Amendola (metropolitana di Milano)

stazione della metropolitana di Milano
Logo Metropolitane Italia.svg Amendola
Amendola Fiera
Milano staz metropolitana Amendola scale Fiera.JPG
Stazione della metropolitana di Milano
Gestore ATM
Inaugurazione 1964
Stato in uso
Linea Milano linea M1.svg
Localizzazione piazza Amendola, Milano
Tipologia stazione sotterranea, passante
Dintorni Fieramilanocity, CityLife
Mappa di localizzazione: Milano
Amendola
Amendola
Metropolitane del mondo

Coordinate: 45°28′24.2″N 9°09′03.56″E / 45.473389°N 9.150989°E45.473389; 9.150989

La stazione di Amendola è una stazione della linea M1 della metropolitana di Milano.

Il mezzanino
Particolare del mezzanino, si notano i vecchi cartelli che indicavano la direzione per la Fiera Campionaria
Banchina della stazione

Si tratta di una stazione sotterranea, posta sotto piazza Giovanni Amendola.

StoriaModifica

La stazione di Amendola fu costruita come parte della prima tratta (da Sesto Marelli a Lotto) della linea 1 della metropolitana[1].

Essa fu aperta al pubblico per la prima volta durante la Fiera di Milano del 1963: ai visitatori venivano mostrate le strutture della stazione e i due convogli che erano in sosta sui binari[2].

La stazione entrò in servizio insieme al resto della tratta, il 1º novembre 1964[3].

Nelle prime versioni del progetto la denominazione della stazione era Fiera[1], a causa della sua vicinanza all'allora fiera di Milano, chiusa agli inizi del XXI secolo. Negli anni a seguire, ha ricevuto altre denominazioni. Dalla dicitura originale "Fiera", in fase di apertura venne denominata "Amendola-Fiera"[4], poi "Amendola Fieramilanocity"[5], ed infine, solo "Amendola".

 
La banchina come si presentava negli anni 60'

Strutture e impiantiModifica

Si tratta di una stazione sotterranea a due binari, uno per ogni senso di marcia, serviti da due banchine laterali.

Venne costruito un ampio mezzanino con copertura trasparente[6], per consentire il deflusso delle folle di visitatori diretti alla fiera.

Per questo motivo, la stazione di Amendola ha ottenuto, insieme con la stazione di Caiazzo, la qualifica di bene architettonico tutelato dalla Soprintendenza, in quanto esempio di architettura e design moderno.[7]

La stazione di Amendola dista 746 metri dalla stazione di Lotto e 502 metri da quella di Buonarroti[8].

ServiziModifica

La stazione dispone di:

  •   Biglietteria automatica
  •   Bar
  •   Servizi igienici

InterscambiModifica

Nelle vicinanze della stazione effettuano fermata alcune linee urbane automobilistiche, gestite da ATM.

  •   Fermata autobus

CuriositàModifica

Nel film I fichissimi di Carlo Vanzina del 1981, la seconda delle varie scene ambientate in metropolitana, è ambientata proprio nel piano binario di questa fermata.

NoteModifica

  1. ^ a b Alferini, Cirenei, op. cit., p. 588
  2. ^ G. Mannino Patanè, Mezzi di trasporto e accessori alla 41ª Fiera di Milano, in "Ingegneria Ferroviaria", anno XVIII, n. 4 (aprile 1963), pp. 415-416
  3. ^ Meregalli, op. cit., p. 469
  4. ^ Stazione di Amendola Fiera della linea M1 della metropolitana di Milano, su archiviostorico.fondazionefiera.it. URL consultato il 6 marzo 2021.
  5. ^ Fiera Milano City, su residencelepontina.it. URL consultato il 6 marzo 2021.
  6. ^ Guido Pugliese, La tipologia delle stazioni dalla linea 1 alla linea 3, in "TT Tecnologia Territorio", anno 1 n. 1 (1985), p. 30
  7. ^ in A. Stella, "Vincolo su due stazioni del metrò "Monumenti al design anni Sessanta", Corriere della Sera 3 luglio 2008
  8. ^ Alferini, Cirenei, op. cit., pp. 600-601

BibliografiaModifica

  • Giovanni Alferini, Matteo Cirenei, L'attivazione della linea 1 della metropolitana di Milano, in "Ingegneria Ferroviaria", luglio-agosto 1964, pp. 587-613.
  • Giorgio Meregalli, Gli impianti ferroviari della linea 2 della Metropolitana di Milano, in "Ingegneria Ferroviaria", maggio 1971, pp. 469-492.

Altri progettiModifica

Capolinea Fermata precedente   Fermata successiva Capolinea
Sesto 1º Maggio FS   Buonarroti   Amendola   Lotto   Rho Fieramilano