Alof de Wignacourt

Alof de Wignacourt (154714 settembre 1622) è stato Gran Maestro dell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme dal 1601 al 1622.

Alof de Wignacourt in un ritratto eseguito da Caravaggio

BiografiaModifica

 
Resti dell'acquedotto Wignacourt a Birkirkara.

Wignacourt nacque in una nobile famiglia originaria delle Fiandre: era figlio di Jean de Wignacourt, signore di Lisse (o Lits) e di sua moglie, Marie de La Porte de Vézins.

Entrò a far parte dell'Ordine di Malta nel 1564, all'età di diciassette anni, e si distinse notevolmente nell'assedio di Malta dell'anno successivo, combattendo contro gli ottomani. Prima della sua elezione, si sa che era stato Priore della Langue d'Auvergne in Francia.

Venne eletto gran maestro dell'Ordine nel 1601. Il suo periodo di regno viene ricordato soprattutto per le numerose fortificazioni costiere che fece costruire (le "torri di Wignacourt"), e per la costruzione di un acquedotto di 5,2 km che portò per la prima volta stabilmente l'acqua dal plateau di Rabat a La Valletta. Similmente fece costruire l'arco di Wignacourt come parte dell'acquedotto eretto tra Birkirkara e Santa Venera, apponendovi il proprio stemma contraddistinto da tre gigli, il che gli valse il soprannome di "Porta dei Gigli". L'insediamento sorto attorno a tale monumento prese il nome di Fleur-de-Lys. Tali opere si dimostrarono fondamentali per la difesa dell'isola, in particolare durante il Raid di Żejtun del 1614.

 
L'armatura di Alof de Wignacourt in esposizione al Palazzodell'Armeria di La Valletta.

La sua armatura da parata è ancora oggi visibile ed è uno dei tesori del Palazzo dell'Armeria di La Valletta.

Fu uno dei patroni del pittore Caravaggio dall'arrivo dell'artista a Malta in 1607 sino al suo arresto ed alla sua successiva espulsione dall'ordine nel 1608.

Alof de Wignacourt morì di apoplessia il 14 settembre 1622, all'età di 75 anni.

OnorificenzeModifica

  Gran Maestro e Balì di Gran Croce del Sovrano Militare Ordine di Malta

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2196354 · ISNI (EN0000 0000 7243 7771 · SBN BVEV089445 · BAV 495/299890 · CERL cnp01202506 · ULAN (EN500341732 · LCCN (ENno2005034281 · GND (DE139711953 · WorldCat Identities (ENlccn-no2005034281