Alluminio nativo

minerale
Alluminio nativo
Classificazione Strunz (ed. 10) 1.AA.35
Formula chimica Al
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino monometrico
Sistema cristallino isometrico
Classe di simmetria esottaedrica
Parametri di cella a=4,04, V=65,94
Gruppo puntuale 4/m 3 2/m
Gruppo spaziale F m3m, P m3m
Proprietà fisiche
Densità 2,7 g/cm³
Durezza (Mohs)
Sfaldatura assente
Frattura malleabile
Colore bianco grigiastro
Lucentezza metallica
Opacità opaco
Striscio  
Diffusione raro
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

L'alluminio nativo è un minerale composto da alluminio scoperto in Russia nel 1978. Nonostante l'abbondanza di questo elemento nella crosta terrestre, è molto raro. Vi sono stati dubbi sui primi ritrovamenti di questo minerale in quanto è stato trovato in rocce frantumate e le analisi evidenziavano la presenza di tracce di altri elementi analogamente all'alluminio prodotto industrialmente[1].

Indice

MorfologiaModifica

L'alluminio nativo si presenta in masse compatte, lamelle o scaglie.

Origine e giacituraModifica

L'alluminio nativo è stato scoperto in un massiccio di gabbro-dolerite, si trova anche nelle rocce ricche di alluminio. Si forma nei giacimenti idrotermali di alta temperatura di stagno e tungsteno e nella loro zona di alterazione inoltre si può trovare nelle ceneri vulcaniche. L'origine dell'alluminio nativo è controversa in quanto è un elemento che presenta forte affinità per l'ossigeno. Si ipotizza che si sia originato o per desilicizzazione della pegmatite o per serpentinizzazione della roccia ultrafemica[1].

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Vesselin M. Dekov, Arnaudov Vasil, Munnik Frans, Boycheva Tanya B., Fiore Saverio, Native aluminum: Does it exists? (PDF), in American Mineralogist, vol. 94, 2009, pp. 1283-1286. URL consultato il 3 agosto 2012.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia