Apri il menu principale

BiografiaModifica

Quarto di dodici fratelli, è cresciuto e ha trascorso gli anni della sua infanzia a Netanya.
Si è laureato in Economia presso l'Università di Tel Aviv. Ha prestato servizio come capitano d'artiglieria nell'esercito israeliano durante la guerra del Libano del 1982.

La carriera in breve
  • 1989-1992: Vice Presidente Edunetics
  • 1995-1996: CEO Edunetics
  • 1999-2014: CEO GVT.
  • 2014-2017: CEO Telefonica Brasil.
  • 2017-2017: Chief Convergence Officer Vivendi
  • Luglio 2017 - settembre 2017: Direttore Operativo Telecom Italia
  • 28 settembre 2017 - 13 novembre 2018: Amministratore delegato Telecom Italia

Inizi della carrieraModifica

Rientrato nel rango civile, incomincia a lavorare per la società di contabilità Somekh-Chaikin (ora parte della KPMG International)[2]. Successivamente entra con il ruolo di Vice Presidente nella giovane società Edunetics. Guida, assieme al CEO, la quotazione al Nasdaq della società nel 1992 e in seguito subentra al suo predecessore come amministratore delegato fino al 1996[3].

Esperienze professionali in BrasileModifica

Dopo un breve ritorno in Israele, si sposta in Brasile e fonda nel 1998[4], assieme all’imprenditore Joshua Levinberg (conosciuto durante il periodo negli Stati Uniti) la società «Global Village Telecom» (GVT): una start-up nel culmine della new economy che diventa in pochi anni il principale operatore brasiliano nel campo della banda ultralarga[5]. La GVT viene ceduta per 4,2 miliardi di dollari alla francese Vivendi, interessata alla fibra ottica[6]. Durante gli anni del controllo della società francese Genish mantiene il ruolo di CEO. Nel settembre 2014 le quote di GVT vengono cedute a Telefonica per un valore di 9,3 miliardi di dollari[7]. In seguito alla formalizzazione dell’accordo, Genish assume il ruolo di CEO di Telefonica Brasil[8], carica che mantiene fino al 1 gennaio 2017[9]. Il 5 gennaio 2017 viene nominato Chief Convergence Officer di Vivendi[10]. Dal giugno 2011 al 28 giugno 2012 Genish è stato un componente del consiglio di amministrazione di Vivendi.

Arrivo in ItaliaModifica

A luglio 2017, dopo le dimissioni di Flavio Cattaneo da amministratore delegato, viene nominato direttore operativo di Telecom Italia[11]. Assume la carica di Amministratore Delegato il 28 settembre 2017[12].

Sotto la sua guida, il CdA di TIM approva il 6 marzo del 2018 DigiTIM, il piano triennale strategico 2018-2020 finalizzato alla trasformazione digitale[13].

Il 13 novembre 2018 viene sfiduciato dal cda dalla carica di Amministratore delegato di Telecom Italia[14].

RiconoscimentiModifica

Nel novembre del 2016 Genish viene nominato, da un panel di importanti talent-scout brasiliani, miglior CEO dell’anno[15].

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica