Altstätten

comune svizzero

Altstätten (toponimo tedesco) è un comune svizzero di 11 358 abitanti del Canton San Gallo, nel distretto di Rheintal del quale è capoluogo; ha lo status di città.

Altstätten
città
Altstätten – Stemma
Altstätten – Veduta
Altstätten – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera della Svizzera Svizzera
Cantone San Gallo
DistrettoRheintal
Amministrazione
Lingue ufficialiTedesco
Territorio
Coordinate47°22′40″N 9°32′23″E
Altitudine465 m s.l.m.
Superficie39,11 km²
Abitanti11 358 (2015)
Densità290,41 ab./km²
FrazioniGätziberg, Hinterforst, Hueb-Hard, Kornberg, Lienz, Lüchingen, Warmesberg
Comuni confinantiEichberg, Feldkirch (AT-8), Gais (AR), Marbach, Oberegg (AI), Oberriet, Ruggell (FL), Rüte (AI), Rüthi, Sennwald, Trogen (AR)
Altre informazioni
Cod. postale9450, 9452, 9464
Prefisso071
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS3251
TargaSG
Nome abitantiAlstätter
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Altstätten
Altstätten
Altstätten – Mappa
Altstätten – Mappa
Sito istituzionale

Geografia fisica

modifica

Altstätten si trova all'incirca a metà strada tra il Lago di Costanza e Buchs, sul lato occidentale della Valle del Reno sangallese, nella Valle alpina del Reno. Il comune ha una superficie totale di 39,11 chilometri quadrati e confina con i due semicantoni dell'Appenzello, con lo Stato austriaco del Vorarlberg e con il Principato del Liechtenstein. Il comune si estende dal punto più basso della pianura del Reno (410 metri sul livello del mare) al punto più alto, a 1795 metri sul livello del mare. Il punto più alto è l'Hoher Kasten, una nota montagna panoramica della Svizzera orientale. La città stessa si trova proprio al passaggio dalla pianura del Reno (municipio: 462 metri sul livello del mare) alle pendici dell'Alpstein, una catena montuosa delle Alpi dell'Appenzello. La vista a est e a sud è libera verso la pianura del Reno alpino. A nord e a ovest, sono presenti le montagne delle Prealpi appenzellesi, Kamor, Fäneren, Hirschberg, Sommersberg, Landmarch e St. Anton. Al Ruppenpass si trova il confine tricantonale con i cantoni Appenzello Esterno e Appenzello Interno.

I reperti archeologici sparsi nel comune di Altstätten dimostrano la presenza precoce dell'uomo. Un'ascia in pietra e un'ascia forata del Neolitico (5500-2200 a.C. circa) sono i manufatti più antichi. Vi sono anche reperti ceramici della tarda età del bronzo, monete romane e armi alemanne del VI-VII secolo d.C.

La strada romana che proveniva dal Lago di Como via Coira si biforcava ad Altstätten. Un ramo proseguiva lungo il lato sinistro della valle alpina del Reno fino a Sankt Margrethen ("Ad Renum") sul Lago di Costanza. Un secondo ramo lasciava la valle alpina del Reno ad Altstätten e conduceva, attraverso San Gallo, ad Arbon ("Arbor felix").[1] Il toponimo, formato dai termini in lingua alto-tedesca antica alt e stat ("luogo, piazza"), potrebbe riferirsi a un insediamento già esistente al momento dell'immigrazione alemanna.

Medioevo

modifica

Al momento della prima menzione documentaria, nell'853 o 854, come villa nominata Altsteti, l'abbazia di San Gallo possedeva già vaste proprietà in Altstätten.[2] In seguito, l'abbazia costituì una tenuta padronale chiusa. I beni erano amministrati da magistrati della bassa nobiltà, che esercitavano anche una giurisdizione inferiore. Per proteggere il suo dominio dai conti di Montfort sulla riva destra del Reno, l'abate Berchtold von Falkenstein fortificò Altstätten con una cortina muraria, elevando così il villaggio al rango di città. Altstätten appare come oppidum (latino per "città") nel 1298. Poco dopo, i Meier e i nobili di Altstätten fecero costruire quattro castelli sopra la città. In uno di essi visse il menestrello cavaliere Konrad von Altstetten (1320 circa). Tre delle sue canzoni sono state inserite nel manoscritto di Manesse.

All'inizio del XV secolo, Altstätten fu coinvolta nelle guerre di Appenzello. Dopo la battaglia dello Stoss (1405), la città concluse un'alleanza con i vicini belligeranti, suscitando l'ira degli austriaci. Nel 1410, il duca Federico fece radere al suolo la città in una campagna di vendetta. Nei secoli successivi fu devastata da altri grandi incendi, tra cui quello del 1567, quando 175 edifici furono ridotti in macerie da un incendio doloso.

Fino alla caduta della Vecchia Confederazione (1798), Altstätten doveva servire due signori: l'abate di San Gallo come signore del maniero e il balivo imperiale, che originariamente deteneva la sovranità sulla contea della Valle del Reno per conto dell'imperatore. Dal 1490, i governanti furono i Sette Antichi Luoghi della Confederazione. La concessione dei diritti di mercato aveva un'importanza economica. La prima conferma dei diritti di mercato alla città si trova nel 1425. Allo stesso tempo, Altstätten acquisì importanza politica. I cittadini riuscirono a strappare all'abate notevoli diritti di autogoverno. A partire dal 1415, il consiglio comunale e il sindaco della città emersero come "terzo potere" accanto al sovrano e al proprietario.

