Amanda Donohoe

attrice britannica

Amanda Donohoe (Londra, 29 giugno 1962) è un'attrice britannica.

Amanda Donohoe nel 1991

BiografiaModifica

Amanda lasciò casa all'età di sedici anni per entrare nella Central School for Speech and Drama. Sul finire degli anni ottanta si trasferì a Los Angeles per espandere la sua carriera.

Nel 1986 divenne famosa in tutto il mondo recitando nel film Castaway, la ragazza Venerdì accanto all'attore Oliver Reed. Amanda divenne così in breve una star recitando sia al cinema e alla tv.

Nel febbraio del 1991 prese parte al primo bacio lesbico della televisione statunitense quando il suo personaggio nella serie televisiva Avvocati a Los Angeles bacia una collega interpretata da Michelle Green. Per la sua interpretazione nella serie ha vinto, nel 1992, un Golden Globe nella categoria migliore attrice non protagonista in una serie, mini-serie o film per la televisione.

Specializzata in ruoli non tradizionali, fu oggetto di controversia una sua scena del film La tana del serpente bianco (1988), in cui il personaggio da lei interpretato sputa veleno su un crocifisso. Intervistata al riguardo, la Donohoe disse: «Sono atea, quindi è stato un piacere. Sputare su Cristo è stato così divertente. Non seguirò mai un dio che ha represso la sessualità femminile per secoli, soprattutto perché questa repressione continua tutt'oggi»[1].

Nel 1996 interpretò il ruolo di Meggie Cleary O'Neill nel film tv Uccelli di rovo - Gli anni mancanti, seguito della miniserie Uccelli di rovo nella quale il ruolo di Meggie era interpretato da Rachel Ward.

Nella primavera del 2001 ha rimpiazzato Jerry Hall nel ruolo di Mrs. Robinson in uno stage londinese.

Amanda Donohoe, oltre ad essere atea, è anche una convinta femminista di fede socialista.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Celebrity Atheists List: Amanda Donohoe, in CelebAtheists.com, 29 marzo 2005. URL consultato il 7/2/2008 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2007).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN49423345 · ISNI (EN0000 0000 7840 6669 · LCCN (ENn92053095 · GND (DE129584886 · BNF (FRcb140360552 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n92053095