Amore rosso - Marianna Sirca

film del 1952 diretto da Aldo Vergano
Amore rosso - Marianna Sirca
Guido Celano e Marina Berti (Amore Rosso).png
Guido Celano e Marina Berti in una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1952
Durata98 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico, sentimentale, poliziesco
RegiaAldo Vergano
SoggettoGrazia Deledda
SceneggiaturaAlberto Vecchietti, Giuseppe Mangione, Carlo Musso, Giorgio Pàstina
ProduttoreRaffaele Calamonici e Umberto Montesi
Casa di produzioneC.M Film
Distribuzione in italianoIndipendenti Regionali
FotografiaBitto Albertini, Carlo Bellero
MontaggioElena Zanoli
MusicheFranco Casavola
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Amore rosso - Marianna Sirca è un film del 1952 diretto da Aldo Vergano ed è una libera riduzione dal romanzo Marianna Sirca di Grazia Deledda.

TramaModifica

Marianna ha ereditato dallo zio vaste possessioni. Un giorno, mentre va verso la masseria, viene assalita da Bantine Fera e dai suoi banditi che vorrebbero ricattarla. La salva un altro bandito, Simone Sole, ex servo dello zio di Marianna e amico d'infanzia. Rientrata a casa trova suo cugino Sebastiano, rientrato dal continente, che ha intenzione di sposarla per riassestare il suo patrimonio ormai dilapidato. Ma l'incontro con il bandito Simone riaccende una fiamma in Marianna, che farà sfumare i piani di Sebastiano, appoggiati dal padre di lei. Marianna e Simone si separano e non si vedono per un po' finché lei, andata a pregare al santuario di Onnu, lo rivede. Ma Simone è subito costretto a fuggire, braccato dai Carabinieri chiamati da Sebastiano. La notte Simone si reca da Marianna e le giura di costituirsi per espiare alle proprie colpe e poterla finalmente sposare. Ma Sebastiano quella sera stessa, per affossare il rivale, uccide la serva di Marianna facendo in modo che i sospetti si concentrino su Simone, che infatti venne accusato di omicidio. L'amico bandito, Bantine Fera, salva Simone dalla cattura, dandogli la possibilità di rifugiarsi in montagna. Simone e Marianna tentano allora di espatriare, ma Sebastiano, capiti i loro piani, li segue e ferisce mortalmente Simone e gravemente Marianna. Lei infine uccide Sebastiano per accasciarsi senza vita poi al lato dell'amato Simone.

Differenze col romanzoModifica

Il film presenta notevoli differenze col romanzo sotto ogni punto di vista. Difatti il film è tratto molto liberamente dal romanzo di Grazia Deledda. Il regista Aldo Vergano nella sua pellicola sceglie di dare più spazio a una truce rappresentazione dei banditi sardi e a una melodrammatica storia d'amore finita in carneficina con la morte anche dei protagonisti.[1]. Si ha quindi una completa snaturalizzazione del romanzo della Deledda, dove la meticolosa descrizione del paesaggio e dell'ambiente sardo è trattata in modo sobrio e la delicata ma infelice storia d'amore della Deledda va a finire in un finale ad ecatombe.

CriticaModifica

"Con la sobrietà nella descrizione ambientale e paesistica contrasta quindi una ricerca di effetti patetico-truculenti, culminanti in quel finale ad ecatombe, il quale fa rimpiangere la quieta malinconia che adombrava la chiusa del romanzo." (G.C. Castello, "Cinema", 105, 11/07/1953) Il film nel complesso non avrà molto successo e verrà praticamente snobbato da critica e pubblico.

DistribuzioneModifica

Il film avrà una distribuzione prevalentemente regionale, senza riscuotere particolare successo.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Voci correlateModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema