Apri il menu principale

Amos Mariani

allenatore di calcio e calciatore italiano
Amos Mariani
Amos Mariani.jpg
Mariani al Milan
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1963 - giocatore
198? - allenatore
Carriera
Giovanili
Montecatini
Squadre di club1
1947-1949 Empoli 22 (1)
1949-1950 Juventus 1 (0)
1950-1951 Atalanta 26 (3)
1951-1952 Udinese 36 (1)
1952-1955 Fiorentina 85 (15)
1955-1958 Milan 82 (14)
1958-1959 Padova 31 (9)
1959-1961 Lazio 44 (2)
1961-1963 Napoli 29 (6)
Nazionale
1952-1959 Italia Italia 4 (2)
Carriera da allenatore
1968-1969 Sorso [1]
1970-1971 Pro Vasto [2]
1972-1973 Montebelluna [3]
1975 Torres
1977-1978 Ethnikos Pireo
1979-1980 Montecatini
1980-1981 Lecco
1982-1983 Lucchese [4]
19??-19?? Alghero
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Amos Mariani (Montecatini Terme, 30 marzo 1931Montecatini Terme, 20 febbraio 2007[5]) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Morì nel 2007, a 75 anni.[5][6]

Caratteristiche tecnicheModifica

Giocava come ala.[7][8]

CarrieraModifica

ClubModifica

 
Mariani (in piedi, primo da destra) nella formazione del Milan vincitore della Coppa Latina 1956

Veloce ed abile nel cross[9], crebbe nel Montecatini per esordire in seguito, appena diciassettenne, in Serie B con la maglia dell'Empoli, nel 1948; l'anno successivo fu acquistato dalla Juventus, che lo fece esordire in Serie A il 16 ottobre 1949, a Bergamo contro l'Atalanta; fu proprio ai nerazzurri che il club torinese cedette Mariani al termine del vittorioso campionato 1949-50.

Passò poi all'Udinese e nell'estate del 1952 fu convocato in Nazionale dal commissario tecnico Meazza in occasione della spedizione Olimpica di Helsinki; fece il suo esordio nella gara vinta per 8-0 dagli azzurri contro gli Stati Uniti, il 16 luglio, segnando un gol. Visse poi l'apice della sua carriera nelle file di Fiorentina e Milan; con i rossoneri vinse lo scudetto al termine della stagione 1956-57.

Successivamente vestì le maglie di Padova, Lazio e Napoli, con cui vinse una Coppa Italia nel 1961-62 e di cui divenne capitano nella stagione 1962-1963[10].

NazionaleModifica

Il 6 maggio 1959, a Wembley, segnò il secondo e ultimo gol in Nazionale all'Inghilterra.[5]

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16-7-1952 Tampere Stati Uniti   0 – 8   Italia Olimpiadi 1952 1
21-7-1952 Helsinki Ungheria   3 – 0   Italia Olimpiadi 1952 -
6-5-1959 Londra Inghilterra   2 – 2   Italia Amichevole 1
1-11-1959 Praga Cecoslovacchia   2 – 1   Italia Coppa Internazionale -
Totale Presenze 4 Reti 2

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Juventus: 1949-1950
Milan: 1956-1957
Napoli: 1961-1962

Competizioni internazionaliModifica

Milan: 1956

NoteModifica

  1. ^ Serie D: i quadri del Girone F, da Corriere dello Sport, 219 (IL), 21 settembre 1968, p. 10
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, pag. 296
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1973, edizioni Panini, pag. 312
  4. ^ Almanacco illustrato del calcio 1984, edizioni Panini, pag. 301
  5. ^ a b c È morto Amos Marinai: segnò un gol a Wembley con la maglia azzurra, FIGC, 20 febbraio 2007. URL consultato il 5 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2009).
  6. ^ Morto Amos Mariani 2 scudetti (Juve e Milan), Corriere della Sera, 21 febbraio 2007. URL consultato il 5 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2011).
  7. ^ http://ricerca.gelocal.it/iltirreno/archivio/iltirreno/2007/02/21/ZM1ZM_ZM101.html
  8. ^ http://www.enciclopediadelcalcio.it/MarianiA.html
  9. ^ Gazzetta dello Sport, 2 novembre 1957, pagina 3
  10. ^ Enciclopedia Panini del calcio italiano, Franco Cosimo Panini Editore, pagina 157

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica