Apri il menu principale

Amenukal dei Kel Adagh

lista degli amenukal dei Kel Adagh

Lista degli amenukal dei Kel Adagh (Adrar degli Ifoghas) (della tribù nobile dei Kel Afella "Quelli del Nord").

A differenza degli amenukal dell'Ahaggar e di altre tribù tuareg, in questa tribù la matrilinearità non è la norma, e un amenukal di solito è figlio del precedente amenukal.

Secondo varie tradizioni la lista di amenukal parte da Mohammed Aïtta, che sarebbe stato di origine "sceriffale", cioè un discendente del Profeta.

  • Mohammed Aïtta (epoca imprecisata)
  • Abdu Salam (epoca imprecisata)
  • Idda (epoca imprecisata)
  • Didda (epoca imprecisata)
  • Elkhassan (epoca imprecisata)
  • Malik (epoca imprecisata)
  • Sid Ormar ag Malik (epoca imprecisata)
  • Deffa (nipote di Sid Ormar - epoca imprecisata)
  • Khammadin (m. circa 1880)
  • Illi (circa 1880-1908)
  • Safikhun (fratello minore del precedente 1908-1912)
  • Mohammed wan Ferzu (1912-1913)
  • Attaher ag Illi (1913-1914)
  • Elfakri ag Illi (fratello maggiore del precedente 1914-1915)
  • Attaher ag Illi (1915-1962)
  • Intalla ag Attaher (1962-2014[1])
  • Mohamed Ag Intalla (figlio del precedente 2014- in carica)

Da tempo, soprattutto dopo l'indipendenza e l'integrazione nello stato del Mali, la carica è sostanzialmente solo onorifica, ma i tuareg mantengono in considerazione il loro amenukal, che al marzo 2006 risultava anziano e malato, in cura presso un ospedale parigino, ma che è stato ancora attivo durante la ribellione dell'Azawad del 2012, aderendo dapprima al MNLA e poi al HCUA, da lui presieduto e diretto dal figlio, Alghabass Ag Intalla.

NoteModifica

  1. ^ Mali: le chef traditionnel des Ifoghas, Intallah ag Attaher, est décédé ce soir à Kidal à l’âge de 87 ans, RFI, 18/12/14. URL consultato il 19 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2014).

BibliografiaModifica

Pierre Boilley, Les Touaregs Kel Adagh. Dépendances et révoltes: du Soudan français au Mali contemporain, Paris, Karthala, 1999 ISBN 2-86537-872-1

Voci correlateModifica