Apri il menu principale

Alistair Overeem

artista marziale misto e kickboxer olandese
Alistair Overeem
Alistair Overeem.png
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Regno Unito Regno Unito
Altezza 196 cm
Peso 117 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Kickboxing, Muay Thai, Judo, Gaidojutsu, Jiu jitsu brasiliano
Squadra Paesi Bassi Mike's Gym
Paesi Bassi Golden Glory
Stati Uniti Blackzilians
Stati Uniti Jackson's MMA
Carriera
Soprannome Demolition Man
The Reem
Combatte da Paesi Bassi Amsterdam, Paesi Bassi
Vittorie 44
per knockout 20
per sottomissione 19
Sconfitte 17
per knockout 13
No contest 1
Kickboxing Kickboxing pictogram.svg
Specialità Muay thai
Categoria Pesi massimi
Carriera
Vittorie 10
per knockout 7
Sconfitte 4
per knockout 3
 

Alistair Cees Overeem (Hounslow, 17 maggio 1980) è un lottatore di arti marziali miste e kickboxer olandese di origini giamaicane.

Combatte nella categoria dei pesi massimi per la promozione statunitense Ultimate Fighting Championship. È stato campione dei pesi massimi di MMA nelle organizzazioni Strikeforce e Dream e campione di kickboxing K-1: è entrato nella storia proprio per essere stato il primo e al momento l'unico lottatore negli sport da combattimento ad aver detenuto contemporaneamente un titolo mondiale nelle MMA e nel kickboxing K-1.

È il fratello minore di Valentijn Overeem, anch'egli artista marziale misto che ha combattuto in organizzazioni di rilievo come Pride, Strikeforce e RINGS e che ha sconfitto avversari come Renato Sobral, Randy Couture e Ray Sefo.

È stato premiato International Fighter of the Year ai Fighters Only World MMA Awards nel 2010[1] e 2011[2].

Carriera nella kickboxingModifica

Alistair Overeem ha lasciato un segno indelebile nella kickboxing degli anni 2000 e nello stile K-1, imponendosi come uno dei migliori shootfighter del mondo. La sua carriera da kickboxer inizia nel 1999, così come la sua carriera nelle arti marziali miste; il suo primo incontro è un evento di Muay thai a Veenendaal contro un connazionale, incontro vinto ai punti.

Nel 2001 prenderà parte al suo primo Grand Prix di K-1, dove però viene sconfitto, così come verrà messo KO nel suo terzo incontro in carriera, svoltosi in Giappone.

Dopo un ottimo successo nel 2008 contro il forte marocchino Badr Hari e una sconfitta l'anno successivo per mano di Remy Bonjasky, nel 2009 Overeem si qualifica al K-1 2009 World Grand Prix sconfiggendo il favorito Peter Aerts ai punti. Nei quarti di finale a Yokohama mette KO con una ginocchiata il brasiliano Ewerton Teixeira, ma in semifinale si troverà di nuovo di fronte a Hari e questa volta è il kickboxer africano ad avere la meglio vincendo per un KO tecnico deciso dopo che Overeem era andato al tappeto per due volte.

L'anno successivo, il 2010, è quello buono che fece entrare Overeem di diritto nella storia degli sport da combattimento: nei turni di qualificazione prima stende con una ginocchiata l'esperto bosniaco Dževad Poturak e poi impone il KO tecnico al campione australiano Ben Edwards. Nei quarti di finale ottiene una vittoria per decisione unanime contro il campione Showtime Tyrone Spong. In semifinale si confronta con il pluricampione di muay thai Gökhan Saki, uscendo vincitore per un infortunio dell'avversario.

La finalissima dell'11 dicembre 2010 è contro la leggenda Peter Aerts, già campione del K-1 nel 1994, 1995 e 1998: in poco più di un minuto Overeem mette KO l'avversario con un pugno, divenendo campione K-1 e il primo lottatore della storia a detenere contemporaneamente un titolo K-1 ed un titolo nelle arti marziali miste, visto che al tempo Overeem era campione Strikeforce in carica, e solo venti giorni dopo la vittoria in K-1 vinse anche il titolo dei pesi massimi Dream.

Carriera nelle arti marziali misteModifica

Il primo incontro di Overeem nelle MMA professionali avvenne all'età di 19 anni, battendo Ricardo Fyeet con una guillotine choke il 24 ottobre 1999 a It's Showtime, il primo evento eponimo della federazione.

IniziModifica

Dopo aver messo insieme un record di 10–3 in promotion come la RINGS, Overeem fece il suo debutto in Pride il 20 luglio 2002, sconfiggendo Yusuke Imamura per TKO dopo soli 45 secondi.

PrideModifica

Overeem vinse altri due combattimenti prima di entrare nel Pride Middleweight Grand Prix 2003 all'evento Pride Total Elimination 2003, perdendo col futuro campione dei pesi mediomassimi UFC Chuck Liddell nei quarti di finale. Overeem si rifece battendo Tomohiko Hashimoto a Inoki Bom-Ba-Ye 2003 in 36 secondi. Il 31 ottobre 2004 si scontrò con Hiromitsu Kanehara, battendolo per TKO nel primo round a Pride 28. L'incontro successivo perse contro un top fighter come il brasiliano Antônio Rogério Nogueira.

Nel 2005 Overeem partecipò al Pride Middleweight Grand Prix a Pride Total Elimination 2005, dove sconfisse l'ex campione dei pesi mediomassimi UFC Vítor Belfort per sottomissione. Nei quarti di finale Overeem superò Igor Vovchanchyn a Pride Critical Countdown 2005 dopo due minuti per sottomissione. Nel turno successivo, nelle semifinali, Overeem perse col futuro vincitore del torneo Shogun Rua.

Nel febbraio 2006 Overeem combatté col russo Sergei Kharitonov. Overeem vinse il match, slogando una spalla di Kharitonov nel corso dell'incontro. Con questa vittoria su Kharitonov, Overeem si assicurò un posto al Pride Open Weight Grand Prix 2006 a Pride Total Elimination Absolute. Lì affrontò il futuro campione dei pesi massimi UFC Fabrício Werdum, perdendo con una kimura nel secondo round.

Debutto in StrikeforceModifica

Dopo questa sconfitta Overeem si spostò a San José, in California, per un rematch contro Vitor Belfort all'evento Strikeforce: Revenge. Malgrado si trattasse del main event, Overeem vinse per decisione in un combattimento poco spettacolare.

Ritorno in PrideModifica

Un mese dopo Overeem fece ritorno in Pride per disputare l'ampiamente anticipato rematch contro Antônio Rogério Nogueira. L'olandese iniziò il match con una vistosa fasciatura al collo. Dopo aver controllato il primo round e mezzo col suo striking, Overeem venne fatto inciampare con un pugno seguito da una raffica di altri colpi. Preoccupato che Overeem potesse infortunarsi gravermente, il suo angolo gettò l'asciugamano.

A Pride Final Conflict Absolute, Alistair perse contro Ricardo Arona. Nel corso del match Overeem ricevette un calcio alla gamba che gli causò un infortunio non grave ai nervi e che sul momento gli fece perdere la sensibilità al piede e alla gamba. Incapace di organizzare un'efficace difesa contro Arona, Overeem cedette per evitare un infortunio ancora più grave.

In seguito patì un'altra sconfitta contro Shogun Rua a Pride 33 ma ritornò nel giugno 2007 con una vittoria per sottomissione su Michael Knaap al K-1 Grand Prix ad Amsterdam (malgrado il K-1 fosse una federazione di kickboxing, il match si svolse sotto le regole delle arti marziali miste).

Il 17 settembre 2007 nella finale di Hero's 10: Middleweight Tournament Alistair incontrò nuovamente Sergei Kharitonov. Overeem iniziò bene il primo round ma subì un KO proprio prima della fine dello stesso.

Ritorno alla Strikeforce/Dream/DynamiteModifica

Il 16 novembre 2007 Overeem superò Paul Buentello per il vacante titolo dei pesi massimi Strikeforce per sottomissione dovuta a ginocchiate[3].

Il 15 giugno 2008 Overeem vinse per KO contro Lee Tae-Hyun a Dream 4. Il 21 luglio 2008 Overeem superò il campione del K-1 Grand Prix 2001 Mark Hunt nel primo round per sottomissione a Dream 5.

L'incontro successivo fu contro Mirko Filipović a Dream 6 il 23 settembre 2008[4]. Dopo la metà del primo round, che vide Overeem portare a terra "Cro Cop" diverse volte colpendolo dall'alto col suo striking, il combattimento fu fermato e dichiarato no contest per le continue ginocchiate all'inguine del croato da parte di Alistair.

In un'intervista del 2008 Overeem affermò che gli sarebbe piaciuto combattere in UFC in un futuro prossimo. Idealmente Overeem avrebbe desiderato un rematch contro Chuck Liddell per vendicare la sconfitta per KO subita a Pride Total Elimination 2003 e Mirko Cro Cop dopo il deludente no-contest nella Dream. Overeem fu visto anche a UFC 93 a parlare con Dana White e indicando di essere "pronto" per combattere nell'UFC.

Secondo le voci, Alistair avrebbe dovuto effettuare la sua prima difesa del titolo contro Brett Rogers il 6 giugno a Lawler vs. Shields ma un infortunio alla mano mandò a monte i piani[5]. Secondo il manager Bas Boon, Overeem soffrì di un'infezione alla mano dopo una rissa in un nightclub avvenuta nel maggio 2009. Secondo Boon, Alistair e suo fratello Valentijn, entrambi pesi massimi, furono coinvolti in un alterco che spedì all'ospedale cinque uomini della sicurezza e per poco costò ad Alistair la sua mano.

Successivamente Overeem avrebbe dovuto effettuare la prima difesa del suo titolo in un rematch contro Fabricio Werdum a Strikeforce: Carano vs. Cyborg, ma dovette rinunciare nuovamente per un infortunio alla mano, presumibilmente lo stesso del match precedente.

Alistair sconfisse Tony Sylvester nelle celebrazioni del decimo anniversario della Golden Glory con una standing guillotine choke. Usò la stessa sottomissione dopo soli otto giorni per far cedere James Thompson a Dream 12.

Overeem avrebbe dovuto affrontare Andrei Arlovski a Dynamite!! 2009, ma l'olandese invece optò per fronteggiare Kazuyuki Fujita. Overeem sovrastò subito il suo avversario alla testa e alla fine lo mandò KO con una ginocchiata alla testa.

Overeem in seguito affrontò Brett Rogers il 15 maggio 2010 a Strikeforce: Heavy Artillery difendendo il suo Strikeforce Heavyweight Championship. Vinse il match per TKO (pgni) nel primo round. Nella sua intervista post-match, Alistair Overeem dichiarò nuovamente di voler lottare contro Fedor Emelianenko, dichiarando che il management non poteva più ignorarlo[6]. La maggior parte dell'allenamento per il match si svolse nella Golden Glory Gym a Pattaya, Thailandia, dove il "Demolition Man" si concentrò per migliorare le sue abilità nel Muay Thai[7].

Overeem affrontò Todd Duffee il 31 dicembre 2010 a Dynamite!! 2010. Overeem abbatté Duffee per knockout dopo 19 secondi dall'inizio del primo round vincendo il Dream Interim Heavyweight Championship.

Strikeforce Heavyweight Grand PrixModifica

Ad inizio 2011, Alistair Overeem fu nominato uno degli otto uomini che avrebbero preso parte allo Strikeforce Heavyweight GP, contro Fabricio Werdum, Sergei Kharitonov, Brett Rogers, Josh Barnett, Andrei Arlovski, Antonio Silva e Fedor Emelianenko.

Un rematch contro Fabricio Werdum ebbe luogo il 18 giugno 2011, a Strikeforce: Dallas come parte del torneo e Overeem vinse per decisione unanime.

Un importante match è stato quello che ha visto come fighters Overeem e Rogers. "The Demolition man" difese il suo titolo con estrema facilità. L'esperienza dell'olandese gli permise non sono di dominare letteralmente l'incontro ma anche di farlo concludere al primo round. Nel momento in cui Rogers fu sbattuto violentemente a terra da un'incredibile presa di "The Reem" si capì che il KO stava maturando. Pugni, pugni e ancora pugni da posizione dominante di Alistair distrussero Rogers che fu salvato dall'arbitro che mise fine all'incontro.

Rimozione dallo Strikeforce Grand PrixModifica

Il 17 luglio fu annunciato che lo Strikeforce heavyweight champion Alistair Overeem veniva rimosso dall'heavyweight grand prix 2011. Overeem dichiarò che settembre era una data troppo anticipata per il suo ritorno e di aver bisogno di riposare e curarsi dopo la vittoria su Werdum. Overeem venne sostituito con l'imbattuto debuttante Daniel Cormier[8]. Di conseguenza, il 29 luglio, fu annunciato che Overeem era stato eliminato dall'organizzazione Strikeforce poiché Zuffa esercitò il suo diritto di eliminare l'ultimo incontro rimanente nel suo contratto[9]. Fu rivelato che la ragione dietro il licenziamento dell'olandese dalla Strikeforce non era la mancanza di volontà di lottare nelle semifinali del grand prix ma dovuto alla politica della Golden Glory che richiedeva che i soldi che i fighters guadagnavano tramite i combattimenti dovessero essere pagati prima al loro management.

Questa controversia non portò solo Overeem ad essere licenziato ma anche altre star della Golden Glory sotto contratto con la Zuffa. inclusa l'ex Strikeforce Women's Bantamweight Champion Marloes Coenen, il peso massimo norvegese dell'UFC Jon Olav Einemo e anche il fratello Valentijn Overeem. Il leader del team Golden Glory, Bas Boon, dichiarò di aver cambiato politica e che avrebbe potuto andare a combattere nell'UFC con un contratto esclusivo se gli fossero state offerte le giuste condizioni[10]. In seguito si scoprì che Zuffa e il Team Golden Glory erano tornati in trattativa e il presidente dell'UFC Dana White dichiarò di sperare in un accordo con l'olandese[11].

Ultimate Fighting ChampionshipModifica

Dopo molte speculazioni, il 6 settembre 2011, fu annunciato che Overeem aveva firmato un contratto con l'UFC e che il suo primo combattimento sarebbe stato contro l'ex campione dei pesi massimi Brock Lesnar il 30 dicembre 2011 a UFC 141[12]. Il vincitore avrebbe affrontato l'attuale UFC Heavyweight champion Junior dos Santos. Nelle settimane precedenti l'incontro l'olandese spostò i suoi allenamenti dal Nevada ad Amsterdam per stare vicino alle madre malata di cancro, dichiarando comunque che il ritorno nella capitale olandese non sarebbe stato una distrazione, bensì un punto a proprio favore[13]. A causa di problemi con i test antidoping della Commissione Atletica del Nevada, originati dall'improvviso ritorno di Overeem nei Paesi Bassi, il match rimase in dubbio per alcuni giorni. La vicenda si concluse con il benestare della commissione alla sua partecipazione all'incontro[14]. Overeem superò Lesnar per KO tecnico dopo 2.26 minuti dall'inizio della prima ripresa, in un match fino a quel momento si era svolto tutto in piedi, il terreno ideale per uno striker come Overeem contro un wrestler come Lesnar. Dopo l'incontro Lesnar annunciò il suo ritiro dalle arte marziali miste mentre l'olandese se la vedrà col campione dei pesi massimi Junior dos Santos[15].

Nell'aprile del 2012, in seguito ad un controllo a sorpresa effettuato dopo la conferenza stampa dell'evento UFC 146 nel quale Overeem avrebbe dovuto lottare per il titolo, lo stesso lottatore olandese venne trovato positivo con un livello di testosterone dieci volte superiore al normale[16]: di conseguenza venne estromesso dalla gara per il titolo e sostituito con Frank Mir. Successivamente la commissione atletica del Nevada decise di sospendere la licenza dell'atleta per la durata di nove mesi[17].

Torna a combattere nel febbraio 2013 in un incontro che in caso di vittoria gli avrebbe garantito il posto come contendente al titolo: contro il gigantesco Antonio Silva, cintura nera di jiu jitsu brasiliano ed ex campione EliteXC, ma finisce sconfitto per TKO al terzo round.

In agosto affrontò il numero 8 dei ranking Travis Browne subendo un'altra sconfitta sotto forma di KO.

"The Reem" tornò alla vittoria nel febbraio 2014 dominando l'ex campione Frank Mir in tutti e tre i round e infliggendo un totale di 139 colpi contro i soli 5 dell'avversario.[senza fonte]

In settembre viene sconfitto da Ben Rothwell per KO tecnico durante la prima ripresa: Overeem è tecnicamente il miglior kickboxer dei due e porta molti colpi che però appaiono privi di potenza, mentre Rothwell piazza pochi colpi puliti che stendono il gigante olandese. In dicembre sconfigge il connazionale Stefan Struve per mezzo di un'azione di ground and pound durante il primo round. Mentre, a marzo, ottenne un'altra vittoria contro Roy Nelson.

