Apri il menu principale

Alfonso Cristiano di Borbone-Spagna

infante di Spagna
Alfonso di Borbone-Spagna
Juan Carlos de Borbón junto a su padre y su hermano Alfonso (1 de 1) - Fondo Marín-Kutxa Fototeka (cropped).jpg
Infante di Spagna
Stemma
Nome completo Alfonso Cristino Teresa Angelo Francisco de Asís y Todos los Santos
Nascita Roma, 3 ottobre 1941
Morte Estoril, 29 marzo 1956
(14 anni)
Luogo di sepoltura Cripta Reale del Monastero dell'Escorial
Dinastia Borbone
Padre Giovanni di Borbone-Spagna
Madre Maria Mercedes di Borbone-Due Sicilie
Religione Cattolicesimo

Alfonso di Borbone-Spagna, nome completo Alfonso Cristino Teresa Angelo Francisco de Asís y Todos los Santos (Roma, 3 ottobre 1941Estoril, 29 marzo 1956), Infante di Spagna, era il secondo figlio maschio dei conti di Barcellona Giovanni e Maria Mercedes, e quindi fratello di Juan Carlos di Spagna.

Ebbe per padrino di battesimo l'Infante Alfonso d'Orléans e per madrina la zia l'Infanta Maria Cristina di Spagna[1]: in famiglia era chiamato Alfonsito per distinguerlo dagli altri omonimi membri della famiglia. Quando Alfonso era ancora appena un bambino, la sua famiglia si trasferì a Losanna in Svizzera vivendo nella villa Les Rocailles[2]. Nel febbraio 1946 la famiglia si spostò in Portogallo[2].

Nel 1947 Alfonso visitò la Spagna per la prima volta su invito del Generale Francisco Franco: nel 1950 lui e suo fratello Juan Carlos furono mandati a studiare in Spagna[3], vivendo dapprima a San Sebastián, dove una scuola privata era stata approntata nel palazzo di Miramar[4]. Nel giugno 1954 vennero ricevuti dal Generale Franco al Palazzo Reale di El Pardo[5]. In seguito i due fratelli entrarono nell'Accademia militare di Saragozza.[6]

Morte e sepolturaModifica

Nel marzo 1956 Alfonso e Juan Carlos si trovavano nella residenza dei genitori, Villa Giralda, ad Estoril, per le vacanze pasquali: giovedì santo Alfonso morì per un colpo d'arma da fuoco. L'ambasciata spagnola in Portogallo rilasciò una dichiarazione ufficiale[7]:

«Mentre Sua Altezza l'Infante Alfonso stava pulendo un revolver la scorsa sera con suo fratello, un colpo partì raggiungendolo alla fronte ed uccidendolo in pochi minuti. L'incidente accadde alle 20.30, dopo il ritorno dell'Infante dalla Messa del Giovedì Santo, dove aveva ricevuto la Santa Comunione.»

Molto rapidamente, tuttavia, sui giornali comparvero indiscrezioni che volevano la pistola al momento dello sparo fosse nelle mani di Juan Carlos.[8] Josefina Carolo, sarta della madre dei principi, sostenne che Juan Carlos per scherzo aveva puntato la pistola contro Alfonso tirando il grilletto, ignaro che la pistola fosse carica. Bernardo Arnoso, un amico portoghese di Juan Carlos, fornì poi la stessa versione, aggiungendo che la pallottola, deviata da una parete, aveva colpito Alfonso in fronte. Helena Matheopoulos, un autore greco che aveva parlato con la sorella dei due, l'infanta Pilar di Borbone-Spagna, ha detto che Alfonso si trovava fuori dalla stanza e quando vi è entrato spingendo la porta aperta, questa sbatté contro il braccio di Juan Carlos facendogli partire il colpo[9].

Ci sono state varie versioni anche sull'origine della pistola: quella più suffragata è che fosse un regalo ad Alfonso da parte del Generale Franco[10].

Il funerale si svolse Sabato Santo celebrato da monsignor Fernando Cento, Nunzio Apostolico in Portogallo: Alfonso fu sepolto nel cimitero municipale di Cascais, in Portogallo; nel 1992 fu esumato e sepolto nel Pantheon dei Principi nella Cripta Reale del Monastero dell'Escorial.

Albero genealogicoModifica

NoteModifica

  1. ^ José María Zavala, Dos infantes y un destino (Barcelona: Planez & Janés, 1998), 101.
  2. ^ a b Zavala, 102.
  3. ^ "Spanish Pretender's Sons", The Times (2 ottobre 1950): 3. "General Franco and Don Juan", The Times (3 ottobre 1950): 5.
  4. ^ Zavala, 165.
  5. ^ Zavala, 171.
  6. ^ "Prince to Return to Spain Tuesday", The New York Times (16 gennaio 1955): 25.
  7. ^ Paul Preston, Juan Carlos: Steering Spain from Dictatorship to Democracy (New York: W.W. Norton, 2004), 101.
  8. ^ Il nipotino {{sic|13enne}} si spara a un piede, il re Juan Carlos rivive dramma del 1956, su ilmessaggero.it. URL consultato il 10 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2012).
  9. ^ Preston, 102.
  10. ^ Preston, 103.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN41169274 · LCCN (ENn99021673 · WorldCat Identities (ENn99-021673
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie