Amuratte Torelli

Amuratte Torelli
MorteSala Baganza, 1483
Cause della morteucciso
voci di militari presenti su Wikipedia

Amuratte (Amurat) Torelli (... – Sala Baganza, 1483) è stato un condottiero italiano.

BiografiaModifica

Era figlio di Cristoforo I Torelli conte di Montechiarugolo e di Taddea Pio di Carpi.

Entrò nel 1470 al servizio degli Sforza. Nel 1476 partecipò alla difesa del Piemonte contro Carlo I di Borgogna e nel 1477 militò per il re Ferdinando I di Napoli. Quando nel 1482 scoppiò la guerra tra Ludovico il Moro e i Rossi di Parma, Amuratte fu al soldo dei veneziani che affiancarono i Rossi. Per questo, il Moro confiscò i suoi beni e li consegnò a suo fratello Marsilio Torelli.[1]

Nel 1483 cercò di impadronirsi della rocca Sanvitale di Sala, ma trovò la strenua difesa della cugina Donella de' Rossi. Donella fu l'eroina che salvò la rocca mentre il marito Giberto III Sanvitale era impegnato a fianco degli Sforza: reagì all'attacco di Amuratte e, impossessatasi di un fucile, lo ferì a morte sotto le mura della rocca. Il senato veneziano assegnò la condotta militare al fratello Guido II Torelli.

DiscendenzaModifica

Amuratte sposò Giacoma Malaspina di Fivizzano, senza discendenza. Ebbe un figlio naturale, Marcantonio.

NoteModifica

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Torelli di Ferrara, Torino, 1835.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Torelli di Ferrara, Torino, 1835.
  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Sanvitale di Parma, Torino, 1835.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica