Alexander Platz (brano musicale)

Alexander Platz
ArtistaMilva
Franco Battiato
Autore/iAlfredo Cohen, Franco Battiato, Giusto Pio[1]
GenerePop rock
Edito daRicordi
Pubblicazione originale
IncisioneMilva e dintorni
Data1982
EtichettaRicordi
Durata3 min 20 s

Alexander Platz è un brano musicale italiano del 1982 scritto da Alfredo Cohen, Franco Battiato e Giusto Pio. Riadattato su un brano interpretato con un testo parzialmente differente da Cohen, Valery, fu interpretato col nuovo titolo da Milva, che lo incise come traccia d'apertura dell'album Milva e dintorni, fu in seguito ripreso dallo stesso Battiato dal vivo e incluso nel suo album Giubbe rosse.

StoriaModifica

Il brano nacque come riadattamento di un altro pezzo musicale, Valery, composto da Alfredo Cohen con la collaborazione di Franco Battiato e Giusto Pio e cantato dallo stesso Cohen in un'incisione pubblicata nel 1979.[2] Il testo originale era dedicato a una giovanissima ragazza transgender, Valérie Taccarelli, che Cohen conobbe a Bologna dove lei era attivista di uno dei primi circoli di cultura omosessuale, divenuto successivamente il Cassero LGBT Center[3].

Nel 1982 Battiato riscrisse il testo ispirandosi alla Alexanderplatz, importante piazza di Berlino Est, città ai tempi ancora divisa dal muro, e riadattò il brano proponendo a Milva di cantarlo, incorporando la struttura melodica, alcune parti del testo e aggiungendo il fortunato ritornello, assente nel brano originale. La canzone divenne così, dal ritratto di una ragazza, a una riflessione sulla vita nella Berlino Est di quegli anni[4].

«La domanda "Ti piace Schubert?" si riferisce al fatto che a Berlino Est, come in tutta l'Europa orientale, la cultura tradizionale e soprattutto la musica classica sono al centro dell'offerta culturale e non vi sono praticamente alternative. Non vi è posto per la musica contemporanea, simbolo e avamposto degli ideali edonistici dell'occidente. La musica è quella classica ed il regime che sceglie cosa deve nutrire le menti del suo popolo.»[5]

Milva fece di questo brano un vero e proprio cavallo di battaglia, riproposto nei concerti e reinciso in varie raccolte in Italia, Germania e Giappone, come Wieder mal, In Concert, Milva, Mein Weg (Stationen einer Karriere 1977-1998), Die ultimative Chart Show. Divenne la title track dell'album in versione francese Milva Alexander Platz, e fu anche inciso in tedesco, con il titolo Menschen an der Macht[6].

Battiato la propose solo dal vivo includendola nella raccolta, Giubbe Rosse[6], edita nel 1989.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica