Apri il menu principale

Amphiprox

mammifero artiodattilo estinto, appartenente ai cervidi
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Amphiprox
Immagine di Amphiprox mancante
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Artiodactyla
Sottordine Ruminantia
Famiglia Cervidae
Genere Amphiprox

L'anfiproce (gen. Amphiprox) è un mammifero artiodattilo estinto, appartenente ai cervidi. Visse all'inizio del Miocene superiore (circa 10 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa.

DescrizioneModifica

Questo animale possedeva una corporatura snella, simile a quella dei cervidi odierni come i caprioli o i daini; le dimensioni, in ogni caso, erano minori e il peso di Amphiprox non doveva superare i 25 chilogrammi. L'aspetto generale doveva richiamare quello dei cervidi precedenti del Miocene medio, come Euprox, e le corna erano ancora semplici e dotate di due punte. Le zampe, tuttavia, erano più allungate rispetto a quelle dei suoi parenti più primitivi: in particolare, il radio era molto lungo.

ClassificazioneModifica

Descritto per la prima volta da Haupt nel 1935, Amphiprox è noto principalmente per una specie, A. anocerus. È considerato parte di una notevole radiazione evolutiva di cervidi del Miocene medio – superiore, che si diffusero in Europa e in Asia e in breve tempo diedero vita a forme simili a quelle attuali. Tra questo gruppo di cervidi, Amphiprox rappresenta una forma di transizione.

PaleobiologiaModifica

Al contrario di altre forme come Euprox o Heteroprox, probabilmente abitatrici di terreni boschivi, Amphiprox doveva essere un abitatore di spazi più aperti e di pianure moderatamente boscose; le lunghe zampe indicano che, forse, Amphiprox poteva vivere in zone più montuose rispetto ai suoi simili. La dentatura di questo animale, inoltre, lo denota come un brucatore con tendenze onnivore.

BibliografiaModifica

  • Haupt O. (1935) Bemerkungen über die Hirsche aus dem Dinotheriensand Rheinhessens. Notizblatt der Hessischen Geologischen Landesanstalt 5.
  • Moya-Sola, S., Agustı, J., 1990. Bioevents and mammal successions in the Spanish Miocene. Lindsay, Fahlbusch and Mein: European Neogene Mammal Chronology. Plenum, New York, pp. 357–374.

Collegamenti esterniModifica