Alireza Firouzja

Alireza Firouzja
Alireza Firouzja - Tasnimnews 01.jpg
Nazionalità Iran Iran
Scacchi Chess.svg
Categoria GM
Ranking 2728 (marzo 2020), al mondo 21º
Best ranking 2728 (marzo 2020), al mondo 21º
Palmarès
Transparent.png Campionati del mondo a cadenze veloci
Argento Mondiale Rapid Mosca 2019
Transparent.png Campionati nazionali
Oro Campionato iraniano di scacchi Teheran 2016
Oro Campionato iraniano di scacchi Jam 2019
Statistiche aggiornate al 1 marzo 2020

Alireza Firouzja (in persiano علیرضا فیروزجاه), pronuncia in persiano: [æliːɾezɑː fiːɾuːzˈdʒɑːh] (Babol, 18 giugno 2003[1]) è uno scacchista iraniano, Grande Maestro.

Bambino prodigio, ha vinto il Campionato di scacchi del suo Paese all'età di 12 anni e ottenuto il titolo di grande maestro a 14. Nella lista FIDE di agosto 2019 ha superato i 2700 punti Elo, la soglia che informalmente definisce i "SuperGM".[2]

Ha raggiunto il massimo punteggio Elo nel marzo 2020 con 2728 punti, 1º iraniano e 21º al mondo.[3]

Il 27 dicembre 2019, durante il Campionato del mondo blitz di Mosca, la federazione iraniana ha ritirato la propria squadra per protesta contro la partecipazione di giocatori di Israele, ma egli ha deciso di continuare a giocare, venendo subito espulso dalla federazione iraniana. Dopo il torneo è andato con il padre a Parigi. Dal 1º gennaio 2020 gioca con la bandiera della FIDE. [4]

CarrieraModifica

Nel 2016 ha vinto il Campionato iraniano di scacchi con il punteggio di 8/11 (+5–0=6), con un punto di vantaggio sui suoi più immediati inseguitori, ed è lo scacchista più giovane (12 anni) ad essersi aggiudicato questo torneo.[5] Nello stesso anno ha conquistato la medaglia d'oro individuale nel Campionato asiatico a squadre di Abu Dhabi con la nazionale iraniana e ha preso parte all'edizione di Baku 2016 delle Olimpiadi degli scacchi giocando in quarta scacchiera. Dal settembre del 2016 è maestro internazionale (MI)[6], titolo guadagnato grazie alle norme ottenute nel Qatar Masters di Doha (dicembre 2015), nel Campionato iraniano individuale di Teheran (gennaio 2016) e nel Campionato asiatico a squadre di Abu Dhabi (aprile 2016).

Nel febbraio 2018 ha partecipato all'Open Aeroflot di Mosca, terminando al 40º posto su 92 concorrenti[7] con 4½/9 (+2–2=5).[8] Questo risultato gli è valso l'ultima norma di grande maestro (GM),[9] titolo che la FIDE gli ha riconosciuto nell'aprile 2018.[10] A febbraio 2019 è il secondo scacchista iraniano e il n. 197 al mondo.[11]

Nel Mondiale rapid del 2018 a San Pietroburgo è arrivato sesto, preceduto solo da Daniil Dubov, Şəhriyar Məmmədyarov, Hikaru Nakamura, Vladislav Artem'ev e dal campione del mondo Magnus Carlsen. Partito come testa di serie n. 169 su 206 partecipanti, ha realizzato un punteggio di 10/15 (+8–3=4) e una performance Elo di 2848 punti, la seconda del torneo (ha fatto di meglio solo il vincitore Daniil Dubov).[12] Nel Mondiale lampo si è classificato 42º su 150, con 12/21 (+10–7=4),[13] ed è stato anche in testa con un punto di vantaggio dopo 7 turni (6½/7), ma si è disunito dopo aver perso all'8º turno contro Carlsen (poi vincitore del torneo).[14]

Tra gennaio e febbraio 2019 ha vinto con il punteggio di 9 su 11 il suo secondo Campionato iraniano.[15] Nello stesso febbraio ha vinto a Tehran la sezione Masters della 27ma edizione dell'Open Fajr Cup International Chess Festival con il punteggio di 7,5 su 9[16] (+7 =1 -1[17]). Lo stesso mese inoltre fa parte a Bandar-e-Anzali della rappresentativa iraniana che ha affrontato nella Stars Cup una selezione del Resto del Mondo: giocando in seconda scacchiera ha ottenuto 5,5 punti su 8 (+3 =5 -0), contribuendo con il miglior risultato individuale alla vittoria della Nazionale del suo paese.[18]

In aprile partecipa al Reykjavík Open nell'omonima città islandese: con 7 punti su 9 giunge 2º per spareggio tecnico Buchholz dietro al rumeno Constantin Lupulescu.[19] Durante il giorno di riposo dello stesso, vince il Campionato europeo di Scacchi960, giocato con la cadenza 10'+3'', con il punteggio di 8 su 9.[20] In giugno partecipa come N.3 del tabellone al Campionato asiatico individuale nel quale giunge 6º con 6 punti su 9 (+5 =2 -2).[21]

È di dicembre la sua partecipazione ai Mondiali rapid e blitz di Mosca, nei quali giunge 2º alle spalle di Magnus Carlsen[22] e 6º rispettivamente.[23]

In febbraio 2020 ha vinto (con la bandiera della FIDE) il Festival Internazionale di Praga (12-21 febbraio) dopo spareggio con Vidit Gujrathi (2–0).[24]

Il 15 aprile 2020 ha vinto il torneo blitz (3'+0") online ad eliminazione diretta "Banter Blitz Cup", giocato sul sito chess24.com; si giocava al meglio delle 16 partite e nella finale Firouzja ha sconfitto Magnus Carlsen 8,5-7,5.[25]

NoteModifica

  1. ^ (DE) Im Fokus: Alireza Firouzja, su de.chessbase.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  2. ^ (EN) August ratings: Carlsen at all-time high, su en.chessbase.com. URL consultato il 1º agosto 2019.
  3. ^ Top 100 Fide Players March 2020, su ratings.fide.com.
  4. ^ (EN) Iran’s Alireza Firouzja, 16, bypasses ban on playing Israelis, su The Guardian online
  5. ^ (EN) 12-year-old Alireza Firouzja is Iranian Champion, su en.chessbase.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  6. ^ (EN) 87th FIDE Congress 2016, 1-14 September, Baku, Azerbaijan, su ratings.fide.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  7. ^ (EN) Aeroflot Open 2018 A, su chess-results.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  8. ^ (EN) Aeroflot Open 2018 A - Player info Firouzja Alireza, su chess-results.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  9. ^ (EN) Chris Chase, Chess notes, in The Boston Globe, 4 marzo 2018. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  10. ^ (EN) 1st quarter Presidential Board Meeting 2018, April 6-9, Minsk, Belarus, su ratings.fide.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  11. ^ (EN) Federations Ranking Iran, su ratings.fide.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  12. ^ (EN) Daniil Dubov, Ju Wenjun Win World Rapid Chess Championships, su chess.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  13. ^ (EN) King Salman World Blitz Championship 2018 Open, su chess-results.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  14. ^ (EN) Carlsen & Lagno end 2018 as World Blitz Champions, su chess24.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  15. ^ 52nd Iranian Men Chess Championship-Final, su chess-results.com. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  16. ^ 27th Fajr Cup International Chess Festival (Masters) Classifica finale dopo 9 turni, su chess-results.com. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  17. ^ 27th Fajr Cup International Chess Festival (Masters) Info su giocatore - Firouzja Alireza, su chess-results.com. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  18. ^ 3rd International Stars Cup 2019 - Formazione squadra con risultato individuale, su chess-results.com. URL consultato il 17 febbraio 2019.
  19. ^ (EN) Lupulescu Wins Reykjavik Open Among 8-Way Tie, su chess.com. URL consultato il 17 aprile 2019.
  20. ^ Reykjavik Fischer Random 2019 - European Cup - Classifica finale dopo 9 turni, su chess-results.com. URL consultato il 17 aprile 2019.
  21. ^ (EN) Asian Continental Open and Women's Championships 2019 (Open Group) - Player info Firouzja Alireza, su chess-results.com. URL consultato il 18 giugno 2019.
  22. ^ (EN) Carlsen and Humpy are World Rapid Champions, su en.chessbase.com. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  23. ^ (EN) Magnus Carlsen and Kateryna Lagno are World Blitz Champions, su en.chessbase.com. URL consultato il 2 gennaio 2020.
  24. ^ (EN) Prague International Chess Festival - Masters, Chess-results.com, 21 febbraio 2020. URL consultato il 22 febbraio 2020.
  25. ^ (EN) Firouzja beats Carlsen to win the Banter Blitz Cup, su chess24.com, 16 aprile 2020. URL consultato il 17 aprile 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica