Apri il menu principale
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Amebiasi
Specialitàinfettivologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHD000562
MedlinePlus000298
eMedicine212029 e 996092

Con il termine amebiasi si indicano tutte le principali sindromi dovute a infezione da Entamoeba histolytica.[1] I disturbi più frequenti sono rettocolite o dissenteria amebica, amebiasi epatica o intestinale cronica. Il focolaio può interessare anche cuore, peritoneo o polmoni.

Indice

EziologiaModifica

Oltre alla più diffusa, la Entamoeba histolytica esistono anche altri parassiti responsabili come Entamoeba dispar.

EpidemiologiaModifica

Studi hanno stimato una popolazione infetta di circa 500 milioni di persone nel mondo, ma di esse solo una piccola parte, intorno al 10% mostra segni riconoscibili. La malattia risulta più diffusa in determinate popolazioni del nord Africa, del Medio Oriente e del Centro-Sud America, si sono registrati numerosi casi anche in paesi industrializzati come USA e Giappone, in Italia i casi sono sporadici e in persone con passato di turismo nelle zone endemiche.[2]

SintomatologiaModifica

I sintomi e i segni clinici mostrano anoressia, nausea, vomito, diarrea, colite, peritonite, ma capita anche che le persone non mostrino alcun sintomo.[3] o che il sintomo sia rappresentato soltanto da una possente orticaria.

Manifestazioni clinicheModifica

Oltre ai sintomi base, si sono evidenziate diverse forme cliniche:

  • Amebiasi intestinale acuta, la forma più comune, la cui diffusione è condizionata dalle difese immunitarie del soggetto, ed è quindi più facilmente trasmissibile in bambini, in persone con malnutrizione, donne gravide e turisti occasionali
  • Colite amebica fulminante
  • Colite amebica cronica
  • Ameboma, una delle forme più rare
  • Amebiasi extraintestinale

PatogenesiModifica

La forma di infezione avviene quando il parassita penetra nell'organismo tramite ingestione di cibi o acqua infetti.

EsamiModifica

Per i vari sintomi espressi si potrebbe incorrere in una falsa diagnosi, ad esempio i tratti patologici ricordano la sindrome del colon irritabile, ma anche la diverticolite, la schistosomiasi, salmonellosi e la colite ulcerosa. Sono varie le metodiche per effettuare una diagnosi della malattia, la migliore rimane l'esame copromicroscopico usato con la tecnica di Ritchie,[4] altri esami sono:

  • Coprocoltura specifica
  • Endoscopia
  • Indagini sierologiche
  • Ecotomografia
  • Proctoscopia, dove si evincono lesioni mucose
  • Fra i test utilizzati ELISA e l'emoagglutinazione indiretta forniscono i migliori risultati

TerapiaModifica

Come trattamento farmacologico si somministrano particolari amebicidi:

  • Diloxanide furoato, 500 mg (3 volte al giorno per 10 giorni)
  • Metronidazolo, forma amebiasi extraintestinale 400-800 mg ( 3 volte al giorno per 5 massimo 10 giorni), forma Amebiasi intestinale acuta 800 (3 volte al giorno per 5 giorni)[5]
  • Tinidazolo 2 g (una volte al giorno, periodo massimo 5 giorni)

Inoltre vi sono terapie di supporto e occorre la reidratazione dei liquidi, da notare che per Entamoeba dispar non occorre alcuna terapia[6]

Il carbarsone, conosciuto anche come acido p-carbaminofenilarsinico è un preparato organico di arsenico pentavalente, usato nelle infezioni protozoarie, come appunto l'amebiasi.

NoteModifica

  1. ^ Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine pag 30, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  2. ^ Claudio Genchi, Pozio Edoardo, Parassitologia generale e umana, 13ª edizione pag 200, Milano, Ambrosiana, 2004, ISBN 88-408-1269-5.
  3. ^ Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione pag 55, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.
  4. ^ Claudio Genchi, Pozio Edoardo, Parassitologia generale e umana, 13ª edizione pag 203, Milano, Ambrosiana, 2004, ISBN 88-408-1269-5.
  5. ^ British national formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione pag 301, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.
  6. ^ Research Laboratories Merck, The Merck Manual quinta edizione pag 1654, Milano, Springer-Verlag, 2008, ISBN 978-88-470-0707-9.

BibliografiaModifica

  • Gaetano Filice, Malattie infettive, 2ª edizione, Milano, McGraw-Hill, 1998, ISBN 88-386-2362-7.
  • Claudio Genchi, Pozio Edoardo, Parassitologia generale e umana, 13ª edizione, Milano, Ambrosiana, 2004, ISBN 88-408-1269-5.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4142237-5
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina