Alto Mantovano

zona geografica posta a nord-ovest della città di Mantova
Alto Mantovano
Àlt Mantuà (in dialetto alto mantovano)
Àlt Mantuàn (in dialetto mantovano)
Colline moreniche del Lago Garda.JPG
Le colline moreniche del Garda
Stati Italia Italia
Regioni Lombardia Lombardia (Provincia di Mantova)
Territorio Parte settentrionale della Provincia di Mantova
Capoluogo Castiglione delle Stiviere
Superficie 608,8 km²
Abitanti 110 222 (2010)
Densità 181,05 ab./km²
Lingue italiano, alto mantovano
Fusi orari UTC+1
Mappa Alto Mantovano.png
Mappa dell'Alto Mantovano
Sito principale
Solferino, le colline verso il lago di Garda

L'Alto Mantovano è una zona geografica posta a nord-ovest della città di Mantova nell'omonima provincia e al confine con le province di Brescia e di Verona. È delimitata a nord dalle colline moreniche del lago di Garda, a est dalla provincia di Verona, a nord-ovest da quella di Brescia e a sud dalla pianura del Medio Mantovano.

La zona ha un'economia tipicamente agricola, seppur negli anni del secondo dopoguerra si è assistito ad un incremento della produzione industriale e una vivace attività terziaria.

I centri più significativi sono Castiglione delle Stiviere, Castel Goffredo e Asola, nelle cui aree si è particolarmente sviluppata l'industria della calza e dell'intimo femminile, che impiega nel 2013 circa 7 500 addetti[1].

La parte settentrionale del Mantovano risente – nell'inflessione dialettale, nelle tradizioni, negli avvenimenti storici, nell'educazione religiosa, persino nelle scelte politiche – della vicinanza soprattutto con la provincia di Brescia e, in parte, di Verona[2].

Indice

Estensione territoriale e comuniModifica

L'Alto Mantovano è limitato a ovest e a est rispettivamente dai fiumi Chiese e Mincio, a nord dalle colline moreniche del lago di Garda, mentre i suoi confini meridionali sono segnati dalla pianura medio-mantovana attraversata dalla Via Postumia[3].

Storicamente e dal punto di vista politico e civile la maggior parte dei comuni che lo compongono sono entrati a far parte del territorio mantovano solo a partire dal XV secolo circa, mentre altri hanno atteso addirittura il XIX secolo. Anche sul piano religioso la maggioranza delle parrocchie dell'Alto Mantovano fino alla fine del Settecento o agli inizi dell'Ottocento era compresa nella diocesi di Brescia. Linguisticamente, poi, nella zona si parla un dialetto che, a differenza del mantovano, appartiene al gruppo dei dialetti lombardi e si avvicina marcatamente al bresciano[4].

L'area nord-occidentale della provincia mantovana, territorio di quindici-venti comuni per lo più già di appartenenza soprattutto bresciana, ma in parte anche veronese, da sempre conserva una sua specificità storica e politica[5], ed è dunque caratterizzata storicamente da tendenze centrifughe rispetto a Mantova e al resto della sua provincia[6].

Dalla classificazione ufficiale della Provincia di Mantova[7], l'Alto Mantovano è un'area che raggruppa 14 comuni:

Stemma Comune In dialetto A. M. Superficie Abitanti
Casalmoro Casalmòr 13 k 2 256 ab.
Casaloldo Casalòlt 16,84 km² 2 682 ab.
Casalromano Casarimà 11 km² 1 482 ab.
Castel Goffredo (èl) Castèl 42,24 km² 12 538 ab.
Castiglione delle Stiviere Castiù 42,09 km² 23 252 ab.
Cavriana Cavriàna 36 km² 3 873 ab.
Ceresara Sareşére 37 km² 2 650 ab.
Goito Gùit 78,82 km² 10 309 ab.
Guidizzolo Ghidisöl 22 km² 6 082 ab.
Medole Médule 25 km² 4 046 ab.
Monzambano Mosambàn 29 km² 4 862 ab.
Ponti sul Mincio Pónti 11,50 km² 2 403 ab.
Solferino Sulfrì 13 km² 2 661 ab.
Volta Mantovana la Ólta 50,31 km² 7 361 ab.

[8]

Nel concetto corrente di Alto Mantovano sono spesso comunemente compresi anche altri comuni, altrimenti inclusi nel Medio-Ovest Mantovano[9], essi sono:

Stemma Comune In dialetto A. M. Superficie Abitanti
Acquanegra sul Chiese 'Quanégra 28 km² 2 936 ab.
Asola Àsula 73 km² 10 115 ab.
Canneto sull'Oglio Cané 25 km² 4 449 ab.
Gazoldo degli Ippoliti Gasòlt 12 km² 2 992 ab.
Mariana Mantovana Mariàna 8 km² 743 ab.
Piubega Piübega 1 km² 1 699 ab.
Redondesco Redundèsch 19 km² 1 276 ab.

[8]

Questi ultimi comuni sono tutti situati a nord - o al massimo a cavallo - della Via Postumia, antico asse stradale romano che può essere assunto come ideale linea divisoria tra l'Alto e il resto del Mantovano. Per quest'ultima classificazione, che comprende nell'Alto Mantovano un maggior numero di comuni, si vedano a titolo di esempio: le sezioni di cronaca sui quotidiani locali Gazzetta di Mantova e Voce di Mantova; la rubrica Magazine Alto Mantovano dell'emittente televisiva Telemantova[10].

 
Zona tipica dell'Alto Mantovano

Anche il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale della Provincia di Mantova, che individua elementi di omogeneità legati ai caratteri ambientali e a una lettura storica del sistema insediativo, ed evidenzia una matrice comune sotto il profilo dei valori culturali, descrive l'Alto Mantovano, classificato come "Circondario A", composto da 21 comuni[11].

La grande maggioranza dei comuni ha una popolazione compresa tra i 1 000 e i 10 000 abitanti. Solo Castiglione delle Stiviere supera i 20 000 abitanti, mentre tre comuni – Castel Goffredo, Goito e Asola - hanno una popolazione compresa tra i 10 000 e i 20 000 abitanti; Mariana Mantovana infine non raggiunge le 1 000 unità, ed è il comune meno popoloso dell'intera provincia mantovana[12].

Nonostante tali classificazioni, la definizione del territorio alto mantovano rimane abbastanza soggettiva a causa del fatto che, nonostante la sua uniformità, esso resta una regione soprattutto geografico-culturale senza dei veri riferimenti politici né è mai stato in passato un'entità politico-religiosa autonoma.

 
La campagna

Il concetto e la terminologia stessa di Alto Mantovano si sono venuti formando piuttosto tardi nella storia[13] ed essenzialmente il relazione alla posizione e al ruolo da esso occupato all'interno della provincia di Mantova.

Da un punto di vista storico, religioso, culturale e linguistico le terre correntemente definite altomantovane gravitarono in passato soprattutto nella sfera di influenza bresciana o veronese. Anche dopo il sopraggiungere dell'attrazione esercitata da Mantova, soprattutto per merito della famiglia Gonzaga, l'Alto Mantovano si è spesso configurato come settore di periferia o appendice all'interno dello stato mantovano, addirittura mantenendo una sua autonomia, nel caso di feudi retti da casate indipendenti da Mantova.

I criteri presi in esame per definire l'Alto Mantovano possono essere diversi:

  • Storico-ecclesiastico: si tratterebbe di riferirsi alla storia e di includervi i territori rimasti per buona parte dell'era volgare alle dipendenze amministrative – non solo civili, ma anche religiose - delle città di Brescia e Verona, invece che di Mantova. In un arco storico così ampio si sono però avuti molti cambiamenti e avvicendamenti politici e civili, che rendono labile una definizione basata solo su questo criterio. Semplificando e riferendosi solamente a buona parte dei periodi medievale e moderno, sarebbero alto mantovane le terre corrispondenti ai comuni di: Casalmoro, Casaloldo, Casalromano, Castel Goffredo, Castiglione delle Stiviere, Guidizzolo, Medole, Solferino, Acquanegra sul Chiese, Asola, Canneto sull'Oglio, Mariana Mantovana, Redondesco. Questi territori sono stati inclusi fino ai secoli XVIII-XIX nella diocesi di Brescia e fino al basso medioevo – ma alcuni anche oltre - nel distretto facente capo alla medesima cittàducato, contea o comune cittadino -. Nell'Alto Medioevo alcuni di questi paesi, quelli più a settentrione, erano inclusi nel ducato e nell'episcopato di Verona. A questi comuni si aggiungono Monzambano e Ponti sul Mincio, che già da epoca romana hanno sempre gravitato nell'orbita veronese, civilmente fino al XIX secolo, e religiosamente addirittura fino al XX[14].
 
Colline moreniche nella zona di Monzambano
  • Geografico: si tratta del criterio maggiormente seguito negli studi e nelle pubblicazioni relative all'Alto Mantovano, che spesso tendono a restringere questa nozione al solo settore collinare o pedecollinare, prescindendo da considerazioni storiche[15]. Il criterio geografico può fare riferimento sia all'altitudine altimetrica – dunque alto nel senso di elevato -, e in tal caso include solamente i comuni collinari e al massimo quelli immediatamente alle pendici dei rilievi morenici: Castiglione delle Stiviere, Guidizzolo, Medole, Solferino, Monzambano, Ponti sul Mincio, Cavriana, Volta Mantovana; oppure alto può essere considerato nel senso di situato a nord rispetto al resto della provincia mantovana. Anche in quest'ultimo caso tuttavia, dal momento che le colline moreniche sono poste proprio nella fascia più a settentrione della provincia, ad essere coinvolti sono sostanzialmente gli stessi comuni appena elencati, al più con qualche maggiore estensione verso la pianura, che riguarda in particolare Castel Goffredo, Goito, Ceresara, Casaloldo, Casalmoro e Casalromano, come nella classificazione della provincia di Mantova.
  • Linguistico: infine si possono considerare i territori in cui si parlano varianti di dialetto bresciano – le cosiddette parlate dell'Alto Mantovano – o, marginalmente, di dialetto veronese, in opposizione al dialetto mantovano parlato nel capoluogo e nel suo circondario e a vari dialetti di transizione, collocabili praticamente a metà strada tra bresciano e mantovano. Secondo tale criterio avremmo l'Alto Mantovano composto da: Casalmoro, Casaloldo, Casalromano, Castel Goffredo, Castiglione delle Stiviere, Guidizzolo, Medole, Solferino, Acquanegra sul Chiese, Asola, Canneto sull'Oglio, Mariana Mantovana, Ceresara, Cavriana, Volta Mantovana, Ponti sul Mincio, Monzambano, Piubega. Rimarrebbero esclusi Gazoldo degli Ippoliti, Goito e Redondesco, in cui il dialetto è di transizione tra bresciano e mantovano ed è ormai vicino a quest'ultimo[16].

Il criterio utilizzato ufficialmente dall'ente Provincia di Mantova per identificare l'Alto Mantovano è quello geografico dei territori a nord della Via Postumia, che assume come linea di separazione tra l'Alto Mantovano e il resto della provincia il tracciato rettilineo, ancora sostanzialmente intatto, nel tratto tra Goito e Mosio, includendo nell'Alto Mantovano i comuni da essa attraversati.

Paesaggio dell'Alto Mantovano

Territorio e ambienteModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Geografia dell'Alto Mantovano.

Il territorio si può suddividere, approssimativamente, con riguardo innanzitutto al punto di vista altimetrico e della conformazione territoriale, in due grandi aree, l'una collinare a nord e l'altra di pianura a sud-ovest, alle quali corrispondono diverse caratteristiche ambientali e vegetative.

  • Colline moreniche e area sub-collinare (alta pianura ghiaiosa)[17]: Castiglione delle Stiviere, Cavriana, Guidizzolo, Medole, Monzambano, Ponti sul Mincio, Solferino, Volta Mantovana[18].
     
    Il torrente Seriola Piubega
  • Altopiano pianeggiante tra Mincio e Oglio[19]: Acquanegra sul Chiese, Asola, Canneto sull'Oglio, Casalmoro, Casaloldo, Casalromano, Castel Goffredo, Ceresara, Gazoldo degli Ippoliti, Goito, Mariana Mantovana, Piubega, Redondesco[20].

Questa zona pianeggiante di alta e media pianura è percorsa dai fiumi Mincio, Oglio, Chiese e da più brevi corsi d'acqua come i Tartari, l'Osone, il Solfero, il Caldone; è caratterizzata da sedimenti fluviali a granulometria fine – sabbie, limi, argille - , in lieve pendenza verso la parte assiale del corso del Po[18].

A sua volta il paesaggio dell'altopiano pianeggiante si divide in: media pianura idromorfa o fascia storica delle risorgive; bassa pianura e paesaggi delle valli fluviali, con la valle del Chiese, la valle dell'Oglio e la valle del Mincio[21].

L'Alto Mantovano è delimitato su tre lati da tre importanti fiumi: ad ovest il Chiese, in prossimità del confine con Brescia, ad est il Mincio – che per un tratto segna il limite con la provincia di Verona -, a sud-ovest l'Oglio – che marca il confine con la provincia di Cremona -[22]. Tra l'Oglio e il Mincio sono ubicati diversi corsi d'acqua minori, la cui origine si deve al confluire delle acque di risorgiva, che contribuiscono con i loro depositi al paesaggio delle valli fluviali. Nella zona corrispondente all'abitato di Castel Goffredo sono presenti numerose risorgive.

Il clima dell'Alto Mantovano è quello tipico della pianura padana.

StoriaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Alto Mantovano.

La storia dell'Alto Mantovano inizia dal periodo neolitico, con le più antiche testimonianze sicure della presenza umana nella zona. Se infatti nel corso dei periodi paleolitici e mesolitici queste terre furono frequentate sporadicamente da qualche cacciatore nomade, è nel corso del VI-V millennio a.C. che si consolida una presenza stanziale con alcuni insediamenti stabili di agricoltori e allevatori. Su questi sostrati poi, nel corso del III e del II millennio a.C., si svilupparono le culture metallurgiche dell'età del Rame e dell'età del Bronzo[23]. Quest'ultima è caratterizzata dalla diffusione nell'area delle colline moreniche di villaggi palafitticoli dell'età del bronzo, dall'anno 2011 riconosciuti come patrimonio dell'umanità dall'UNESCO[24].

Successivamente, dalla prima metà del I millennio a.C., si verificarono lo stanziamento di popolazioni galliche e le prime fasi della romanizzazione. La preistoria nell'Alto Mantovano si conclude con la definitiva conquista romana della regione, nel I secolo a.C., quando, con la concessione del diritto romano e con le leggi agrarie triumvirali, tutto il territorio dell'Alto Mantovano venne definitivamente inserito nell'Italia Romana, in particolare, in epoca augustea, nella Regio X Venetia et Histria[25]. Nel contesto di un territorio in cui erano stanziati i Galli Cenomani, la romanizzazione dell'Alto Mantovano è testimoniata da numerosi resti archeologici di edifici, ville, necropoli, infrastrutture e dalle vestigia della centuriazione, tutti elementi che documentano la vita quotidiana di un'area provinciale in epoca imperiale[26].

 
Cippo gromatico di età romana collocato nei giardini pubblici di Castel Goffredo

In epoca romana la zona altomantovana era probabilmente divisa tra gli agri di Brixia, Mantova e Verona. L'esatta appartenenza della zona è discussa, tanto che nella raccolta ufficiale delle iscrizioni latine alle epigrafi provenienti dal territorio è stata riservata una sezione a parte, disgiunta da ciascuna delle maggiori città circostanti: l'Ager inter Benacum, Mincium, Ollium, Clesum, in buona misura coincidente con gli attuali limiti dell'Alto Mantovano[27].

Cristianizzato tra IV e V secolo, durante il Medioevo il territorio passò sotto controllo longobardo prima (VI-VIII secolo) e carolingio poi (VIII-IX secolo), per entrare quindi a far parte del Sacro Romano Impero (X-XIV secolo).

Nel 568-569 i Longobardi, dopo l'invasione dei Goti - i quali hanno forse lasciato una loro traccia nel nome del paese di Goito[28] -, entrarono in Italia e sottomisero rapidamente gran parte delle regioni settentrionali (Langobardia Maior); i ducati di Brescia e di Verona, entro cui fu probabilmente ripartito l'Alto Mantovano, furono tra i primi ducati longobardi a essere costituiti, all'indomani della conquista.

Per buona parte dell'età longobarda e franca all'Alto Mantovano fu riconosciuta una certa indipendenza: buona parte di esso fu compresa in un distretto minore praticamente autonomo dai ducati limitrofi, centrato sul lago di Garda e facente capo alla località benacense di Sirmione[29]. Con il declino di questa compagine amministrativa comparvero nell'area occidentale dell'Alto Mantovano alcune nobili famiglie, dotate del titolo di conte e designate col nome complessivo di Ugoni-Longhi, che per buona parte del Medioevo mantennero sul territorio signorie rurali praticamente autonome, prima che i vicini comuni cittadini, in primis quello di Brescia, le inglobassero nel loro dominio[30].

L'Alto Mantovano come si presenta oggi, cioè come settore periferico della provincia di Mantova, si è venuto formando lungo il corso di molti secoli. In epoca romana e medievale, infatti, solo parte del territorio attualmente compreso nella parte settentrionale della provincia di Mantova era realmente mantovano: con una certa sicurezza, solo Gazoldo degli Ippoliti, Goito, Volta Mantovana, Cavriana, le terre, cioè, più vicine al capoluogo[31].

Una buona parte delle terre ora mantovane furono guadagnate a Mantova a seguito della spinta espansionistica promossa dai Gonzaga soprattutto durante il XIV-XV secolo - Castel Goffredo, Castiglione delle Stiviere, Solferino, Guidizzolo, Medole, Redondesco, Mariana Mantovana, Acquanegra sul Chiese, Canneto sull'Oglio, Casalromano[32] -, a spese del distretto bresciano: era quello che all'epoca veniva chiamato “Mantovano Nuovo”[33].

Dal Basso Medioevo l'Alto Mantovano assunse importanza strategica ancora maggiore, diventando oggetto delle lotte tra le casate degli Scaligeri di Verona - che fecero costruire i castelli di Monzambano, Castellaro Lagusello e Ponti sul Mincio -, dei Gonzaga di Mantova e dei Visconti di Milano e Brescia: tra Trecento e Quattrocento è attestata una forte instabilità nella zona, con varie concessioni volte a ottenerne la fedeltà e dedizioni spontanee o meno da parte delle singole comunità a questa o a quella potenza[34]. Lungo il confine tra Brescia, Mantova e Verona si verificarono ripetuti cambiamenti di dominio e ciò determinò dinamiche relazionali tra paesi vicini molto particolari.

 
Castel Goffredo, torre civica, stemma in marmo con l'arma dei Gonzaga (XVI secolo)

Le due superpotenze Venezia e Milano, con i Visconti che estesero nel corso del XIV secolo il loro controllo soprattutto alla porzione occidentale dell'area, si contesero a lungo, durante i secoli XIV-XV, l'area bresciana e quindi l'Alto Mantovano. Esso tuttavia, preso di mira dai Gonzaga a causa della sua vicinanza a Mantova, passerà infine per la maggior parte sotto il loro controllo, ma spesso con l'appoggio interessato e l'esplicito benestare della potente Serenissima, della quale all'epoca i signori di Mantova erano alleati[35]. Questi luoghi rimarranno alle dipendenze della grande dinastia dei Gonzaga fino alla loro definitiva caduta, nel 1707[34].

Si dovette arrivare al Quattrocento inoltrato per avere una situazione politica più stabile[34]. Dopo aver cacciato i Visconti (marzo 1426), Brescia fece atto di dedizione alla Repubblica di Venezia, ma a quel punto molti paesi dell'Alto Mantovano erano assoggettati al dominio di Mantova[36]. Tra i Domini di Terraferma della Serenissima rimasero solo il cosiddetto "Asolano", comprendente Asola, Casalmoro, Casaloldo, Casalpoglio, e i comuni veronesi di Monzambano e Ponti sul Mincio. L'Asolano fu incluso nella provincia di Mantova solo a partire dal XIX secolo, così come i comuni di Monzambano e Ponti[37].

L'Alto Mantovano e le terre circostanti (ad esempio Lonato del Garda e Peschiera del Garda) rimasero ancora per anni oggetto di contesa, ora tra la Serenissima e i Gonzaga, divenuti nemici di questa dopo un clamoroso cambio di alleanze[38]: i tentativi dei Mantovani di annettere altre terre durarono fino all'inizio del XVI secolo[39], anche se i confini rimasero in sostanza stabili e coincisero con quelli fissati con la pace di Cavriana del 1441[40].

 
Asola, il leone di San Marco

È dunque facile comprendere come soprattutto dal Medioevo in poi l'Alto Mantovano sia sempre stato “luogo di confine”, in cui si sono svolte molte battaglie e scaramucce tra il Papato e l'Impero durante la lotta per le investiture[41]. Questa situazione può essere ritrovata nello stesso periodo in molte altre parti d'Italia, ma in questo caso il senso del vivere sul “confine” è continuato anche nelle epoche successive con le dominazioni dei Visconti, dei Gonzaga e della Serenissima Repubblica di Venezia (battaglia di Casaloldo, maggio 1509).

Questo territorio ha sempre vissuto la vita delle terre di confine cercando di volta in volta di cogliere i privilegi di tale condizione o di evitarne i danni. La presenza di torri e castelli è sicuramente legata a tale particolare situazione che si è trascinata per secoli, a causa della particolare localizzazione geografica di questa area, per secoli contesa tra diverse istituzioni politiche e religiose. Tutto ciò ha dato vita ad una serie di presenze e contaminazioni importanti, come l'insediamento nel territorio di famiglie fortemente legate ai Gonzaga oppure alla Serenissima che hanno lasciato molti segni della loro presenza nei palazzi, nelle chiese, nelle corti[42].

Nel Seicento, negli anni 16281630, l'Alto Mantovano fu ripetutamente percorso e sconvolto da movimenti di truppe nel corso della guerra di successione per il Ducato di Mantova, con Venezia che intervenne, cercando di controllare la situazione altomantovana, schierandosi con i Francesi in difesa dei diritti dei Gonzaga-Nevers, contro gli imperiali[43].

Il Settecento fu un secolo di transizione, che vide nell'Alto Mantovano la fine delle dominazioni secolari dei Gonzaga prima (1707), a seguito della battaglia di Castiglione delle Stiviere del 1706, e della Repubblica di Venezia poi (1796), cui iniziarono a subentrare grandi potenze a livello non più locale e tutto sommato circoscritto, ma europeo, innanzitutto gli Austriaci. Sotto di questi la maggior parte dell'Alto Mantovano, che già era parte dello stato gonzaghesco, fu inserito nella provincia di Mantova[24].

I paesi dell'area subirono nuove devastazioni durante la guerra di successione spagnola, negli anni 1701-1708, con gli eserciti francesi e imperiali che si alternarono più volte nel passaggio e nel controllo sulla zona[44][45].

Il XIX secolo è un periodo molto complesso. Innanzitutto, dal punto di vista militare, anche dopo la caduta degli stati dei Gonzaga e di Venezia, nelle terre dell'Alto Mantovano si svolsero altre importanti battaglie, ancora più famose, tra cui la Battaglia di Castiglione (1796), in cui fu protagonista Napoleone Bonaparte[46], e quelle, decisive per le sorti dell'Italia risorgimentale, di Goito del 1848, e soprattutto di Solferino e San Martino del 1859[24][47]. L'idea della Croce Rossa, la più grande organizzazione umanitaria internazionale, è nata proprio nelle terre dell'Alto Mantovano a seguito di questa battaglia[48].

 
Asola, lapide risorgimentale

Politicamente, tra il 1797 e il 1814 la zona, dopo aver finalmente assunto quella configurazione unitaria alle dipendenze di Mantova tuttora presente, fu soggetta al dominio francese dell'Impero napoleonico, per entrare quindi a far parte nel Regno Lombardo-Veneto asburgico. Durante il Risorgimento, specialmente a partire dal 1848, nell'area si assistette a una vivace coordinazione anti austriaca, estesa a più livelli sociali, che sarebbe poi culminata, nella vicina Mantova, con l'episodio dei Martiri di Belfiore[49]. Dopo la seconda guerra di indipendenza italiana l'area altomantovana entrò nel Regno di Sardegna prima (1859) e nel Regno d'Italia poi (1861), del quale seguì le sorti fino al 1946, quando lo stato italiano si tramutò in Repubblica.

Il 19 settembre 1926 a Castel Goffredo fu assassinato dai fascisti il maestro cattolico Anselmo Cessi[50], che venne annoverato da Giovanni Paolo II, in occasione del Giubileo del 2000, fra i "martiri del nostro tempo"[51].

Nelle elezioni politiche succedutesi nel corso dell'Ottocento e del Novecento l'Alto Mantovano si distinse dalla rimanente provincia, in cui si registravano posizioni socialiste, per un orientamento maggiormente rivolto alle destre: ad esempio la DC nella zona riuscì spesso a mantenersi su buoni risultati[52].

 
Stemma della Provincia di Mantova

SimboliModifica

L'Alto Mantovano non possiede uno stemma o un simbolo ufficiale: tuttavia gli è idealmente riconosciuto un posto nello stemma della Provincia di Mantova; quest'ultimo è infatti composto di tre parti, oltre a quello della città di Mantova compaiono i simboli di Bozzolo - a indicare i territori anticamente cremonesi e poi acquisiti dai Gonzaga - e di Castiglione delle Stiviere, che indica proprio quella porzione del Mantovano precedentemente bresciana e in seguito virgiliana[53].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Monumenti e luoghi d'interesse dell'Alto Mantovano.

Tra i monumenti dell'Alto Mantovano, si segnalano:

Architetture religioseModifica

 
Santuario basilica di San Luigi Gonzaga a Castiglione delle Stiviere

Architetture civiliModifica

Architetture militariModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Castelli della provincia di Mantova.

SocietàModifica

L'Alto Mantovano ha conosciuto negli ultimi decenni un buon sviluppo industriale, ma conserva ancora numerose tracce di vita contadina alla quale è rimasto attaccato fino a non molto tempo fa. Oggi nella zona, come ormai in molte altre dell'Italia e specialmente della Pianura padana, la società è divenuta multietnica, con una presenza significativa di cittadini stranieri.

Evoluzione demograficaModifica

Durante gli ultimi anni nell'Alto Mantovano si è registrata una crescita demografica costante per tutti i comuni; rispetto ai dati del 2007, la popolazione è aumentata da un 4% a Gazoldo degli Ippoliti all'1% a Casalmoro. Dati rilevanti si sono avuti per di Castel Goffredo (+3,2%) e per Casaloldo (+2,7%).

La tendenza alla crescita è imputabile ad un aumento della popolazione straniera, attratta da poli industriali significativi: a Castiglione delle Stiviere il polo alimentare, lattiero-caseario e della calza, a Castel Goffredo il polo della calza, a Gazoldo degli Ippoliti il polo metalmeccanico[54].

 
Panorama di Volta Mantovana

Dal 2002 il territorio della provincia di Mantova ha avuto un incremento della popolazione di 33 027 unità pari all'8,9% ed era previsto un ulteriore aumento tra il 2% e il 4,4% per fine 2012. A questa espansione ha contribuito in modo particolare L'Alto Mantovano ha notevolmente contribuito alla crescita demografica con un +14,5%. Pertanto la densità abitativa di questo circondario è passata da 150 abitanti per km² nel 1997 a 171 nel 2007.

Il saldo naturale del territorio osservato, unico nella provincia, al 31 dicembre 2007 ammontava a +275 individui e in quella data venne calcolata, per il 2012, una ulteriore crescita dovuta alla giovane età degli abitanti.

La popolazione si concentra principalmente nei comuni di Castiglione (506 abitanti per km²), Castel Goffredo (269 abitanti per km²), Guidizzolo (263 abitanti per km²), Gazoldo degli Ippoliti (219 abitanti per km²). Lo sviluppo è legato alle dinamiche di crescita di alcuni comuni, tra questi in particolare Casaloldo (+26,6%), Castel Goffredo (+22,7%), Ponti sul Mincio (+22,2%) e Castiglione (+20,5%). Vi è da considerare che i comuni di questo circondario mostrano valori dell'indice di vecchiaia e di dipendenza strutturale inferiori a quelli del resto della provincia. Questo aspetto è significativo nei comuni di Casalmoro, Castiglione e Castel Goffredo dove la struttura della popolazione appare meno sbilanciata verso le fasce d'età più anziane[55].

Etnie e minoranze straniereModifica

Rispetto all'intera provincia di Mantova, i comuni con la maggior percentuale di stranieri (dati al 31 dicembre 2008) sono[56]: Casalmoro (19,7%), Castel Goffredo (19,1%), Castiglione (18,8%) e Casaloldo (18,1%), tutti posti nell'Alto Mantovano. Gazoldo invece si piazza un po' più sotto con il 12,8%, dato comunque superiore all'intero complesso provinciale (11,4%). Si tratta dunque di un territorio con forte presenza di stranieri, con tutte le problematiche di inserimento socio-lavorativo, di gestione dell'accoglienza, del sostentamento, delle politiche sociali. La dinamica integrazione, anche culturale, risulta di fondamentale importanza per le amministrazioni coinvolte.

La composizione della popolazione per grandi classi d'età descrive una popolazione straniera decisamente giovane composta principalmente da persone in età lavorativa e da bambini, con una presenza di anziani praticamente inesistente[57].

Lingua e dialettiModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Dialetto alto mantovano e Dialetto lombardo orientale.

L'alto mantovano è un dialetto lombardo: in particolare appartiene al gruppo dei dialetti lombardo orientali, insieme al bresciano, al bergamasco, al cremasco o alto cremonese[58] e al trentino occidentale; e differisce dal dialetto mantovano cittadino.

ReligioneModifica

 
Santella in frazione Squarzieri di Casaloldo

La religione maggiormente praticata è quella cattolica. Sul territorio esistono anche diversi nuclei di Testimoni di Geova: nel comune di Medole sorge un centro di ritrovo e preghiera[59] per fedeli di quest'ultimo credo, che attrae persone anche dalle province vicine.

CattolicesimoModifica

Fino a tempi recenti la pratica religiosa era comune e diffusa presso tutti i ceti sociali: uomini, donne e bambini frequentavano non solo la messa domenicale, ma vivevano collettivamente riti e festività liturgiche nella consapevolezza che il fondamento della vita sociale fosse da riconoscersi nella dimensione religiosa. La partecipazione a processioni, rosari, tridui, imposizioni di sacramenti e altre forme di culto era frequente, soprattutto da quando il Concilio di Trento aveva prescritto, raccomandato e favorito la presenza a tali pratiche[60].

L'imporsi della società di tipo industriale nel secolo da poco trascorso ha favorito nell'Alto Mantovano lo sviluppo di una mentalità pragmatica e concreta che si è rivelata, al tempo stesso, sempre più laica e profana. Essa ha indebolito, portandola fin quasi alla scomparsa, quella concezione religiosa del mondo, tramandata da infinite generazioni fino al primo Novecento, per la quale ogni periodo dell'anno e ogni ora della giornata erano regolati e santificati da pratiche di culto. Il sacro non atteneva solo all'uomo nel suo rapporto con il cielo, ma permeava l'intera realtà sensibile, la terra e gli esseri viventi[61].

Storia ecclesiasticaModifica
  Lo stesso argomento in dettaglio: Diocesi di Mantova e Pievi della diocesi di Brescia.

Tutta l'area dell'Alto Mantovano appartiene oggi alla diocesi di Mantova, sebbene fino alla fine del XVIII secolo o all'inizio del XIX la maggior parte delle parrocchie alto mantovane abbiano fatto parte della diocesi di Brescia[62][63]

In particolare, le terre corrispondenti oggi a Castiglione delle Stiviere, Solferino, Medole, Guidizzolo, Castel Goffredo, Casaloldo, Casalmoro, Asola, Mariana Mantovana, Redondesco, Acquanegra sul Chiese, Canneto sull'Oglio, Casalromano sino alla fine del Settecento erano sede di parrocchie incluse nella diocesi di Brescia, in parte soltanto delegate dal Cinquecento in poi a quella di Mantova, a causa dell'espansione del Marchesato di Mantova[64][65].

Nei diplomi rilasciati da re d'Italia o imperatori del Sacro Romano Impero dall'XI secolo in poi alla Chiesa di Mantova si trova che solo pochi centri dell'Alto Mantovano erano sede di pievi appartenenti alla diocesi mantovana: si tratta in particolare di Cavriana, San Cassiano di Cavriana, Volta Mantovana, Goito, San Martino Gusnago, e di un luogo ora scomparso chiamato “Capo di Tartaro”, situato all'epoca probabilmente tra Mosio, Redondesco e Marcaria, cioè in prossimità del confine con il Bresciano[66][67].

In epoca precedente tuttavia molte tra queste località avevano ospitato consistenti proprietà del monastero bresciano di Santa Giulia, rimanendo quindi anch'esse sotto l'influenza di Brescia: sono le corti di Cavriana, Goito, San Martino Gusnago. Nel Medioevo appartenevano invece pienamente alla diocesi di Brescia le pievi di Asola, Bizzolano di Canneto sull'Oglio, Casalmoro, Medole, Guidizzolo, Castiglione delle Stiviere; contesa tra Brescia e Mantova era la giurisdizione sulla pieve di San Martino Gusnago.

Grazie ad una serie di ampliamenti che si verificano tra il 1785 e il 1820, il territorio della diocesi di Mantova raggiunge un'estensione che è quasi pari a quella attuale, fagocitando, tra gli altri, anche i territori a settentrione della città già inclusi nella diocesi di Brescia. È presumibile che tali ampliamenti, succedutisi in un lasso di tempo caratterizzato da una politica di soppressioni religiose e quindi non certo favorevole alla Chiesa, come l'epoca napoleonica, siano l'espressione di una volontà dell'autorità civile di far coincidere il più possibile confini amministrativi e confini ecclesiastici per operare un maggior controllo sull'attività della diocesi[68]. In effetti il territorio diocesano virgiliano, in precedenza assai ridotto, viene in questo periodo ad assumere contorni che lo avvicinano più nettamente all'ambito della provincia, con un raddoppio della superficie di propria pertinenza.

Nel 1785 entrano a far parte della diocesi le parrocchie, già appartenenti a Brescia, e in qualche caso sottoposte ad Asola – centro di una piccola zona indipendente da ogni altra diocesi fino al 1818 –, dei territori di Acquanegra, Casalromano, Castel Goffredo, Mariana e Redondesco. Nel 1787 Brescia cede a Mantova le parrocchie dei comuni di Castiglione delle Stiviere, Guidizzolo, Medole, Solferino, Canneto e Ostiano. Acquisita Gazoldo da Cremona nel 1803, nel 1818 vengono aggregate a Mantova le parrocchie di tutto il XVII distretto amministrativo: Asola con le relative frazioni, Acquafredda, Casalmoro, Casaloldo e Casalpoglio.

Dopo tali ampliamenti, il territorio della diocesi di Mantova si differenzia da quello della provincia dell'epoca solamente per la mancanza di una parte del distretto di Volta: Monzambano e Ponti sul Mincio, ancora appartenenti alla diocesi di Verona: queste due parrocchie sono acquisite da Mantova solamente nel 1977. Oggi inoltre sono ricomprese nel vicariato San Carlo Borromeo (Asola) della Diocesi di Mantova anche le parrocchie dei comuni ora cremonesi di Ostiano e Volongo[69][70].

  • Confraternite.
  Lo stesso argomento in dettaglio: Disciplini del Mantovano.
 
Castel Goffredo, Chiesa dei Disciplini, sede della Confraternita dei Disciplini nel XVI secolo

Nel territorio altomantovano la diffusione delle confraternite comincia abbastanza presto: risalgono infatti al 1288 gli statuti della "Congregazione della Misericordia di Castel Goffredo"[71] e al XIII secolo la presenza di una casa degli Umiliati[72], congregazione religiosa dedita alla preghiera e alla lavorazione della lana. Nel corso del Quattrocento il movimento dei Disciplini Bianchi acquista una diffusione capillare nel territorio bresciano. All'epoca della visita di San Carlo Borromeo (1580) non vi è praticamente comunità di quella parte dell'Alto Mantovano sottoposta alla diocesi di Brescia, che non abbia una o più scuole di Disciplini. Al Quattrocento risale anche la redazione degli statuti della confraternita di Canneto sull'Oglio. Nell'Alto Mantovano ecclesiasticamente bresciano i Disciplini erano presenti ad Asola, Castiglione, Solferino, Medole, Castel Goffredo, Casalmoro, Casaloldo, Acquanegra, Redondesco, Mariana, Canneto[73][74].

Alla fine del XV secolo venne fondata la confraternita del SS. Sacramento presso il duomo di Brescia; a partire da questa data in poi, istituzioni consimili si estesero a tutta la diocesi, con scuole del SS. Sacramento presenti in buona parte delle parrocchie altomantovane a partire dalla fine del secolo XV-inizio secolo XVI. A quanto pare, nelle origini e nella diffusione delle confraternite laicali – Disciplini, SS. Sacramento - ebbe un certo ruolo la predicazione al popolo svolta da ordini mendicanti quali Francescani e Domenicani[75].

  • Autonomie religiose.

L'Alto Mantovano nel suo complesso non ha mai goduto di una specifica indipendenza dalle diocesi delle città circostanti, Brescia, Mantova e Verona. Tuttavia le parrocchie di alcuni centri, all'incirca tra il XVI e l'inizio del XIX secolo, pur appartenendo alle rispettive diocesi, erano in sostanza distaccate dalla giurisdizione del vescovo, con un'identità decisamente autonoma, a formare quasi piccole diocesi a sé stanti, soprattutto per certi periodi. È il caso di Asola[76][77] e Castiglione delle Stiviere[78][79] nei riguardi dell'ordinario di Brescia, di Gazoldo degli Ippoliti[80] nei confronti di quello di Mantova. Castiglione e Gazoldo a motivo della presenza di famiglie reggenti feudi autonomi anche politicamente, Asola a causa di uno speciale protettorato ottenuto dalla Repubblica di Venezia[81]. Gazoldo fu dichiarata nullius diocesis, cioè non appartenente ad alcuna diocesi, Asola fu commenda e poi anch'essa divenne nullius diocesis e fu retta da un vescovo[82] – ragion per cui la parrocchiale asolana porta l'antico titolo di cattedrale -, Castiglione era una collegiata.

ParrocchieModifica

Attualmente, oltre ai capoluoghi dei vari comuni che compongono il territorio, sono sede di parrocchia anche alcune altre località. Esse sono le frazioni[83]:

 
Chiesa parrocchiale di San Martino Gusnago
 
Chiesa parrocchiale di Castelgrimaldo

Le parrocchie dell'Alto Mantovano fanno parte del vicariato foraneo "San Carlo Borromeo" - zona sud-ovest - o di quello "San Luigi Gonzaga" - zona nord-est -.

EbraismoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Comunità ebraica di Castel Goffredo.

L'Alto Mantovano non è mai stato terra di insediamento di comunità ebraiche - a parte i casi, tutt'altro che trascurabili, di Castel Goffredo[84] e Ostiano[85]-, diversamente da quanto è avvenuto dal basso Medioevo in poi, sotto il dominio della famiglia Gonzaga, per la stessa Mantova o per altri luoghi della provincia, quali ad esempio Bozzolo, Viadana o Sabbioneta[86].

A Castiglione delle Stiviere, Asola e nei territori adiacenti dal Quattrocento in poi si stabilirono soltanto singoli individui con le proprie famiglie, svolgendo attività di prestito ad interesse nei banchi feneratizi od occupandosi della riscossione delle imposte e gabelle per i signori del luogo[87].

Detestati per tali occupazioni dalla popolazione locale, subirono spesso violenze nei momenti di torbidi politici: così accadde per esempio al generale daziale e appaltatore di tabacchi del principe Ferdinando II di Castiglione, durante la rivolta contro i Gonzaga di Castiglione degli ultimi anni del Seicento. Anche nell'Alto Mantovano dunque gli Ebrei, per quanto in numero esiguo, in passato sono stati mal tollerati e separati dalla comunità cristiana[88].

Tradizioni e folcloreModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Tradizioni e folclore dell'Alto Mantovano.

La zona dell'Alto Mantovano vanta antiche tradizioni:

EventiModifica

Soprattutto nella realtà rurale del passato, tutto l'anno era scandito da numerose ricorrenze: festeggiamenti per il santo patrono, sagre paesane, fiere dove confluivano i prodotti della terra, gli scambi e gli affari, il mercato degli animali. Sebbene la realtà odierna abbia profondamente mutato convinzioni e pratiche religiose, i santi protettori vengono ancora spesso festeggiati nel giorno a loro dedicato con cerimonie a volte particolari.

A Castiglione delle Stiviere per esempio il 21 giugno si tiene una rievocazione storica dedicata alla memoria del santo concittadino Luigi Gonzaga. Ricorrono nel calendario le seguenti fiere patronali[89]:

Sagre e fiere di paese:

  • Castel Goffredo, fiera di San Giuseppe (19 marzo), istituita nel 1904; S. Antonio Abate, con benedizione dei frutti della terra e distribuzione del chisòl e della chisòla (17 gennaio); festa del Tortello Amaro di Castel Goffredo (terza domenica di giugno)[92].
  • Asola, festa dei Santi e dei Morti (prima settimana di novembre).
  • Casalmoro, sagra della pollastrella presso il santuario della Madonna del Dosso (21 novembre): la caratteristica della festa è la pratica dell'esplosione dei mortaretti.
  • Monzambano, festa dell'uva (fine settembre).
  • Medole, fiera di primavera.
  • Ceresara, fiera della Possenta (23-27 marzo).
  • Canneto sull'Oglio, fiaccolata della pastorella (Natale)[94].
  • Piubega, presepio vivente (Natale)[95].
  • Redondesco, carnevale di metà quaresima; Festa en Castel (luglio e agosto).
  • Volta Mantovana, sagra della Beata Paola Montaldi (settembre).
  • Volta Mantovana, carnevale del Capunsel (febbraio-marzo).
  • Gazoldo degli Ippoliti, fiera della Postumia (luglio); Fera de Setember (settembre).
  • Casaloldo, sagra di San Luigi Gonzaga (ottobre)[92].

PoliticaModifica

  • Aggregazioni Territoriali

Alto Mantovano. Il territorio delle colline moreniche ha intrapreso un percorso di identificazione territoriale giungendo alla sottoscrizione di un Protocollo d'Intesa Quadro, nel 2007, da parte dei soggetti istituzionali del territorio dell'Alto Mantovano e del Basso Garda Bresciano. Sono coinvolti i comuni di: Castel Goffredo, Castiglione delle Stiviere, Cavriana, Goito, Guidizzolo, Medole, Monzambano, Ponti sul Mincio, Solferino, Volta Mantovana[96][97]

Asolano. I Comuni della porzione occidentale del territorio altomantovano, segnata dal bacino del fiume Chiese, che da Casalmoro scende fino alla confluenza dell'Oglio, appena più a sud di Canneto, cioè Asola, Canneto, Casalmoro, Casaloldo, Mariana Mantovana, Piubega, Redondesco hanno iniziato un percorso di definizione concertata degli obiettivi di sviluppo. Le amministrazioni comunali, con il supporto della Provincia di Mantova, attraverso la definizione del Protocollo di Intesa "Tra l'aquila e il Leone terre di frontiera e di comunicazione", hanno attivato la costruzione di un piano strategico dell'area[98]

  • Gruppi di Azione Locale

GAL (Gruppo di Azione Locale) Colline moreniche del Garda e GAL Oglio Po. Si tratta di società consortili a responsabilità limitata, con lo scopo di promuovere l'avvio di nuove iniziative economiche e di favorire la valorizzazione delle risorse umane e materiali del territorio stimolando la collaborazione tra enti locali e imprenditorialità privata.

Il GAL Colline moreniche persegue il proprio scopo attuando progetti di sviluppo mediante la gestione di finanziamenti pubblici, europei e regionali, indirizzati alla valorizzazione dell'area rurale tipica delle colline moreniche, rendendola elemento di attrazione per le risorse umane e le attività imprenditoriali. Vi aderiscono sia gli enti pubblici territoriali - i 6 Comuni fondatori (Castiglione delle Stiviere, Cavriana, Monzambano, Ponti sul Mincio, Solferino, Volta Mantovana) e la Provincia di Mantova - sia organizzazioni collettive degli operatori economici locali[99].

Il GAL Oglio Po comprende numerosi comuni cremonesi e mantovani, soprattutto del territorio casalasco-viadanese, ma anche quelli, situati nell'Alto Mantovano, di Acquanegra sul Chiese, Canneto sull'Oglio, Casalromano[100].

Unione di comuniModifica

CulturaModifica

Sia dal punto di vista linguistico sia da quello religioso, politico, architettonico-insediativo l'Alto Mantovano si caratterizza per tratti comuni che lo distinguono dal resto della provincia: si tratta di una regione molto unitaria nelle vocazioni storiche come nelle scelte attuali. Dopo essere stato poco esplorato a causa di un lungo periodo di scarso interesse protrattosi fino a tempi recenti, la cultura, l'arte, la storia del territorio alto mantovano sono da qualche decennio oggetto di un'attenzione sempre più viva nelle sue componenti più ampiamente culturali, essendo state sottoposte ad indagini che, seppure non sempre sistematiche, hanno prodotto e continuano a produrre un'interessante messe di studi[101].

Patrimoni dell'umanità UNESCOModifica

Le stazioni palafitticole dell'età del bronzo di Castellaro Lagusello e Bande di Cavriana sono stati iscritti nell'anno 2011 nella lista dei siti patrimonio dell'umanità dell'UNESCO tra gli antichi insediamenti alpini[102][103].

Si tratta di una tipologia di abitati dell'età del bronzo situati in ambienti umidi, come zone lacustri, palustri o fluviali (litorale del Garda e bacini alpini o intermorenici). In quell'epoca la zona del Lago di Garda si presentava come un crocevia per i contatti tra l'area transalpina e quella mediterranea: forti erano infatti i rapporti di scambio con l'Europa continentale[104]. I modelli strutturali di questi abitati, particolarmente numerosi in tutto il bacino gardesano, presentano due tipologie fondamentali, richieste dalla particolare situazione ambientale: la palafitta e la bonifica. La prima consisteva in un fitto impalcato sostenente una piattaforma sospesa abitabile con le relative capanne; la seconda era formata da stratificazioni di legname e riempimenti inerti in grado di rendere asciutto e abitabile un terreno acquitrinoso[105].

La località di Bande di Cavriana corrisponde all'invaso, ora quasi completamente interrato, del bacino di un piccolo lago intramorenico. Sulle sue sponde, agli inizi dell'Età del Bronzo – precisamente intorno al 2040 a.C. –, sorse e si sviluppò un vasto abitato palafitticolo considerato, con quelli di Barche di Solferino e di Polada di Lonato del Garda, uno dei più antichi dell'area padana. Venne frequentato fino agli inizi della Media Età del Bronzo (1600 a.C. circa) quando venne abbandonato e le strutture della palafitta crollarono impaludandosi. Lo stesso sito venne rifrequentato dopo alcuni decenni utilizzando in parte i resti del precedente impianto e completando l'opera con una bonifica stratificata, tale da rendere abitabile il terreno impaludato[106]. Così, quello di Bande è uno dei pochi insediamenti che si caratterizza per la presenza di entrambe le tipologie insediative, palafitta e bonifica: una frequentazione quasi ininterrotta per almeno otto secoli, attraverso tutte le fasi padane dell'Età del Bronzo. Il sito venne definitivamente abbandonato nel corso del XIII secolo a.C.[107]. L'insediamento di Castellaro Lagusello nasce invece all'inizio della media Età del Bronzo (1650 a.c. circa), quasi contemporaneamente alla impostazione del secondo impianto del villaggio di Bande di Cavriana; il villaggio di Castellaro si protrarrà però fino al 1150 a.C. circa[108].

ArteModifica

Nel territorio dell'Alto Mantovano, in un tempo recente, l'arte e, in specifico, la pittura, assunsero una dimensione sovralocale. Si realizzò allora una stagione artistica straordinariamente emozionante, in cui la pittura di paesaggio illuminò e diede veste estetica a questi luoghi suggestivi, culminando nel cosiddetto Chiarismo lombardo.

Il periodo di quella produzione artistica che ha preso origine da questo territorio o che a questo territorio si lega è quello che, grossomodo, si estende tra il 1859, all'indomani della battaglia di Solferino e San Martino, e gli anni ottanta del Novecento.

Il movimento prende avvio dalle prove post-risorgimentali di Carlo Ademollo (Firenze, 1824-1911) e Giuseppe Nodari (Castiglione delle Stiviere, 18411898). Attraversa, quindi, l'esperienza scapigliata di Virgilio Ripari (Asola, 1843Milano, 1902) e la pittura prospettica di Domenico Pesenti (Medole, 1843 – Mantova, 1918) per soffermarsi sul naturalismo divisionista e post-scapigliato di Vindizio Nodari Pesenti (Medole, 1879 – Mantova, 1961), di Archimede Bresciani (Gazoldo, 1881 – Milano, 1939), di Mario Lomini (Redondesco, 18871948).

Successivamente si apre il vero e proprio periodo all'insegna del dipingere in chiaro – il Chiarismo, appunto -, con sodalizi estetici tra Medole e Castiglione. Nella prima metà del Novecento infatti l'Alto Mantovano, e in particolare Castel Goffredo[109] e Castiglione delle Stiviere, sono stati i luoghi prediletti di ritrovo e di frequentazione artistica dei pittori mantovani facenti parte del movimento artistico chiamato "Chiarismo lombardo", i quali hanno lasciato una traccia importante della zona nei loro dipinti. Avevano eletto come maestro il professore castiglionese Oreste Marini (Castel Goffredo, 1909 - Castiglione delle Stiviere, 1992), e facevano parte del gruppo, tra gli altri, i pittori Maddalena Nodari (Castel Goffredo, 1915Roma, 2004), Umberto Lilloni (Milano, 18981980) e Angelo Del Bon (Milano, 1898 – Desio, 1952)[110][111], ma anche Giuseppe Angelo Facciotto (Cavriana, 1904 – Mantova, 1945), Carlo Malerba (Bastida Pancarana, 1896 – Milano, 1954), Ezio Mutti (Castiglione delle Stiviere, 1906-1987).

Il Chiarismo consiste in una pittura che affida a un segno emotivo e mosso la vibrante luminosità che la natura sa sprigionare alla vista. Si tratta di una serie di pittori che, tra gli inizi degli anni trenta e gli inizi degli anni cinquanta del XX secolo, si sono dedicati ad aggiornare l'orizzonte arcaista cui si ispiravano tutti gli artisti più affermati del panorama nazionale.

Ma la parte di territorio che si estende tra le rive meridionali del Garda e la pianura mantovana, chiusa ad est dal fiume Mincio e ad ovest dal Chiese, un habitat suggestivo, dalle caratteristiche naturali e paesaggistiche di grande pregio, diventa anche, sempre negli stessi anni, una sorta di ritrovata Arcadia, oggetto di una pittura rasserenante.

L'anfiteatro delle colline moreniche, con i suoi dolci pendii, si modifica, si idealizza, diventa colore e poesia nelle tele di artisti mantovani come Arturo Cavicchini (Ostiglia, 1907 – Mantova, 1942), Alessandro Dal Prato (Roncoferraro, 1909 – Guidizzolo, 2002), Giuseppe Fierino Lucchini (Stradella di San Giorgio di Mantova, 1907 – Casalmaggiore, 2001), Aldo Bergonzoni (Mantova, 1899 – Padova, 1976).

Nel decennio successivo al 1945, emergono anche qui i fermenti che, in campo artistico, orientano il Paese verso un'identità contemporanea, nel superamento di una visione bucolica e felice della natura, e cambiano l'orizzonte del fare pittura. Da Franco Ferlenga (Castiglione delle Stiviere, 1916-2004) a Danilo Guidetti (Castiglione delle Stiviere, 19281990) la pittura di paesaggio evolve andando oltre la rappresentazione della natura come spettacolo.

Le ultime emozioni di questo percorso artistico legato all'Alto Mantovano sfociano in operazioni surreali, nella ricerca di interazione tra arte e linguaggio, e tendenze postmoderne, in cui l'originalità sottopone a variazione il materiale estetico già disponibile: Franco Bassignani (Guidizzolo, 1942), Eristeo Banali (Mantova, 1950), Adriano Castelli (Asola, 1955).

A tutti questi artisti e al paesaggio dell'Alto Mantovano da loro rappresentato, nel 2012 è stata dedicata una mostra a Mantova[112][113].

MuseiModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Musei dell'Alto Mantovano.

I musei presenti sul territorio rientrano quasi tutti nel Sistema dei Musei Mantovani[114]. I più importanti sono:

Biblioteche e archiviModifica

 
Castiglione delle Stiviere, Palazzo Pastore sede della biblioteca comunale

Le varie biblioteche comunali dell'Alto Mantovano fanno parte delle biblioteche della provincia di Mantova, in particolare del Sistema Bibliotecario Ovest Mantovano[117], e sono in grado di prestare libri e multimedia, anche provenienti da altre biblioteche della provincia, tramite il prestito interbibliotecario. Una rete informatica collega tutte le biblioteche dell'Ovest Mantovano fra loro, e con le restanti della provincia di Mantova, Brescia e Cremona, rendendole partecipi di un'unica grande biblioteca virtuale. Si può consultare da casa il catalogo on-line e verificare la disponibilità del documento cercato. Anche le procedure gestionali delle biblioteche e degli utenti sono informatizzate. Il servizio di interprestito è una realtà consolidata che garantisce la lettura e l'informazione anche agli utenti residenti in comuni isolati[118].

Per prestigiosa collocazione, antichità e ricchezza del patrimonio librario si distingue senz'altro la Biblioteca comunale di Castiglione delle Stiviere, ospitata in un'ala di Palazzo Pastore[119].

I comuni di Castiglione delle Stiviere, Medole, Cavriana, Solferino e Ponti sul Mincio hanno avviato una bozza di convenzione per la gestione comune di quello che è stato chiamato Servizio Archivistico dell'Alto Mantovano. Le amministrazioni comunali di Asola, Canneto sull'Oglio, Casalmoro e Casalromano, considerato il valore e la dimensione del proprio patrimonio archivistico, hanno anch'esse avviato una politica archivistica unitaria, investendo nella realizzazione globale del servizio archivistico attraverso una forma di cooperazione[120]

Società ed enti culturaliModifica

  • Associazione l'Aquila e il Leone, ente intercomunale di promozione del territorio che comprende undici comuni del Medio-Alto Mantovano, finalizzato a valorizzare le locali risorse culturali, tradizionali, turistiche e ambientali[121].
  • Associazione Colline moreniche del Garda[122].
  • Associazione Postumia[123].
  • Lyons club Castiglione delle Stiviere.
  • Lyons club Chiese mantovano.
  • Gruppo San Luca di Castel Goffredo[124].
  • Mosaico Scienze[125].
  • Rotary club Castiglione delle Stiviere e Alto Mantovano[126].
  • Società Solferino e S. Martino Ente Morale[127].

MediaModifica

Il quotidiano di livello locale più diffuso, che riporta notizie anche dalla zona dell'Alto Mantovano, è la Gazzetta di Mantova; segue la Voce di Mantova: entrambe queste testate riservano uno spazio apposito alla cronaca dell'Alto – Castiglione, Castel Goffredo, Asola -.

“Il Gazzettino” è un settimanale che copre l'Alto Mantovano, ma anche la Bassa Bresciana orientale e la riviera bresciana del Lago di Garda.

L'emittente televisiva Telemantova dedica settimanalmente una rubrica all'Alto Mantovano (Magazine Alto Mantovano).

Le emittenti radio dell'Alto Mantovano sono: Temporadio a Castiglione delle Stiviere[128] e Radio Alfa a Castel Goffredo[129].

CucinaModifica

 
I capunsei
  Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina dell'Alto Mantovano.

A grandi linee, le produzioni tipiche dell'area altomantovana non si discostano da quelle di tutta la pianura padana.

Più in particolare, la gastronomia locale è il risultato dell'armonico connubio fra l'arte culinaria mantovana, apprezzata in tutto il mondo, e le tradizioni più genuine dell'area collinare morenica, dove i salumi, le paste ripiene, le carni e i dolci trovano la perfetta complicità dei profumati e cristallini vini dei colli morenici[130], tanto che l'agroalimentare è senz'altro un punto di forza dell'economia altomantovana.

Persone legate all'Alto MantovanoModifica

Visitatori illustriModifica

Geografia antropicaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Mura di Castel Goffredo.

Esaminando la storia del territorio alto mantovano si può rilevare agevolmente la distinzione tra quel nucleo centrale, più o meno corrispondente alla diocesi antica, al comitato e alla giurisdizione del comune medievale di Mantova, e una complessa corona di territori anticamente non mantovani, e successivamente acquisiti soprattutto per merito dei Gonzaga, ma che mai hanno perso la loro alterità rispetto al Mantovano di antica radice, nella cultura, nel linguaggio, nella religione, ma anche nei modelli insediativi e nella tipologia dell'edilizia rurale[139].

 
Castel Goffredo, Piazza Castelvecchio, frammento di cippo confinario austriaco del 1756 delimitante la Repubblica di Venezia e l'Impero d'Austria

L'alta pianura asciutta, la zona cioè a nord della Postumia, sia per la ovvia stabilità del regime idrico, sia per la maggiore evidenza del reticolo centuriato, sia ancora per un'antica non “mantovanità” – aree in parte legate agli agri veronese e bresciano in epoca romana e dipendenti da diocesi e monasteri di queste ultime città nell'alto Medioevo e oltre -, sia ancora per una diversa cultura etnica che ha le sue radici in maggiori difficoltà colturali – quindi maggiore povertà, in maggiore esposizione a scorrerie di età barbarica e a guerre successive, terra quindi aperta ad un tempo e isolata -, manifesta, leggibili tuttora, una arcaicità e una continuità, non solo nella trama territoriale, ma anche nella rarefazione e nell'isolamento dei nodi insediativi.

Qui la corte agricola tipicamente mantovana non ha avuto successo; domina invece il piccolo nucleo con forti echi di struttura fortificata, visibili per esempio nelle cosiddette "colombare": è la tipica corte chiusa dell'alta pianura. È nella stessa zona che risulta, ancora, un altro interessante elemento di continuità con la centuriazione romana, che coniuga antichi miti agresti con la tradizione cristiana; le numerose cappellette, frequenti in molte campagne, sono qui particolarmente diffuse e coincidenti con gli incroci fra i limites; elementi chiaramente sostitutivi o dei cippi gromatici o di alberi sacri[140].

I territori dell'Alto Mantovano acquisiti a Mantova in tempi relativamente recenti presentano, sotto il profilo dell'ambiente naturale, della struttura idrico-pedologica e delle radici storiche più antiche, caratteri analoghi a quelli, contigui, posti sull'asse della Postumia da Goito a Redondesco – Ceresara, San Martino Gusnago, Piubega, Gazoldo –, che appartenevano invece alla diocesi mantovana e all'ambito giurisdizionale del comune cittadino prima e dello stato signorile gonzaghesco poi: i primi però rivelano la loro sostanziale estraneità al Mantovano anche nell'assenza, o nella ridotta presenza, delle grandi corti rurali e nella maggior importanza dei centri di tipo urbano.

Questa particolare situazione ha appunto favorito nell'Alto Mantovano il formarsi di piccoli centri urbani, quasi minicapitali di sostrato rurale, anche se dotati, nel tardo Rinascimento, di significativi interventi urbanistico-architettonici – Castel Goffredo, Castiglione[141], Solferino -[142].

La diversità originaria permane quindi nei modelli insediativi, con netta divaricazione di questi stati semi-autonomi dal resto del Mantovano, caratterizzati dalla tendenza alla concentrazione in nuclei, alla povertà delle colture e dal permanere di una cultura, anche produttivo-edilizia, di tipo arcaico[143].

La corte ruraleModifica

 
Corte rurale nell'Alto Mantovano

Per quanto riguarda l'architettura rurale, le tipologie prevalenti sono due, secondo una dicotomia tra zona collinare e pianeggiante che interessa anche altri aspetti dell'Alto Mantovano: le “contrade” delle colline moreniche e le corti chiuse dell'alta pianura, caratterizzate per lo più da aziende di media dimensione con struttura fondiaria non superiore ai 30 ha[144]. Alle piccole rurali delle colline, costruite con ciottoli di fiume e aperte sulla campagna, si sostituiscono le grandi proprietà della vasta e feconda pianura, raccolte intorno all'aia e chiuse da mura ed edifici in mattoni, funzionali modelli edilizi destinati in passato a rispondere alle varie necessità: una grande casa padronale al centro per ospitare l'eventuale proprietario o l'amministratore; le abitazioni rurali per le famiglie dei lavoratori; gli ambienti predisposti alla conservazione di salumi, vino, formaggio; stalle e barchesse in cui riporre gli arnesi da lavoro, stivare fieno, grano, custodire il bestiame[145].

Le cosiddette corti chiuse, particolarmente diffuse nell'altopiano pianeggiante dell'Alto Mantovano, paiono evidenziare nella loro completa chiusura spaziale una matrice dichiaratamente difensiva, avvertibile anche nelle corti aperte della bassa pianura, che, costituite da edifici tra loro separati, sono comunque sovente circondate da fossati o da mura perimetrali. Circa l'origine delle corti rurali, specie di quelle chiuse, che proponevano caratteristiche di isolamento analoghe a quelle dei castelli-recinti fortificati, non è da escludere un riutilizzo di architetture militari per fini anche agricoli. Dai complessi militari l'architettura rurale sembra aver mutuato quegli elementi che meglio si prestavano a offrire garanzie di sicurezza: oltre ai fossati e alle mura perimetrali, si aggiunse in alcuni casi anche la presenza di torrioni d'accesso e torri dette “colombare”, con funzione di deposito e di avvistamento[146].

UrbanisticaModifica

Dal punto di vista urbanistico, i centri collinari del territorio sul confine tra Mantova, Brescia e Verona, erano per lo più borghi medievali che hanno conosciuto il dominio delle Signorie e si sono, in seguito, adattati allo sviluppo economico delle epoche più recenti. Sovrastati da un castello o dai suoi resti, che si ergono maestosi dall'alto della più elevata collina attorno alla quale è cresciuto il paese vero e proprio, sono impreziositi da ville signorili ed eleganti residenze costruite secondo il raffinato stile rinascimentale che sostituì fortificazioni e contrafforti quando vennero meno le funzioni difensive di quelle antiche postazioni militari[147].

La gonzaghesca Castel Goffredo, ma anche la veneziana Asola, rappresentano località di pianura caratterizzate da affinità costruttive, un tempo cintate da mura bastionate, con all'interno un'ampia piazza dove si trova la chiesa principale, il palazzo del principe o del comune, vie dritte, lunghi portici. L'elemento fortificato oggigiorno è in gran parte scomparso; di esso ci si può fare un'idea guardando alla cittadina, tuttora murata, di Sabbioneta, posta nel Basso Mantovano[148]. Le fortificazioni perimetrali di Asola e Castel Goffredo, importanti e insostituibili testimonianze della storia urbana e militare, vennero infatti cancellate da costanti e definitive opere di dismissione e smantellamento durate almeno fino agli inizi del Novecento. Sono così scomparsi bastioni, mura, porte, i fossati, di cui restano rari e mal conservati avanzi, e una documentazione cartografica[149].

EconomiaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Economia dell'Alto Mantovano.
 
Rebecco di Guidizzolo, la campagna circostante

Il comprensorio alto mantovano rappresenta un'area caratterizzata da forti trasformazioni socio-economiche che negli ultimi 20 anni stanno comportando modifiche radicali del territorio, che sta passando da forte vocazione industriale/artigianale - il “distretto della calza” e il polo meccanico-siderurgico Gruppo Marcegaglia Spa - a maggiore diversificazione produttiva: permangono industria e artigianato, ma compare anche la valorizzazione di produzioni agricole tipiche - melone mantovano, salame mantovano, vini dei colli morenici, pomodoro - e il piccolo commercio - Distretto del Commercio “Commerciando tra castelli e casali dell'aquila e leone” -[54].

Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

 
Casaloldo, segnale stradale della seconda metà dell'Ottocento

I principali assi viari sono:

Una certa importanza per l'economia del territorio è rivestita anche da alcune strade provinciali:

  • strada provinciale 8, che collega Casaloldo a Pozzolengo, ed è chiamata anche strada della Calza in quanto attraversa il distretto industriale tessile che ha al suo centro Castel Goffredo;
  • strada provinciale 1 Mantova-Asola, che oltre a collegare con il capoluogo di provincia permette anche di raggiungere in breve da Asola e Casalromano la strada per Cremona.

Rilievo soprattutto storico ha la cosiddetta Via Postumia, così chiamata in quanto segue il tracciato di una importante e strategica via di comunicazione romana, che collegava Genova ad Aquileia; essa passava ai limiti meridionali del comprensorio alto-mantovano, in un tratto pressoché rettilineo, ancora esistente, che attraversa o sfiora le località di Goito, Gazoldo, Redondesco e Mosio, e che metteva in comunicazione Verona con Cremona. All'epoca della sua apertura, nel 148 a.C., favorì lo sviluppo dei commerci con i mercati adriatici e stimolò una più ampia distribuzione dei prodotti di questa zona rinomata già allora per la sua importante produzione agricola. Inoltre essa contribuì alla romanizzazione delle popolazioni galliche stanziate sul territorio, che non vennero assoggettate militarmente dai Romani, ma piuttosto, entrando in contatto con la cultura latina, iniziarono ad assorbirne prodotti e usanze[150].

FerrovieModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Asola e Stazione di Canneto sull'Oglio.

Una sola linea ferroviaria attraversa il territorio dell'Alto Mantovano la Brescia-Parma e lungo essa sorgono le stazioni alto-mantovane di Asola e Canneto sull'Oglio.

In alternativa, le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di Desenzano del Garda o Peschiera del Garda per la linea Milano – Venezia; Mantova e Roverbella per la linea Verona-Modena, infine ancora Mantova per le linee Milano-Cremona-Mantova e Mantova-Monselice.

 
Castel Goffredo, la vecchia stazione del tram

Mobilità urbanaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: APAM.

Dal 1930 al 1933 era in servizio la linea della tranvia Medole-Casaloldo (diramazione della tranvia Cremona-Asola), con tram a carrozza unica chiamato "Norge", che collegava il basso lago di Garda fra Desenzano, Cremona e Piacenza.

Attualmente il servizio viene svolto dall'azienda APAM di Mantova, che collega i vari comuni della provincia e le città di Brescia e Mantova[151].

Piste ciclabiliModifica

La provincia di Mantova ha distribuito una carta, chiamata MantoVA IN BICI!, della "Rete degli itinerari ciclabili mantovani"[161][162].

SportModifica

Tragedia di GuidizzoloModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Tragedia di Guidizzolo.

Durante la Mille Miglia del 1957, sulla strada statale 236 Goitese all'altezza di Guidizzolo, il pilota Alfonso de Portago, alla guida di una Ferrari 335S, fu vittima di un incidente causato dal cedimento di uno pneumatico e morì sul colpo, insieme al copilota Edmund Nelson e a 9 spettatori che assistevano alla gara.

NoteModifica

  1. ^ Associazione Distretto Calza e Intimo. Il nostro governo non sta aiutando la calzetteria., adici.it. URL consultato il 25 febbraio 2013.
  2. ^ AA. VV., Lombardia. Introduzione a una didattica dei territori, III Province di Bergamo Brescia Cremona Mantova, Bergamo-Milano, Regione Lombardia-NEWS, 2005, p. 490.
  3. ^ Turismo Mantova. Alto Mantovano, turismo.mantova.it. URL consultato il 21 settembre 2013.
  4. ^ Vittore Colorni, Il territorio mantovano nel Sacro Romano Impero. Periodo comitale e periodo comunale, Milano, Giuffrè, 1959, d'ora in poi COLORNI 1959, pagg. 53-54; 60-64.
  5. ^ Vignoli 2011, p. 9.
  6. ^ Vignoli-Cobelli 2010, p. 133.
  7. ^ Provincia di Mantova. I comuni dell'Alto Mantovano, provincia.mantova.it. URL consultato il 14 luglio 2012.
  8. ^ a b Dati ISTAT al 31.8.2016, demo.istat.it. URL consultato il 21 dicembre 2016.
  9. ^ Provincia di Mantova. Elenco Comuni Medio Mantovano, provincia.mantova.it. URL consultato il 24 maggio 2014.
  10. ^ Provincia di Mantova – Portale sul turismo a Mantova, turismo.mantova.it. URL consultato il 2 maggio 2012.
  11. ^ In base all'analisi della struttura del territorio e delle relazioni fra comuni - polarità, pendolarismo, gravitazioni - sono stati individuati in tutto il territorio provinciale 4 circondari. I comuni dell'Alto Mantovano, inteso nella maniera più completa, risultano dunque essere 21: Acquanegra sul Chiese, Asola, Canneto sull'Oglio, Casalmoro, Casaloldo, Casalromano, Castel Goffredo, Castiglione delle Stiviere, Cavriana, Ceresara, Gazoldo degli Ippoliti, Goito, Guidizzolo, Mariana Mantovana, Medole, Monzambano, Piubega, Ponti sul Mincio, Redondesco, Solferino, Volta Mantovana. Cfr. Territorio e aspetti demografici, Ecomuseo Tra il Chiese, il Tartaro e l'Osone. URL consultato il 19 agosto 2012.
  12. ^ Toffoli, p. 7.
  13. ^ All'epoca dei Gonzaga alcune terre altomantovane erano designate col termine Nuovo Mantovano, ma esso comprendeva una realtà molto più vasta dell'attuale Alto Mantovano, in quanto si riferiva non solo a zone in precedenza bresciane, ma anche cremonesi, tuttora incluse nella diocesi di Cremona.
  14. ^ Lombardia Beni Culturali. Diocesi di Mantova. Sec. IX-1989., lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 22 settembre 2013.
  15. ^ In Mario Vaini, La società censitaria nel mantovano 1750-1866, Milano, Franco Angeli, 1992, pp. 19-20., l'Alto Mantovano è diviso in due zone di appartenenza: a parte Goito e Gazoldo che sono inseriti nella Media Pianura, comprendente anche Mantova, l'Altopiano tra Mincio e Oglio è composto da 11 comuni: Acquanegra, Asola, Canneto, Casalmoro, Casaloldo, Casalromano, Castel Goffredo, Ceresara, Mariana Mantovana, Piubega, Redondesco. L'Alto Mantovano nel senso più stretto comprende in questo caso solamente la zona collinare e pedecollinare, per un totale di 8 comuni: Castiglione delle Stiviere, Cavriana, Monzambano, Ponti sul Mincio, Solferino, Volta Mantovana, Medole e Guidizzolo. Cfr. Augusto Toffoli, La Provincia di Mantova oggi e nel passato, Canneto sull'Oglio, Unione Provinciale Artigiani Mantova, 2002, pp. 7-8. Tale sembra essere anche l'impostazione del volume: Piervittorio Rossi (a cura di), Ab aestivis. Primo contributo di arte e cultura dell'alto mantovano, Castiglione delle Stiviere, Biblioteca Comunale di Castiglione delle Stiviere–Sistema Bibliotecario Zonale, 1991.
  16. ^ Ottavio Lurati, I dialetti italiani. Storia struttura uso. Lombardia, Torino, 2002.
  17. ^ Mappe - Anfiteatro morenico Mantovano, Atlante domologico lombardo. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  18. ^ a b Lombardia, p. 494.
  19. ^ Mappe – Altopiano Mantovano, Atlante domologico lombardo. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  20. ^ Toffoli, pp. 7-8.
  21. ^ Lettura aggiornata del territorio e aspetti morfologici e di sistema, Ecomuseo. URL consultato l'11 agosto 2012.
  22. ^ I fiumi Oglio e Chiese, identità di un territorio, Ecomuseo delle Valli Oglio Chiese. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  23. ^ Provincia di Mantova. Repertorio dei siti archeologici. (PDF), provincia.mantova.it. URL consultato il 15 dicembre 2014.
  24. ^ a b c Natura e storia, Colline moreniche del Garda. URL consultato il 30 settembre 2012.
  25. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, pp. 39-40.
  26. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, pp. 5-7.
  27. ^ Corpus Inscriptionum Latinarum, cil.bbaw.de. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  28. ^ Elena Maria Menotti, Giallo archeologico, in Quadrante Padano 1, Mantova, giugno 2000, pp. 43-45.
  29. ^ Mariano Vignoli, Il capitello di Cunimondo, Ceresara, CSP, 2000.
  30. ^ Francesco Luigi Fè d'Ostiani, I conti rurali bresciani nel Medioevo, in Archivio storico lombardo, serie III, vol. XII, fasc. XXIII, Milano, 1899.
  31. ^ Toffoli, pagina 25.
  32. ^ Vaini, pp. 91-102.
  33. ^ Il marchesato poi ducato di Mantova, Istituzioni storiche, Lombardia Beni Culturali. URL consultato l'11 agosto 2011.
  34. ^ a b c Colline Moreniche. Storia., collinemoreniche.it. URL consultato il 14 giugno 2012.
  35. ^ Giusi Villari, La Serenissima al "soccorso" del Mantovano: apprestamenti difensivi lungo il confine bresciano (1628-30). In: Mariano Vignoli (a cura di), Castelli Guerre Assedi. Fortificazioni mantovane, bresciane e cremonesi alla prova del fuoco (XIII-XVIII secolo). Atti del Convegno di Studi. Asola (Mn), 22 settembre 2007, Mantova: Publi Paolini, 2008, pp. 83-100.
  36. ^ Giuseppe Amadei, Ercolano Marani (a cura di), Signorie padane dei Gonzaga, Mantova, Publi Paolini editore, 1982.
  37. ^ Mariano Vignoli, Communitas Publicae. Vicende storiche di Piubega e del suo territorio, Mantova, Comune di Piubega - Publi Paolini, 2003, pp. 52-64.
  38. ^ Andrea Pelizza, Gli assedi di Asola del 1483, 1509 e 1516 nella documentazione dell'Archivio di Stato di Venezia. In: Mariano Vignoli (a cura di), Castelli Guerre Assedi. Fortificazioni mantovane, bresciane e cremonesi alla prova del fuoco (XIII-XVIII secolo). Atti del Convegno di Studi. Asola (Mn), 22 settembre 2007, Mantova: Publi Paolini, 2008, pp. 165-201
  39. ^ Giusi Villari, La Serenissima al "soccorso" del Mantovano: apprestamenti difensivi lungo il confine bresciano (1628-30). In: Mariano Vignoli (a cura di), Castelli Guerre Assedi. Fortificazioni mantovane, bresciane e cremonesi alla prova del fuoco (XIII-XVIII secolo). Atti del Convegno di Studi. Asola (Mn), 22 settembre 2007, Mantova: Publi Paolini, 2008, pp. 84-85.
  40. ^ Il marchesato, poi ducato di Mantova (sec. XIV - 1530; 1530 - 1786), Lombardia Beni Culturali, 28 ottobre 2012.
  41. ^ La battaglia di Volta Mantovana, ottobre 1080, tra i vicini comuni cittadini di Brescia e Mantova e i signori-feudatari del contado – in particolare i cosiddetti conti rurali bresciani - per il possesso e il controllo del territorio, tra i comuni di Mantova, Brescia, Cremona e Verona per l'amministrazione del potere nelle campagne nel periodo di loro maggiore espansione, e durante il contrasto tra l'imperatore e la Lega Lombarda.
  42. ^ Territorio 1, Ecomuseo. URL consultato l'11 agosto 2012.
  43. ^ Giusi Villari, La Serenissima al "soccorso" del Mantovano: apprestamenti difensivi lungo il confine bresciano (1628-30). In: Mariano Vignoli (a cura di), Castelli Guerre Assedi. Fortificazioni mantovane, bresciane e cremonesi alla prova del fuoco (XIII-XVIII secolo). Atti del Convegno di Studi. Asola (Mn), 22 settembre 2007, Mantova: Publi Paolini, 2008, pp. 84-85, 91-99.
  44. ^ Francesca Fantini d'Onofrio, La guerra di successione spagnola a Mantova attraverso la corrispondenza ai Gonzaga da Mantova e Paesi (1701-1708), in Guerre stati e città, pp. 427-466.
  45. ^ Magda Dallapina, La guerra di successione spagnola nei paesi della Bassa attraverso una cronaca inedita, in Museo e territorio. La Bassa Orientale, n. 2 1981-1982, Museo civico Remedello, Remedello-Asola.
  46. ^ Gian Luigi Bassi (a cura di), 18º Thermidor an. 4.me. Bataille de Castiglione, Canneto sull'Oglio, Eurograf – Circolo Arci Dallò Castiglione, 1996.
  47. ^ Mino Milani, Le battaglie di Solferino e San Martino, Rudiano, GAM editrice – Associazione storica medolese, 2008.
  48. ^ Bruno Borghi, 24 giugno 1859: Solferino e San Martino. Le pietre raccontano la storia, Montichiari, Società Solferino e San Martino, 2008.
  49. ^ Mariano Vignoli (a cura di), Quanta schiera di gagliardi. Uomini e cose del Risorgimento nell'Alto Mantovano, Mantova, Città di Castel Goffredo, 2011.
  50. ^ Giovanni Telò, Chiesa e fascismo in una provincia rossa. Mantova 1919-1928, Mantova, 1987.
  51. ^ Giovanni Telò, Con la lucerna accesa. Vita e assassinio del maestro mantovano Anselmo Cessi (1877-1926), Mantova, 2000.
  52. ^ Lombardia, p. 544.
  53. ^ Lo stemma della Provincia (contenente i simboli di Mantova, Bozzolo e Castiglione delle Stiviere) riassume in sé l'unione di quelle tre aree raggiunta definitivamente nel XIX secolo, e fu adottato al posto del precedente, dietro pressione di casa Savoia, la quale poco gradiva l'aquila gonzaghesca, troppo simile a quella austriaca.
  54. ^ a b Il contesto sociale del comprensorio del progetto, agrocenturiato.it. URL consultato il 19 agosto 2012.
  55. ^ Il contesto sociale del territorio, agrocenturiato.it. URL consultato il 14 giugno 2012.
  56. ^ Comuni Italiani. Statistiche provincia di Mantova, comuni-italiani.it. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  57. ^ Ecomuseo., agrocenturiato.it. URL consultato il 14 giugno 2012.
  58. ^ PARLATE E DIALETTI DELLA LOMBARDIA, pp. 30-32: Dialetto di Crema (fenomeni fonetici).
  59. ^ Sala delle Assemblee dei Testimoni di Geova di Medole, cristianitestimonidigeova.net. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  60. ^ Rossi, p. 110.
  61. ^ Rossi, p. 48.
  62. ^ Roberto Brunelli, Diocesi di Mantova, Brescia, Editrice La Scuola, 1986, p. Inserto cartografico, s. p..
  63. ^ Le istituzioni storiche del territorio lombardo. Le istituzioni ecclesiastiche XIII-XX secolo, Diocesi di Mantova, lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 2 maggio 2012.
  64. ^ COLORNI 1959, pagg. 53-54. Cfr. anche MILANI 1977; GUERRINI 1918; GUERRINI 1922; GUERRINI 1940.
  65. ^ Renata Salvarani, Il contesto politico-religioso dell'Alto Mantovano fra Cinque e Seicento, in La basilica di S. Luigi Gonzaga e il museo aloisiano, Castiglione delle Stiviere, Editrice la Torre, 1991, pp. 17-42.
  66. ^ PIEVI DEL NORD ITALIA 2009, pp. 70-75
  67. ^ Storia della Diocesi di Mantova, diocesidimantova.it. URL consultato il 28 maggio 2012.
  68. ^ Brunelli, p. 172.
  69. ^ Brunelli, p. 200.
  70. ^ Toffoli, pp. 37-38.
  71. ^ Bonfiglio (2005), pagina 109.
  72. ^ Alberzoni, pagina 285.
  73. ^ AA. VV., I Disciplini. Ricerche sulle confraternite del Mantovano, Mantova, Gianluigi Arcari Editore, 1989.
  74. ^ AA. VV., Andrea Lui, A laude di Dio e della corte cellestiale: scuole e aggregazioni laicali ad Asola nell'età post-tridentina, in I secoli delle Confraternite, Asola, Parrocchia di Asola, 2002, pp. 37-67.
  75. ^ Andrea Lui, A laude di Dio e della corte cellestiale: scuole e aggregazioni laicali ad Asola nell'età post-tridentina, in I secoli delle Confraternite, p. 40.
  76. ^ Andrea Lui, A laude di Dio e della corte cellestiale: scuole e aggregazioni laicali ad Asola nell'età post-tridentina, in I secoli delle Confraternite, pp. 37-38.
  77. ^ Mario Trebeschi, Centenario di Brixia Sacra: fonti per la storia di Asola, atti del convegno di Asola., in Quaderni Asolani, Numero 1, gennaio-agosto 2011, pp. pagine 5-16.
  78. ^ Manlio Paganella, Cinzia, Olimpia e Gridonia Gonzaga. Profilo storico del Collegio delle Vergini di Gesù di Castiglione delle Stiviere, Castiglione d/S, Basilica santuario di S. Luigi Gonzaga di Castiglione d./S. – Cassa rurale ed artigiana di Castel Goffredo, 1994.
  79. ^ A. Turchini, G. Archetti, G. Donni (a cura di), Visita apostolica e decreti di S. Carlo Borromeo alla diocesi di Brescia, in Brixia sacra, s. 3, XI, fasc. 3, II. Bassa centrale e orientale, Brescia, 2006, pp. 197-414.
  80. ^ Patrimonio parrocchia Gazoldo, su Ecomuseo tra il Chiese, il Tartaro e l'Osone, 23 settembre 2012.
  81. ^ Emanuela Contessa, Matilde Monteverdi, I privilegi della chiesa di Asola, Asola, Lyons club Chiese mantovano.
  82. ^ Parrocchia dell'Assunzione della Beata Vergine Maria e Sant'Andrea apostolo, sec. XV - [1989], Lombardia beni culturali. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  83. ^ Parrocchie in Diocesi di Mantova, diocesidimantova.it. URL consultato il 7 luglio 2012.
  84. ^ Mauro Perani, Gli ebrei a Castel Goffredo, Firenze, 1998.
  85. ^ Ostiano, Ecomuseo delle Valli Oglio Chiese. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  86. ^ Percorsi ebraici nel Mantovano, Portale sul turismo a Mantova. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  87. ^ Andrea Lui, A laude di Dio e della corte cellestiale: scuole e aggregazioni laicali ad Asola nell'età post-tridentina, in I secoli delle Confraternite, p. 46.
  88. ^ Rossi, p. 90.
  89. ^ Calendario provinciale – Mantova, Altlante demologico lombardo. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  90. ^ Lombardia, pp. 575-579.
  91. ^ Francesco Bonfiglio, Notizie storiche di Castelgoffredo, Brescia, 1922.
  92. ^ a b c d Eventi e turismo, Ecomuseo Tra il Chiese, il Tartaro e l'Osone. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  93. ^ Lombardia, pp. 577-579.
  94. ^ Lombardia, pp. 576-579.
  95. ^ Presepio vivente di Piubega, presepiodipiubega.it. URL consultato il 22 novembre 2012.
  96. ^ Aggregazioni territoriali – Alto Mantovano, provincia.mantova.it. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  97. ^ Altri enti coinvolti: Provincia di Mantova, Provincia di Brescia, comuni di Carpenedolo, Desenzano del Garda, Lonato, Montichiari, Pozzolengo.
  98. ^ Aggregazioni Territoriali - Asolano, provincia.mantova.it. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  99. ^ Gal – Chi siamo, Gal Colline Moreniche del Garda, 14 novembre 2015.
  100. ^ GAL Oglio Po, galogliopo.it. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  101. ^ P. V. Rossi, Presentazione, in ROSSI 1991, p. 7.
  102. ^ Bande di Cavriana nuovo sito UNESCO, Portale sul turismo a Mantova. URL consultato il 9 settembre 2012.
  103. ^ Castellaro Lagusello nuovo sito UNESCO, Portale sul turismo a Mantova. URL consultato il 9 settembre 2012.
  104. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, pp. 15, 20.
  105. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, pp. 15, 29.
  106. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, p. 21.
  107. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, p. 16.
  108. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, p. 32.
  109. ^ Nene Nodari, pittrice anticonformista tra Chiarismo e astrazione, provincia.mantova.it. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  110. ^ Museo d'Arte Moderna dell'Alto Mantovano.
  111. ^ Elena Pontiggia, Il Chiarismo, Pioltello, 2006.
  112. ^ Il Paesaggio dell'Alto Mantovano: arte, identità e territorio, Portale sul turismo a Mantova. URL consultato il 6 maggio 2013.
  113. ^ Il paesaggio dell'Alto Mantovano, Casa del Mantegna, 15 febbraio 2016.
  114. ^ Sistema dei Musei Mantovani, turismo.mantova.it. URL consultato l'8 luglio 2012.
  115. ^ Museo del Risorgimento di Solferino e San Martino, turismo.mantova.it. URL consultato il 2 ottobre 2012.
  116. ^ MAM Museo d'Arte Moderna - Gazoldo degli Ippoliti, turismo.mantova.it. URL consultato il 14 novembre 2015.
  117. ^ Sistema Bibliotecario Ovest Mantovano, biblioteche.mn.it. URL consultato il 14 novembre 2015.
  118. ^ Lombardia, p. 602.
  119. ^ I Pastore a Castiglione delle Stiviere. Storia di una famiglia e di un palazzo, a cura di Piervittorio Rossi, Comune di Castiglione delle Siviere – Editoriale Sometti, Mantova, 1999.
  120. ^ Il sistema archivistico, Comune di Canneto sull'Oglio. URL consultato il 30 settembre 2012.
  121. ^ Associazione l'Aquila e il Leone, aquilaeleone.org. URL consultato il 5 luglio 2012.
  122. ^ Colline moreniche del Garda. Associazione per la promozione turistica, collinemoreniche.it. URL consultato il 2 maggio 2012.
  123. ^ Museo Arte Moderna – Gazoldo degli Ippoliti, postumia-mam.it. URL consultato il 21 maggio 2012.
  124. ^ Gruppo San Luca onlus, grupposanlucaonlus.it. URL consultato il 15 febbraio 2016.
  125. ^ MosaicoScienze, mosaicoscienze.com. URL consultato il 5 luglio 2012.
  126. ^ Rotary club Castiglione delle Siviere e Alto Mantovano, rotarycastiglionedellestiviere.it. URL consultato il 5 luglio 2012.
  127. ^ Società Solferino e S. Martino ente morale, solferinoesanmartino.it. URL consultato il 14 novembre 2015.
  128. ^ Gazzettino Nuovo e Temporadio, ilgazzettinonuovo.it. URL consultato il 22 agosto 2012.
  129. ^ Radio Alfa, radioalfanet.it. URL consultato il 22 agosto 2012.
  130. ^ Castiglione delle Stiviere, p. Curiosità e Gastronomia.
  131. ^ Bongiovanni da Cavriana, Enciclopedia Treccani. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  132. ^ La via carolingia, viacarolingia.it. URL consultato il 13 ottobre 2012.
  133. ^ Del viaggio fatto dalla marchesa Isabella d'Este Gonzaga a Cavriana e al lago di Garda nel 1535. Lettere descrittive di Marco Antonio Bendidio, Mantova, 1878, Verona, Comune di Cavriana, Ristampa 1995.
  134. ^ Massimo Marocchi, I Gonzaga di Castiglione delle Stiviere. Vicende pubbliche e private del casato di San Luigi, Verona, 1990.
  135. ^ Carlo Gozzi, Raccolta di documenti per la Storia di Castelgoffredo e biografia di que' principi Gonzaga che l'hanno governato personalmente (1840), Mantova, 2000.
  136. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, pagina 2.
  137. ^ Bonfiglio (2005), pagina 206.
  138. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, pagina 3.
  139. ^ NICOLINI 1984, pag. 19.
  140. ^ Ibidem; E. Mutti Ghisi, Cappellette, strade e canali, in MISURARE LA TERRA.
  141. ^ Massimo Marocchi, L'organizzazione della Corte di Castiglione, in Ab aestivis, pp. 81-116.
  142. ^ VIGNOLI-COBELLI 2010, passim.
  143. ^ NICOLINI 1984, p. 19.
  144. ^ Il territorio, Gal Colline Moreniche del Garda, 15 febbraio 2016.
  145. ^ Lombardia, p. 491.
  146. ^ Giovanni Rodella, Fortificazioni dello stato gonzaghesco e organizzazione dell'economia agricola nel XV secolo, in Guerre stati e città, pp. 157-172.
  147. ^ Storia e arte, Colline moreniche del Garda. URL consultato il 29 settembre 2012.
  148. ^ Lombardia, pp. 563-564.
  149. ^ Lombardia, pp. 570.
  150. ^ Museo archeologico dell'Alto Mantovano, p. 39.
  151. ^ Autobus APAM, apam.it. URL consultato il 6 luglio 2012.
  152. ^ Ciclovia Mantova-Peschiera, turismo.mantova.it. URL consultato il 14 settembre 2012.
  153. ^ In bicicletta: le colline Moreniche dell'Alto Mantovano, turismo.mantova.it. URL consultato il 24 settembre 2012.
  154. ^ Corridoio morenico alto, turismo.mantova.it. URL consultato il 24 settembre 2012.
  155. ^ Corridoio morenico basso, turismo.mantova.it. URL consultato il 24 settembre 2012.
  156. ^ Castiglione-Cavriana, turismo.mantova.it. URL consultato il 24 settembre 2012.
  157. ^ Proposta cicloturistica, Portale sul turismo a Mantova. URL consultato il 23 settembre 2012.
  158. ^ In bicicletta: Il Parco dell'Oglio Sud, turismo.mantova.it. URL consultato il 14 settembre 2012.
  159. ^ Torre d'Oglio - Marcaria - Canneto, turismo.mantova.it. URL consultato il 14 settembre 2012.
  160. ^ Sinistra Oglio, turismo.mantova.it. URL consultato il 14 settembre 2012.
  161. ^ Mantova in bici (PDF), turismo.mantova.it. URL consultato il 18 settembre 2012.
  162. ^ Mantova in bici (PDF), turismo.mantova.it. URL consultato il 18 settembre 2012.
  163. ^ Federazione Italiana Palla Tamburello.
  164. ^ Regione Lombardia. Sport e politiche per i giovani.
  165. ^ Gazzetta di Mantova. I Mondiali di tamburello tolgono i veli.

BibliografiaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Bibliografia sull'Alto Mantovano.
  • Maria Pia Alberzoni, Annamaria Ambrosini, Alfredo Lucioni (a cura di), Sulle tracce degli Umiliati, Crema, 1997. ISBN 88-343-0495-0.
  • Giuseppe Amadei, Ercolano Marani (a cura di), Signorie padane dei Gonzaga, Mantova, Publi Paolini editore, 1982. ISBN non esistente.
  • AA. VV., Lombardia. Introduzione a una didattica dei territori, III Province di Bergamo Brescia Cremona Mantova, Bergamo-Milano, Regione Lombardia-NEWS, 2005. ISBN non esistente.
  • Gian Luigi Bassi (a cura di), 18º Thermidor an. 4.me. Bataille de Castiglione, Canneto sull'Oglio, Eurograf – Circolo Arci Dallò Castiglione, 1996. ISBN non esistente.
  • Bruno Borghi, 24 giugno 1859: Solferino e San Martino. Le pietre raccontano la storia, Montichiari, Società Solferino e San Martino, 2008. ISBN non esistente.
  • Francesco Bonfiglio, Notizie storiche di Castelgoffredo, 2ª ed., Mantova, 2005. ISBN 88-7495-163-9.
  • Roberto Brunelli, Diocesi di Mantova, Brescia, Editrice La Scuola, 1986. ISBN non esistente.
  • Vittore Colorni, Il territorio mantovano nel Sacro Romano Impero. Periodo comitale e periodo comunale, Milano, Giuffè, 1959. ISBN non esistente.
  • Emanuela Contessa, Matilde Monteverdi, I privilegi della chiesa di Asola, Asola, Lyons club Chiese mantovano, 1999. ISBN non esistente.
  • Carlo Gozzi, Raccolta di documenti per la Storia di Castelgoffredo e biografia di que' principi Gonzaga che l'hanno governato personalmente (1840), Mantova, 2000. ISBN 88-88091-11-4.
  • Ottavio Lurati, I dialetti italiani. Storia struttura uso. Lombardia, Torino, 2002. ISBN non esistente.
  • Massimo Marocchi, I Gonzaga di Castiglione delle Stiviere. Vicende pubbliche e private del casato di San Luigi, Verona, 1990. ISBN non esistente.
  • Mino Milani, Le battaglie di Solferino e San Martino, Rudiano, GAM editrice – Associazione storica medolese, 2008. ISBN non esistente.
  • AA. VV., Museo Archeologico dell'Alto Mantovano - Cavriana. Guida, Brescia, 2006. ISBN non esistente.
  • Museo d'Arte Moderna dell'Alto Mantovano (a cura di), Nene Nodari, Mantova, 1986. ISBN non esistente.
  • Dino Nicolini, La corte rurale nel Mantovano, Milano, 1984. ISBN non esistente.
  • Manlio Paganella, Cinzia, Olimpia e Gridonia Gonzaga. Profilo storico del Collegio delle Vergini di Gesù di Castiglione delle Stiviere, Castiglione delle Stiviere, Basilica santuario di S. Luigi Gonzaga di Castiglione d./S. – Cassa rurale ed artigiana di Castel Goffredo, 1994. ISBN non esistente.
  • Elena Pontiggia, Il Chiarismo, Pioltello, 2006. ISBN non esistente.
  • Piervittorio Rossi (a cura di), Ab aestivis. Primo contributo di arte e cultura dell'alto mantovano, Castiglione delle Stiviere, Biblioteca Comunale di Castiglione delle Stiviere–Sistema Bibliotecario Zonale, 1991. ISBN non esistente.
  • Piervittorio Rossi, Tullio De Mauro, Parole castiglionesi. Osservazioni lessicali sul dialetto di Castiglione delle Stiviere, Castiglione delle Stiviere, Editrice Ecostampa, 2003. ISBN non esistente.
  • Renata Salvarani (a cura di), Pievi del Nord Italia. Cristianesimo, istituzioni, territorio, Verona, Banco Popolare-Gruppo bancario, Arsenale Editrice, 2009. ISBN non esistente.
  • Giovanni Telò, Chiesa e fascismo in una provincia rossa. Mantova 1919-1928, Mantova, 1987. ISBN non esistente.
  • Giovanni Telò, Con la lucerna accesa. Vita e assassinio del maestro mantovano Anselmo Cessi (1877-1926), Mantova, 2000. ISBN non esistente.
  • Augusto Toffoli, La Provincia di Mantova oggi e nel passato, Canneto sull'Oglio, Unione Provinciale Artigiani, 2002. ISBN non esistente.
  • A. Turchini, G. Archetti, G. Donni (a cura di), Visita apostolica e decreti di S. Carlo Borromeo alla diocesi di Brescia, in Brixia sacra, s. 3, XI, fasc. 3, II. Bassa centrale e orientale, Brescia, 2006, pp. 197-414. ISBN non esistente.
  • Mario Vaini, La spada e l'argento. I Gonzaga nel secolo XIV, Mantova, Arcari, 1988, pp. 91-102. In Carlo Marco Belfanti, Francesca Fantini D'Onofrio e Daniela Ferrari (a cura di), Guerre stati e città : Mantova e l'Italia padana dal secolo 13. al 19., atti delle Giornate di studio in omaggio ad Adele Bellù, Mantova 12-13 dicembre 1986, Arcari, 1988.
  • Mariano Vignoli, Communitas Publicae. Vicende storiche di Piubega e del suo territorio, Mantova, Comune di Piubega - Publi Paolini, 2003. ISBN non esistente.
  • Mariano Vignoli, Quanta schiera di gagliardi. Uomini e cose del Risorgimento nell'alto mantovano, 2ª ed., Mantova, 2011. ISBN non esistente.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 11 ottobre 2013 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Criteri di ammissione  ·  Voci in vetrina in altre lingue  ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki