Apri il menu principale

Ambrogio Soldani

abate e naturalista italiano

BiografiaModifica

Fu un religioso dell'ordine dei Camaldolesi ma è ricordato soprattutto come naturalista e matematico. Prese i voti il 15 dicembre 1752, in seguito divenne abate e nel novembre 1803 fu nominato Generale dei Camaldolesi. Nel 1780 fu trasferito al convento di Santa Mustiola a Siena. Morì a Firenze nel convento di Santa Maria degli Angeli.

Attività scientificaModifica

Considerato insieme a Jacopo Bartolomeo Beccari il padre della micropaleontologia, ossia di quel ramo della paleontologia che studia i microfossili, come i protozoi, Soldani nel 1780 pubblicò a Siena la prima opera dedicata ai microfossili, il Saggio Orittografico, ovvero osservazioni sopra le terre nautiliche ed ammonitiche della Toscana, dedicato al Granduca di Toscana Pietro Leopoldo. Dopo 41 anni dedicati alla raccolta e allo studio di sedimenti provenienti da località prevalentemente toscane, Soldani pubblicò la monumentale Testaceographiae ac Zoophytographiae parvae et microscopicae. Fu Segretario dell'Accademia dei Fisiocritici che conserva la sua collezione di fossili micropaleontologica. Fu socio corrispondente dell'Accademia delle Scienze di Torino[1].

Nel 1794 scrisse un libretto, "Sopra una Pioggietta di sassi accaduta nella sera de' 16 giugno, 1794, in Lucignano d'Asso nel Territorio sanese", sulla caduta della meteorite di Siena avvenuta il 16 giugno 1794, purtroppo la pubblicazione nello stesso anno di un altro libretto, "Über den Ursprung der von Pallas gefundenen und anderer ihr ähnlicher Eisenmassen und über einige damit in Verbindung stehende Naturerscheinungen" (Sull'origine del ferro di Pallas e di altri similari e su alcuni fenomeni naturali associati), scritto dal fisico tedesco Ernst Chladni tolse il dovuto risalto all'opera di Soldani.

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN168985091 · ISNI (EN0000 0001 1804 2039 · SBN IT\ICCU\GEAV\022260 · LCCN (ENno2018153311 · GND (DE11763753X · BAV ADV11246154 · CERL cnp01089903 · WorldCat Identities (ENno2018-153311