Settecento

modifica

Nel XVIII secolo Altstätten conobbe un boom economico. Diverse famiglie iniziarono a promuovere la produzione di tessuti di seta e più tardi di cotone, che portarono a un vivace commercio. I Custer zur Prestegg con filiali a Erlangen e Lipsia, Lione, Tolosa e Marsiglia, i Custer am Markt (Reburg) in unione personale con la società commerciale Heer di Löwenhof Rheineck, i fratelli Städler zum Raben con una filiale a Barcellona e altre famiglie acquisirono in questo modo una solida ricchezza. La tessitura era fortemente rappresentata nella regione montana densamente popolata. Il gusto dei mercanti benestanti si rifletteva anche nel paesaggio urbano. È grazie a loro che furono costruiti numerosi edifici che ancora oggi caratterizzano il paesaggio urbano.

Ottocento

modifica

La vita economica ricevette un forte impulso dopo la costruzione della linea ferroviaria attraverso la valle del Reno (1858). Tuttavia, Altstätten dovette lottare duramente per la stazione ferroviaria, poiché gli abitanti di Oberriet volevano una linea ferroviaria da Au direttamente a Oberriet. Nello stesso anno fu aperto il primo ricamificio. Negli anni successivi l'industrializzazione si concentrò quasi esclusivamente sull'industria tessile, in particolare sul ricamo. Oltre alle fabbriche di ricamo vere e proprie, vennero create molte piccole imprese. La prosperità economica si riflette nella costruzione della tranvia della Valle del Reno (1897) e della ferrovia Altstätten-Gais. Si discusse a lungo anche del progetto di un collegamento ferroviario diretto con San Gallo attraverso il tunnel di Ruppen.

Novecento

modifica

Dopo la Prima guerra mondiale, l'industria del ricamo entrò in una grave crisi. Si riprese solo dopo la Seconda guerra mondiale, senza mai riacquistare l'importanza di un tempo. Le conseguenze negative si riflettono nelle statistiche demografiche. Solo negli anni 1950 la popolazione di Altstätten tornò al livello del 1919. La ripresa sperata arrivò solo con il boom economico degli anni 1960.

Freihof-Rathaus

modifica
 
Chiesa cattolica di San Nicola ad Altstätten, costruita nel 1794-98 dal capomastro di Altstätten Johann Jakob Haltiner in stile tardo barocco. La chiesa fu utilizzata in egual misura dalle parrocchie cattolica e protestante della città fino al 1906.

Per rendere più attraente il centro storico di Altstätten, la città di Altstätten ha portato avanti dal 2004 il progetto Freihof-Rathaus, che prevedeva di adattare il percorso del traffico intorno al centro storico con una nuova rotatoria, un nuovo municipio e un centro per la vita, lo shopping e un parcheggio. Nella primavera del 2013 è iniziata la costruzione del nuovo parcheggio sotterraneo con 200 posti auto, del centro commerciale e del nuovo municipio.[3]

Simboli

modifica

L'orso che cammina nello stemma di Altstätt indica il legame con l'Abbazia di San Gallo, il cui stemma raffigura anch'esso un orso. Questa rappresentazione animale è stata ispirata dalla leggenda di San Gallo. Un documento del 1473 mostra l'origine e il significato della stella rossa a cinque punte sopra l'orso. Essa proviene dall'impero e identifica gli abitanti di Altstätt come membri del baliato imperiale.

Monumenti e luoghi d'interesse

modifica

Il centro storico è costituito essenzialmente da quattro strade: Obergasse; Marktgasse con un porticato, Engelgasse e Pfluggasse. La maggior parte degli edifici risale al XVI secolo, quando l'intera città fu ricostruita dopo l'incendio del 1567. La seconda metà del XVIII secolo fu particolarmente influente, quando i signori mercanti costruirono i loro edifici simili a castelli all'interno delle ex mura cittadine. In questo periodo fu costruita anche la chiesa cattolica (allora parrocchiale). Allora la città si espanse anche al di fuori delle mura cittadine. Si sono conservate parte delle mura e una porta della città.

Infrastrutture e trasporti

modifica

Altstätten è servito dall'omonima stazione sulla ferrovia Coira-Rorschach. Il comune è servito anche dalla ferrovia Altstätten-Gais, che fa capolinea alla stazione di Altstätten Stadt e comprende anche le stazioni di Alter Zoll, Warmesberg e Kreuzstrasse, le quali sono situate nel territorio comunale di Altstätten.

  1. ^ Johannes Freutsmiedl: «Römische Strassen der Tabula Peutingeriana in Noricum und Rätien», Verlag Dr. Faustus, Büchenbach 2005, ISBN 978-3-933474-36-0, S. 172–179.
  2. ^ e-chartae, su www.e-chartae.ch. URL consultato il 31 maggio 2024.
  3. ^ Altstätten - die Stadt im St. Galler Rheintal: Neuigkeiten, su web.archive.org, 19 gennaio 2015. URL consultato il 31 maggio 2024 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2015).

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN137292431 · LCCN (ENn86126456 · GND (DE4202774-3 · J9U (ENHE987007564837505171
  Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera