Apri il menu principale

Alex Spanos

imprenditore e dirigente sportivo statunitense

Alexander Gus Spanos (Stockton, 28 settembre 1923Stockton, 9 ottobre 2018) è stato un imprenditore e dirigente sportivo statunitense, fondatore della A. G. Spanos Companies e proprietario dei Los Angeles Chargers dal 1984 al 2018 della National Football League (NFL).

Indice

BiografiaModifica

Nato a Stockton in California da emigranti greci nel 1923, nel 1951 Spanos ottenne un prestito di 800 dollari da una banca locale per acquistare un camion poi utilizzato per vendere sandwich agli operai migranti della Valle di San Joaquin[1]. Per il 1955 aveva già guadagnato il suo primo milione di dollari. Investì i suoi guadagni nel mercato immobiliare e, su suggerimento dei suoi consulenti fiscali, iniziò a costruire appartamenti. Nel 1960 fondò la A.G. Spanos Companies, che divenne entro il 1977 uno dei maggiori costruttori di appartamenti degli Stati Uniti.

San Diego ChargersModifica

Nel 1984, Spanos acquistò il 60% dei San Diego Chargers dal proprietario di maggioranza Eugene Klein per 48,3 milioni di dollari[2]. Nei dieci anni successivi acquistò le rimanenti quote dei proprietari di minoranza, giungendo al controllo del 97% della franchigia. Rimase partner l'ex ristoratore di San Diego George Pernicano, un investitore della squadra sin dai primi anni della sua fondazione. Dal 1993, il figlio di Spanos, Dean, gestisce le operazioni del club. Secondo Forbes, nel 2010 i San Diego Chargers valevano 826 milioni di dollari[3].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) "ALEX SPANOS : How the son of an impoverished Greek immigrant borrowed $800 and turned it into a business and sports empire worth $160 million, Los Angeles Times, 11 marzo 1985. URL consultato il 27 agosto 2014.
  2. ^ (EN) Alex Spanos 'I Hate Losing, San Diego Union Tribune, 12 maggio 2002. URL consultato il 27 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2013).
  3. ^ (EN) #26 San Diego Chargers, Forbes, 31 agosto 2010. URL consultato il 27 agosto 2014.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN16588820 · ISNI (EN0000 0001 1747 0752 · LCCN (ENn2002091570 · WorldCat Identities (ENn2002-091570