A dicembre del 2015 affrontò Junior dos Santos nel suo ultimo match da contratto in UFC. Dopo una prima ripresa vinta grazie al suo striking, Overeem pose fine all'incontro nel secondo round dopo aver messo a segno un potente gancio sinistro che portò dos Santos al tappeto, seguito dalla finalizzazione con il ground and pound.

L'8 maggio del 2016 affrontò il bielorusso ed ex campione dei pesi massimi UFC Andrei Arlovski; l'incontro si svolse per la prima volta da quando Overeem si trova in UFC nei Paesi Bassi, sua terra nativa. A quasi 2 minuti dall'inizio del secondo round, Overeem andò a segno con un calcio frontale in salto e un gancio sinistro che portarono il bielorusso al tappeto, da qui finalizzò il suo avversario con una serie di pugni. Con questa vittoria ottenne anche il riconoscimento Performance of the Night.

Overeem ottenne quindi la possibilità di affrontare Stipe Miočić per il titolo dei pesi massimi UFC, incontro che si tenne il 10 settembre all'evento UFC 203: al termine di un primo round molto acceso, Miocic riuscì ad eseguire un pesante ground and pound e Overeem venne messo KO; entrambi gli atleti ottennero il premio Fight of the Night. Il 4 marzo torna alla vittoria battendo per KO un altro ex campione K-1, Mark Hunt, mentre l'8 luglio affronta per la terza volta in carriera l'ex campione dei pesi massimi UFC Fabrício Werdum all'evento UFC 213, vincendo per decisione a maggioranza. Il 2 dicembre, tuttavia, viene messo KO al primo round da Francis Ngannou, il quale gli soffia lo status di contendente numero uno al titolo dei pesi massimi.

Torna a combattere il 9 giugno 2018, quando viene sconfitto di nuovo per KO tecnico da Curtis Blaydes; torna alla vittoria il 24 novembre battendo per KO tecnico alla prima ripresa il debuttante imbattuto Sergey Pavlovich. Il 20 aprile 2019 avrebbe dovuto affrontare Alexander Volkov, ma in sostituzione di quest'ultimo viene scelto Oleksij Olejnik: Demolition Man si impone per TKO al primo round.

Risultati nelle arti marziali misteModifica

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Vittoria 45-17 (1)   Oleksij Olejnik KO tecnico (ginocchiate e pugni) UFC Fight Night: Overeem vs. Oleinik 20 aprile 2019 1 4:45   Mosca, Russia
Vittoria 44-17 (1)   Sergey Pavlovich KO tecnico (pugni) UFC Fight Night: Blaydes vs. Ngannou 2 24 novembre 2018 1 4:21   Pechino, Cina
Sconfitta 43-17 (1)   Curtis Blaydes KO tecnico (gomitate) UFC 225: Whittaker vs. Romero 2 9 giugno 2018 3 2:56   Chicago, Stati Uniti
Sconfitta 43-16 (1)   Francis Ngannou KO (pugni) UFC 218: Holloway vs. Aldo 2 2 dicembre 2017 1 1:42   Detroit, Stati Uniti
Vittoria 43-15 (1)   Fabrício Werdum Decisione (maggioranza) UFC 213: Romero vs. Whittaker 8 luglio 2017 3 5:00   Paradise, Stati Uniti
Vittoria 42-15 (1)   Mark Hunt KO tecnico (ginocchiate) UFC 209: Woodley vs. Thompson 2 4 marzo 2017 3 1:44   Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 41-15 (1)   Stipe Miočić KO (pugni) UFC 203: Miocic vs. Overeem 10 settembre 2016 1 4:27   Cleveland, Stati Uniti Per il titolo dei pesi massimi UFC, Fight of the Night
Vittoria 41-14 (1)   Andrei Arlovski KO Tecnico (calcio frontale in salto e pugni) UFC Fight Night: Overeem vs. Arlovski 8 maggio 2016 2 1:12   Rotterdam, Paesi Bassi Performance of the Night
Vittoria 40-14 (1)   Junior dos Santos KO Tecnico (pugni) UFC on Fox: dos Anjos vs. Cerrone 2 19 dicembre 2015 2 4:43   Orlando, Stati Uniti
Vittoria 39-14 (1)   Roy Nelson Decisione (unanime) UFC 185: Pettis vs. dos Anjos 14 marzo 2015 3 5:00   Dallas, Stati Uniti
Vittoria 38-14 (1)   Stefan Struve KO (pugni) UFC on Fox: dos Santos vs. Miocic 13 dicembre 2014 1 4:13   Phoenix, Stati Uniti
Sconfitta 37-14 (1)   Ben Rothwell KO Tecnico (pugni) UFC Fight Night: Souza vs. Mousasi 5 settembre 2014 1 2:19   Ledyard, Stati Uniti
Vittoria 37-13 (1)   Frank Mir Decisione (unanime) UFC 169: Barao vs. Faber II 1º febbraio 2014 3 5:00   Newark, Stati Uniti
Sconfitta 36-13 (1)   Travis Browne KO (calcio frontale e pugni) UFC Fight Night: Shogun vs. Sonnen 17 agosto 2013 1 4:08   Boston, Stati Uniti
Sconfitta 36-12 (1)   Antonio Silva KO (pugni) UFC 156: Aldo vs. Edgar 2 febbraio 2013 3 0:25   Las Vegas, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Massimi UFC
Vittoria 36-11 (1)   Brock Lesnar KO Tecnico (colpi) UFC 141: Lesnar vs. Overeem 30 dicembre 2011 1 2:26   Las Vegas, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Massimi UFC
Vittoria 35-11 (1)   Fabrício Werdum Decisione (unanime) Strikeforce: Overeem vs. Werdum 18 giugno 2011 3 5:00   Dallas, Stati Uniti Strikeforce Heavyweight Grand Prix, Quarti di Finale
Vittoria 34-11 (1)   Todd Duffee KO (ginocchiata e pugni) Dynamite!! 2010 31 dicembre 2010 1 0:19   Saitama, Giappone Vince il titolo dei Pesi Massimi Dream, poi lasciato vacante
Vittoria 33-11 (1)   Brett Rogers KO Tecnico (pugni) Strikeforce: Heavy Artillery 15 maggio 2010 1 3:40   St. Louis, Stati Uniti Difende il titolo dei Pesi Massimi Strikeforce, poi lasciato vacante
Vittoria 32-11 (1)   Kazuyuki Fujita KO (ginocchiata) Dynamite!! 2009 31 dicembre 2009 1 1:15   Saitama, Giappone
Vittoria 31-11 (1)   James Thompson Sottomissione (ghigliottina) Dream 12 25 ottobre 2009 1 0:33   Osaka, Giappone
Vittoria 30-11 (1)   Tony Sylvester Sottomissione (ghigliottina) Ultimate Glory 11: A Decade of Fights 17 ottobre 2009 1 1:23   Amsterdam, Paesi Bassi
Vittoria 29-11 (1)   Gary Goodridge Sottomissione (kimura) Ultimate Glory 10: The Battle of Arnhem 9 novembre 2008 1 1:42   Arnhem, Paesi Bassi
No Contest 28-11 (1)   Mirko Filipović No contest (ginocchiata all'inguine) Dream 6: Middle Weight Grandprix 2008 Final Round 23 settembre 2008 1 6:09   Saitama, Giappone
Vittoria 28-11   Mark Hunt Sottomissione (keylock) Dream 5: Light Weight Grandprix 2008 Final Round 21 luglio 2008 1 1:11   Osaka, Giappone
Vittoria 27-11   Lee Tae-Hyun KO (pugni e ginocchiata) Dream 4: Middle Weight Grandprix 2008 2nd Round 15 giugno 2008 1 0:36   Yokohama, Giappone Debutto in Dream
Vittoria 26-11   Paul Buentello Sottomissione (ginocchiate al corpo) Strikeforce: Four Men Enter, One Man Survives 16 novembre 2007 2 3:42   San Jose, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Massimi Strikeforce
Sconfitta 25-11   Sergei Kharitonov KO (pugno) Hero's 10 17 settembre 2007 1 4:21   Yokohama, Giappone
Vittoria 25-10   Michael Knaap Sottomissione (ghigliottina) K-1 World GP 2007 23 giugno 2007 1 4:51   Amsterdam, Paesi Bassi Passa ai Pesi Massimi
Sconfitta 24-10   Mauricio Rua KO (pugni) Pride 33: The Second Coming 24 febbraio 2007 1 3:37   Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 24-9   Ricardo Arona KO Tecnico (pugni) Pride Final Conflict Absolute 10 settembre 2006 1 4:28   Saitama, Giappone
Sconfitta 24-8   Antônio Rogério Nogueira KO (pugni) Pride Critical Countdown Absolute 1º luglio 2006 2 2:13   Saitama, Giappone Passa ai Pesi Mediomassimi
Vittoria 24–7   Vítor Belfort Decisione (unanime) Strikeforce: Revenge 9 giugno 2006 3 5:00   San Jose, Stati Uniti Debutto in Strikeforce
Sconfitta 23-7   Fabrício Werdum Sottomissione (kimura) Pride Total Elimination Absolute 5 maggio 2006 2 3:43   Osaka, Giappone Pride 2006 Openweight Grand Prix, Primo Turno
Vittoria 23–6   Nikolajus Cilkinas Sottomissione (armbar) WCFC: No Guts, No Glory 18 marzo 2006 1 1:42   Manchester, Regno Unito
Vittoria 22–6   Sergei Kharitonov KO Tecnico (ginocchiate) Pride 31: Unbreakable 26 febbraio 2006 1 5:13   Saitama, Giappone Passa ai Pesi Massimi
Sconfitta 21–6   Mauricio Rua KO (pugni) Pride Final Conflict 2005 28 agosto 2005 1 6:42   Saitama, Giappone Pride 2005 Middleweight Grand Prix, Semifinali
Vittoria 21–5   Ihor Vovčančyn Sottomissione (ghigliottina) Pride Critical Countdown 2005 26 giugno 2005 1 1:20   Saitama, Giappone Pride 2005 Middleweight Grand Prix, Quarti di Finale
Vittoria 20–5   Vítor Belfort Sottomissione (ghigliottina) Pride Total Elimination 2005 23 aprile 2005 1 9:36   Osaka, Giappone Pride 2005 Middleweight Grand Prix, Primo turno
Sconfitta 19-5   Antônio Rogério Nogueira Decisione (unanime) Pride 29: Fists of Fire 20 febbraio 2005 3 5:00   Saitama, Giappone
Vittoria 19–4   Hiromitsu Kanehara KO Tecnico (stop medico) Pride 28: High Octane 31 ottobre 2004 2 3:52   Saitama, Giappone
Vittoria 18–4   Rodney Faverus Sottomissione (ghigliottina) 2 Hot 2 Handle 10 ottobre 2004 1 -   Rotterdam, Paesi Bassi Vince il Titolo dei Pesi Mediomassimi 2H2H
Vittoria 17–4   Tomohiko Hashimoto KO Tecnico (ginocchiate e pugni) Inoki Bom-Ba-Ye 2003 31 dicembre 2003 1 0:36   Kōbe, Giappone
Sconfitta 16-4   Chuck Liddell KO (pugni) Pride Total Elimination 2003 10 agosto 2003 1 3:09   Osaka, Giappone Pride 2003 Middleweight Grand Prix, Quarti di Finale
Vittoria 16–3   Mike Bencic Sottomissione (ginocchiata al corpo e pugni) Pride 26: Bad to the Bone 8 giugno 2003 1 3:44   Yokohama, Giappone
Vittoria 15–3   Aaron Brink Sottomissione (ghigliottina) 2H2H 6: Simply the Best 6 16 marzo 2003 1 0:53   Rotterdam, Paesi Bassi
Vittoria 14–3   Bazigit Atajev KO Tecnico (ginocchiata al corpo) Pride 24: Cold Fury 3 23 dicembre 2002 2 4:59   Fukuoka, Giappone
Vittoria 13–3   Dave Vader KO Tecnico (stop medico) 2H2H 5: Simply the Best 5 13 ottobre 2002 2 -   Rotterdam, Paesi Bassi Torneo dei Pesi Mediomassimi 2H2H, Finale
Vittoria 12–3   Moise Rimbon Sottomissione (triangolo) 2H2H 5: Simply the Best 5 13 ottobre 2002 1 1:03   Rotterdam, Paesi Bassi Torneo dei Pesi Mediomassimi 2H2H, Semifinali
Vittoria 11–3   Yusuke Imamura KO Tecnico (ginocchiata e pugni) Pride The Best Vol.2 20 luglio 2002 1 0:44   Tokyo, Giappone Debutto in Pride
Vittoria 10–3   Vesa Vuori KO Tecnico (pugni) 2 Hot 2 Handle: Germany 26 maggio 2002 1 2:15   Krefeld, Germania
Vittoria 9–3   Sergey Kaznovsky Sottomissione (armbar) M-1: Russia vs. The World 3 26 aprile 2002 1 3:37   San Pietroburgo, Russia
Vittoria 8–3   Roman Zentsov Sottomissione (keylock) 2H2H 4: Simply the Best 4 17 marzo 2002 1 1:26   Rotterdam, Paesi Bassi
Vittoria 7–3   Stanislav Nuschik KO Tecnico (ginocchiate) 2H2H 2: Simply The Best 18 marzo 2001 1 0:53   Rotterdam, Paesi Bassi
Vittoria 6–3   Vladimer Tchanturia Sottomissione (rear naked choke) Rings: King of Kings 2000 Final 24 febbraio 2001 1 1:06   Tokyo, Giappone
Vittoria 5–3   Peter Verschuren Sottomissione (keylock) It's Showtime: Christmas Edition 12 dicembre 2000 1 1:06   Haarlem, Paesi Bassi
Sconfitta 4–3   Bobby Hoffman KO (pugni) Rings: Millennium Combine 2 15 giugno 2000 1 9:39   Tokyo, Giappone
Sconfitta 4–2   Yuriy Kochkine Decisione (non unanime) Rings Russia: Russia vs. The World 20 maggio 2000 2 5:00   Ekaterinburg, Russia
Vittoria 4–1   Yasuhito Namekawa Sottomissione (armbar) Rings: Millennium Combine 1 20 aprile 2000 1 0:45   Tokyo, Giappone
Vittoria 3–1   Can Sahinbas KO (ginocchiata) 2 Hot 2 Handle 1 5 marzo 2000 1 2:21   Rotterdam, Paesi Bassi
Vittoria 2–1   Chris Watts KO (ginocchiata al corpo) Rings Holland: There Can Only Be One Champion 6 febbraio 2000 1 3:58   Utrecht, Paesi Bassi
Sconfitta 1–1   Yuriy Kochkine Decisione (maggioranza) Rings: King of Kings 1999 Block A 28 ottobre 1999 2 5:00   Tokyo, Giappone
Vittoria 1–0   Ricardo Fyeet Sottomissione (ghigliottina) It's Showtime 24 ottobre 1999 1 1:39   Haarlem, Paesi Bassi

CuriositàModifica

NoteModifica

  1. ^ 2010 Fighters Only World MMA Awards, su mmafighting.com.
  2. ^ 2011 Fighters Only World MMA Awards, su bloodyelbow.com.
  3. ^ "STRIKEFORCE RESULTS, SANTIAGO TOURNEY CHAMP", su mmaweekly.com.
  4. ^ DREAM.6 official card, su dreamofficial.com.
  5. ^ "Overeem Suffers Hand Injury, Summer Return Possible", su mmaweekly.com.
  6. ^ "Alistair Overeem destroys Brett Rogers to retain the Strikeforce Heavyweight Title; Calls out Fedor Emelianenko again", su lowkick.com. URL consultato il 5 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2010).
  7. ^ "Alistair Overeem: Fedor is the one to beat, and I am the chosen one who can do it", su lowkick.com. URL consultato il 5 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2010).
  8. ^ Overeem Pulled from Strikeforce Heavyweight GP, su sherdog.com.
  9. ^ "Strikeforce reportedly releases heavyweight champ Alistair Overeem", su mmajunkie.com (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2011).
  10. ^ "Team Golden Glory Willing to Work with Zuffa; Says Overeem Could Even Be Exclusive to UFC", su mmaweekly.com.
  11. ^ "UFC Confirms Ongoing Talks with Former Strikeforce Champ Alistair Overeem", su mmaweekly.com.
  12. ^ UFC 141: Lesnar vs. Overeem per il prossimo 30 dicembre!, su mmamania.it.
  13. ^ Alistair Overeem: prendermi cura di mia madre (dal suo blog), su mmamania.it.
  14. ^ News in pillole (12 – 18 dicembre 2011), su mmamania.it (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2014).
  15. ^ UFC 141: Lesnar si ritira dopo la punizione subita da Overeem, su mmamania.it.
  16. ^ "Alistair Overeem Tests Positive at Surprise UFC 146 Press Conference Drug Screen, su mmaweekly.com.
  17. ^ UFC: licenza sospesa per 9 mesi ad Alistair Overeem, su mmamania.it.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica