Apri il menu principale
Alpi Retiche
Piz Bernina.JPG
Il gruppo del Bernina
ContinenteEuropa
StatiItalia Italia
Svizzera Svizzera
Liechtenstein Liechtenstein
Austria Austria
Catena principaleAlpi
Cima più elevataPizzo Bernina (4.049 m s.l.m.)
Massicci principaliAlpi Retiche occidentali
Alpi Retiche orientali
Alpi Retiche meridionali
L'Ortles visto dal Lago di Resia
Parete nord del Monte Disgrazia

Le Alpi Retiche (Rätische Alpen in tedesco) costituiscono un tratto delle Alpi, situato tra l'Italia, la Svizzera, il Liechtenstein e l'Austria.

Secondo la Partizione delle Alpi, le Alpi Retiche sono situate al centro della catena, nelle Alpi Centrali, e vanno, nel loro complesso, dal Passo dello Spluga al Passo del Brennero.

Secondo la Suddivisione Orografica Internazionale Unificata del Sistema Alpino (SOIUSA) non sono considerate una sezione alpina distinta; esse infatti sono suddivise in tre sezioni: Alpi Retiche occidentali, Alpi Retiche orientali e delle Alpi Retiche meridionali; inoltre, dato il diverso criterio di suddivisione, i tre settori retici sono sottosezioni delle Alpi orientali.

Indice

GeografiaModifica

Sono suddivise tra l'Italia (Lombardia e Trentino-Alto Adige), la Svizzera (Canton Ticino e Canton Grigioni), il Liechtenstein e l'Austria (Vorarlberg e Tirolo) e si estendono dal passo dello Spluga, situato nella valle a nord di Chiavenna, al confine tra Lombardia e il cantone svizzero dei Grigioni, fino al passo del Brennero, tra Trentino-Alto Adige e la regione austriaca del Tirolo.

Vi sono comprese numerose valli, tra le quali la Valtellina, la Valchiavenna, la Valle dell'Adige, l'alta Val Camonica e la valle Isarco. Il territorio è percorso da numerosi fiumi, tra i quali i principali sono l'Adda, l'Adige e l'Inn.

ClassificazioneModifica

SOIUSAModifica

Secondo la Suddivisione Orografica Internazionale Unificata del Sistema Alpino (SOIUSA) del 2005, le Alpi Retiche non formano un gruppo unico, data la loro diversa composizione geologica.

Secondo la SOIUSA, le Alpi Retiche sono suddivise nelle seguenti tre sezioni (tra le 36 delle Alpi)[1]:

Partizione delle AlpiModifica

Secondo la Partizione delle Alpi del 1926, e secondo i testi recenti su questa basati[2], le Alpi Retiche costituiscono una sezione delle Alpi centrali e comprendono i seguenti gruppi:

OrografiaModifica

Principali rilieviModifica

Tra i massicci delle Alpi Retiche, si ricordano:

Valichi principaliModifica

Flora e faunaModifica

La flora è molto varia e presenta numerose specie protette quali la stella alpina e alcune specie di genziana. Sono presenti foreste di conifere (pini, abeti e larici), che vi trovano un clima ideale per la loro crescita.

La fauna è altrettanto ricca, e presenta scoiattoli, ermellini, caprioli, cervi, stambecchi, camosci e, sebbene in numero molto ridotto di esemplari, lupi e orsi. Numerosa anche la fauna aviaria, con aquile, falchi, poiane, civette, gufi, picchi.

Città e popolazione e vie di comunicazioneModifica

La popolazione di questa regione è ridotta e non vi si trovano grandi città: i centri maggiori sono Sondrio, Chiavenna, Morbegno, Tirano, Sondalo, Grosio, Bormio, Livigno, Edolo, Ponte di Legno, Vipiteno, Merano, Saint Moritz, Innsbruck.

Il Passo del Maloja congiunge la provincia di Sondrio con l'Engadina, il passo del Bernina l'Engadina con Tirano e la Valtellina, il Resia la val Venosta con il Tirolo austriaco; a questi si aggiungono in territorio italiano il passo dello Stelvio, il Tonale e l'Aprica.

CuriositàModifica

Nel detto ampiamente usato per insegnare la partizione delle Alpi italiane "Ma con gran pena le reca giù" le Alpi Retiche sono rappresentate dalla settima sillaba, "re".

Nelle Alpi Retiche si trova il più esteso ghiacciaio italiano, il Ghiacciaio dell'Adamello.

NoteModifica

  1. ^ La SOIUSA inserisce le Alpi Retiche Occidentali ed Orientali nelle Alpi Centro-orientali e le Alpi Retiche meridionali nelle Alpi Sud-orientali.
  2. ^
    • Enrico Camanni (a cura di), Il Grande Dizionario Enciclopedico delle Alpi, in collaborazione con Club Alpino Italiano, edizioni Priuli & Verlucca, 2007. ISBN 9788880683926.
    • Sylvain Jouty , Pascal Kober , Dominique Vulliamy, Dictionnaire encyclopédique des Alpes, volume 1, edizioni Glénat, 2006. ISBN 9782723435277.

Voci correlateModifica

Galleria d'immaginiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN315527318 · GND (DE4048393-9
  Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna