma in Georgia.

Campionati del mondoModifica

All'edizione 2017 dei campionati mondiali, tenutasi a Lipsia, ha vinto la medaglia d'oro nella competizione del fioretto a squadre. All'edizione 2018 dei campionati del mondo, tenutisi a Wuxi, in Cina, vince la sua prima medaglia d'oro nel torneo di fioretto individuale, battendo per 15-8 in finale il britannico Richard Kruse, e si aggiudica nello stesso Mondiale anche l'oro del fioretto a squadre.

PalmarèsModifica

MondialiModifica

Individuale
A squadre

EuropeiModifica

Individuale
A squadre

Giochi europeiModifica

Individuale
A squadre

UniversiadiModifica

A squadre

OnorificenzeModifica

  Collare d'oro al merito sportivo
— 19 dicembre 2017[4]
  Collare d'oro al merito sportivo
— 2018[5]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Scheda atleta di Alessio Foconi (PDF), FIS-Federazione Italiana Scherma. URL consultato il 26 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2015).
  2. ^ Leonardo Bordoni, Scherma: Foconi si scopre grande fra i 'grandi', in Sport Terni, 17 marzo 2008. URL consultato il 27 luglio 2015.
  3. ^ Moreno Sturaro, Scherma: Foconi vince l'oro ai Giochi Europei di Baku, in Sport Terni, 26 giugno 2015. URL consultato il 27 luglio 2015.
  4. ^ Collari d'oro 2017, su coni.it. URL consultato il 22 dicembre 2018.
  5. ^ Collari d'oro 2018, su coni.it. URL consultato il 21 dicembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica