Altitudine di transizione

L'altitudine di transizione è definita dall'Organizzazione Internazionale dell'Aviazione Civile come l'altitudine alla quale, o al di sotto della quale, la posizione verticale di un aeromobile è controllata con riferimento alle altitudini[1].

L'altitudine di transizione viene stabilita per ogni aerodromo dall'autorità dello stato nel quale questo si trovi. È possibile che venga stabilita una stessa altitudine di transizione per due aerodromi che si trovano molto vicini tra di loro; altrimenti verrà stabilita come altitudine di transizione la più alta tra quelle che potrebbero essere stabilite per ciascuno dei due aerodromi.

L'altitudine di transizione non dovrebbe essere inferiore a 900 m (3000 ft). L'altitudine di transizione viene pubblicata sulle pubblicazione delle informazioni aeronautiche ed è indicata sulle carte aeronautiche.

Operativamente passando l'altitudine di transizione si passa dal regolaggio altimetrico QNH al regolaggio altimetrico standard 1013,25 hPa, chiamato anche QNE.

NoteModifica

  1. ^ The altitude at or below which the vertical position of an aircraft is controlled by reference to altitudes, Doc. 4444 ATM/501 1.1 Definitions.

Voci correlateModifica

  Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione