Apri il menu principale

Alison Weir

scrittrice e storica inglese

Alison Weir (...) è una scrittrice inglese.

È nota come autrice di saggi e romanzi storici [1][2], che trattano per lo più vicende dei reali britannici.

GioventùModifica

Nata nel 1951 e cresciuta a Westminster, London, descrive sua madre come "una persona genuinamente buona, con doti di integrità, forza di carattere, umourismo e saggezza."[3]

Ella stessa narra che, all'età di quattordici anni, ricevesse, da sua madre il libro "Henry's Golden Queen", di Lozania Prole, l'avvincente storia di Caterina d'Aragona. Fu così che divenne appassionata nel campo della storia.[4]

Frequentò la City of London School for Girls, affermandosi in letteratura inglese, arte, storia inglese, medioevo europeo e monachesimo, quindi fu insegnante di storia al Politecnico nord-occidentale di Londra, con approfondimenti sulla storia mondiale, sul medioevo inglese e sul rinascimento italiano.[2]

OpereModifica

La sua prima opera pubblicata nel 1989, Britain's Royal Families, era una panoramica genealogica della famiglia reale britannica. Successivamente Weir ha scritto biografie di Eleonora d'Aquitania, di Isabella di Francia, di Katherine Swynford, di Elisabetta di York e Principi nella Torre. Ha trattato delle vicende di Enrico VIII d'Inghilterra, delle sue mogli e dei suoi figli, inoltre, di Maria Bolena, di Elizabeth I, e di Maria Stuarda. Ha pubblicato panoramiche storiche della Guerra delle due rose, sui matrimoni reali, come pure romanzi storici su Lady Jane Grey, su Elisabetta I, e su Eleonora d'Aquitania. Molte delle opere di Weir riguardano la dinastia Tudor.

SaggisticaModifica

  • Britain's Royal Families: The Complete Genealogy (1989)
  • The Six Wives of Henry VIII (1991)
  • The Princes in the Tower (1992)
  • Lancaster and York – The Wars of the Roses (1995)
  • Children of England: The Heirs of King Henry VIII (1996, later reissued as The Children of Henry VIII)
  • Elizabeth the Queen (1998) (published in America as The Life of Elizabeth I)
  • Eleanor of Aquitaine: By the Wrath of God, Queen of England (1999)
  • Henry VIII: The King and His Court (2001)
  • Mary, Queen of Scots and the Murder of Lord Darnley (2003)
  • Isabella: She-Wolf of France, Queen of England (2005)
  • Katherine Swynford: The Story of John of Gaunt and his Scandalous Duchess (2007)
  • The Lady in the Tower: The Fall of Anne Boleyn (2009)
  • Traitors of the Tower (2010)
  • The Ring and the Crown: A History of Royal Weddings (2011)
  • Mary Boleyn: The Mistress of Kings (2011)
  • Elizabeth of York – A Tudor Queen and Her World (2013)
  • The Lost Tudor Princess: A Life of Margaret Douglas, Countess of Lennox (2015)
  • Queens of the Conquest (2017)
  • A Tudor Christmas (2018)[24]

NarrativaModifica

  • Innocent Traitor: A Novel of Lady Jane Grey (2007)
  • The Lady Elizabeth (2008)
  • The Captive Queen (2010)
  • Dangerous Inheritance: A Novel of Tudor Rivals and the Secret of the Tower (2012)
  • The Marriage Game: A Novel of Elizabeth I (2014)
  • Caterina d'Aragona (2019)
  • Anne Boleyn: A King's Obsession (2017)
  • Jane Seymour: The Haunted Queen (2018)
  • Anna of Kleve: Queen of Secrets (2019)

Vita privataModifica

Alison Weir Risiede attualmente nel Surrey con suo marito ed i suoi due figli.[5][6]

NoteModifica

  1. ^ Alison Weir, in Contemporary Authors Online, Literature Resource Center. Web, Gale, 2010. URL consultato l'11 giugno 2012.
  2. ^ a b Alison Weir – Author Biography, AlisonWeir.org.uk. URL consultato il 13 luglio 2019.
  3. ^ GRO Register of Births: SEP 1951 5c 1617 LAMBETH, mmn=Marston
  4. ^ Alison Weir, su alisonweir.org.uk. URL consultato il 19 luglio 2019.
  5. ^ Alison Weir, su alisonweir.org.uk. URL consultato il 19 luglio 2019.
  6. ^ Emma Buckley, The 14/4 Interview With Alison Weir, in Glow Magazine, 2012. URL consultato il 28 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2013).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66570198 · ISNI (EN0000 0001 0910 8091 · LCCN (ENno2011141534 · BNF (FRcb12496887j (data) · WorldCat Identities (ENno2011-141534