Apri il menu principale
Ambient techno
Origini stilistiche Musica d'ambiente, techno
Origini culturali anni novanta, Europa
Strumenti tipici Drum machine, sintetizzatore
Popolarità bassa
Generi correlati
Chillout, IDM
Categorie correlate

Gruppi musicali ambient techno · Musicisti ambient techno · Album ambient techno · EP ambient techno · Singoli ambient techno · Album video ambient techno

Per ambient techno (anche nota come intelligent techno)[1] si intende uno stile musicale nato negli anni novanta e in Europa. Esso incrocia le sonorità pacate della musica ambient alle melodie e i ritmi della techno e dell'electro.[1]

CaratteristicheModifica

Definita dal critico Simon Reynolds come un "genere post-rave",[2] l'ambient techno si è distinta dalla musica dei rave, decisamente più mirata al ballo, e si è fatta notare come "musica elettronica da ascolto".[2] Secondo Reynolds:[2]

«Con i suoi campionamenti di canti di uccelli e di acqua gocciolante, l'ambient techno è un aggiornamento della musica a programma del diciottesimo secolo - la Sinfonia pastorale che imita la natura così come il misticismo acquatico e gli idilli della foresta di Claude Debussy quali La mer, Jardins sous la pluie e il Prélude à l'après-midi d'un faune

Gli artisti che la suonano adottano apparecchiature un tempo adoperate per suonare Detroit techno e Chicago house quali sintetizzatori analogici, drum machine Roland 303 e TR-909.[1]

I musicisti che hanno inaugurato lo stile includono B12, Aphex Twin, The Black Dog, Higher Intelligence Agency e Biosphere.[1] Altri esponenti che vengono associati al genere includono Gas,[3] e The Sight Below, rispettivamente i progetti di Wolfgang Voigt e Rafael Anton Irisarri.

Fra le etichette discografiche associate all'ambient techno vi sono la Warp Records, la Apollo, la GRP e la Beyond,[1] mentre un'importante antologia che contribuì alla diffusione dello stile è Artificial Intelligence, pubblicata dalla Warp nel 1992.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e (EN) Ambient techno, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ a b c d (EN) Simon Reynolds, Energy Flash: A Journey Through Rave Music and Dance Culture, Soft Skull, 2012, pp. 156-7.
  3. ^ (EN) Joanna Demers, Listening through the Noise: The Aesthetics of Experimental Electronic Music, Oxford University, 2010, p. 98.
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica