Apri il menu principale
Amy Hennig ai GDCA 2019

Amy Hennig (19 agosto 1964) è un'autrice di videogiochi statunitense. Nota per essere stata la direttrice creativa di Jak 3 e l'autrice dei primi tre capitoli della serie Uncharted. Inoltre, è stata anche l'autrice di Battlefield Hardline.

Ha cominciato la sua carriera, come game designer, con lo sviluppo del videogioco Michael Jordan: Chaos in the Windy City, per lo SNES. Successivamente ha lavorato presso la Crystal Dynamics, dedicandosi alla serie Legacy of Kain. Finita questa, ha lavorato sullo sviluppo delle due principali serie della Naughty Dog: Jak and Daxter e Uncharted.

Secondo Henning, la direzione creativa della sceneggiatura di un videogioco ha un'importanza maggiore rispetto allo sviluppo della grafica. È stata classificata come "una delle donne più influenti nell'industria dei videogiochi" da Edge magazine.[1]

BiografiaModifica

Hennig si è laureata all'Università della California, Berkeley in letteratura inglese.[2] Frequentò la scuola del cinema alla San Francisco State University quando fu ingaggiata, nel ruolo di "artista", per un gioco di Atari chiamato ElectroCop.[2] Questa esperienza le fece realizzare di essere più interessata all'industria dei videogiochi che a quella del cinema; infatti abbandonò ben presto la scuola.[2]

CarrieraModifica

Hennig ha cominciato a lavorare nell'industria dei videogiochi a partire dalla fine degli anni '80. Molte delle sue prime esperienze furono realizzazioni di giochi per la Nintendo Entertainment System, in cui inizialmente fu impiegata nei ruoli di artista e animatrice. Il suo primo lavoro fu quello di artista freelancer nella realizzazione di ElectroCop, un gioco, non distribuito, per l'Atari 7800. Dopo fu assunta dalla Electronic Arts come animatrice e artista, lavorando su due giochi, che poi non vennero più pubblicati: Bard's Tale 4 e Desert Strike. Successivamente si sposta nel settore della direzione e del design.

Due anni dopo che fu assunta dall'Electronic Arts, Hennig lavorò, come artista, sul gioco Michael Jordan: Chaos in the Windy City. Tuttavia, quando il capo-designer abbandonò lo sviluppo, Hennig fu scelta per sostituirlo. Alla fine degli anni '90, decide di lavorare presso la Crystal Dynamics, in cui assiste l'azienda Silicon Knights allo sviluppo di Blood Omen: Legacy of Kain. Successivamente, assume il ruolo di direttrice, produttrice e sceneggiatrice per lo sviluppo di Legacy of Kain: Soul Reaver. Inoltre, ha diretto e scritto Soul Reaver 2 e Legacy of Kain: Defiance.

Hennig lascia la Crystal Dynamics per essere assunta come direttrice creativa dalla Naughty Dog.[3] Ha contribuito allo sviluppo della serie Jak and Daxter prima di assumere il ruolo di game director (autrice) di Uncharted: Drake's Fortune, e come capo-sceneggiatrice e direttrice creativa della serie Uncharted. Con Uncharted 2: Il covo dei ladri, Hennig ha diretto una squadra di 150 persone dedita alla creazione del gioco. Dopo aver diretto e scritto Uncharted 3: L'inganno di Drake e iniziato, una piccola parte, lo sviluppo di Uncharted 4: Fine di un ladro per PlayStation 4, Hennig abbandona la Naughty Dog nel 2014.[4]

Il 3 aprile 2014, Hennig entra a far parte della Visceral Games insieme a Todd Stashwick per lavorare sul videogioco di Star Wars.[5] Il 17 ottobre 2017, viene reso noto che l'EA ne ha annullato lo sviluppo.[6] A giugno dello stesso anno, Hennig ha annunciato di aver già abbandonato l'azienda a gennaio e di aver avviato un piccolo studio per esplorare lo sviluppo di videogiochi in realtà virtuale.[7]

InfluenzaModifica

Hennig è stata citata come un esempio di donna di successo in un settore storicamente dominato dagli uomini.[8] La stessa Hennig afferma di non aver assistito ad esperienze sessiste nel settore.[2] La rivista britannica Edge l'ha classificata come una delle 100 donne più influenti nell'industria dei videogiochi.[9]

VideogiochiModifica

Titolo Anno Ruolo Pubblicazione
ElectroCop 1989 Artista Atari Corporation
Desert Strike: Return to the Gulf 1992 Electronic Arts
Michael Jordan: Chaos in the Windy City 1994 Designer, artista
3D Baseball 1996 Artista Crystal Dynamics
Blood Omen: Legacy of Kain Designer
Legacy of Kain: Soul Reaver 1999 Direttrice, produttrice, sceneggiatrice Eidos Interactive
Soul Reaver 2 2001 Direttrice, sceneggiatrice
Legacy of Kain: Defiance 2003
Jak 3 2004 Direttrice creativa Sony Computer Entertainment
Uncharted: Drake's Fortune 2007 Direttrice, sceneggiatrice
Uncharted 2: Il covo dei ladri 2009
Uncharted 3: L'inganno di Drake 2011
Uncharted: L'abisso d'oro Story consultant
Battlefield Hardline 2015 Sceneggiatrice Electronic Arts

RiconoscimentiModifica

British Academy Games Awards

Game Developers Choice Awards

Writers Guild of America

NoteModifica

  1. ^ (EN) 7 of the most creative people in the video game industry, su From the Grapevine. URL consultato il 4 novembre 2018.
  2. ^ a b c d (EN) Ben Fritz, How I Made It: Amy Hennig, in Los Angeles Times, 7 febbraio 2010. URL consultato il 4 novembre 2018.
  3. ^ (EN) Games, in SYFY. URL consultato il 4 novembre 2018.
  4. ^ (EN) Mitch Dyer, Uncharted PS4 Writer Amy Hennig Leaves Naughty Dog, su IGN, 4 marzo 2014. URL consultato il 4 novembre 2018.
  5. ^ (EN) Uncharted director Amy Hennig joins Visceral Games, in Eurogamer.net. URL consultato il 4 novembre 2018.
  6. ^ EA shutting down Visceral Games, overhauling Star Wars game (update), in Polygon. URL consultato il 4 novembre 2018.
  7. ^ (EN) Amy Hennig confirms EA departure, in GamesIndustry.biz. URL consultato il 4 novembre 2018.
  8. ^ The Growing Role of Women in Gaming - Edge Magazine, in archive.is, 6 settembre 2012. URL consultato il 4 novembre 2018.
  9. ^ Game Industry's 100 Most Influential Women - Edge Magazine, su next-gen.biz, 25 giugno 2011. URL consultato il 4 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2011).
  10. ^ (EN) Amy Hennig Games Special Award, su www.bafta.org. URL consultato il 4 novembre 2018.
  11. ^ a b c d Amy Hennig, su IMDb. URL consultato il 4 novembre 2018.
  12. ^ God of War è il Gioco dell'Anno per i Game Developers Choice Awards, vediamo tutti i vincitori alla GDC 2019, su Multiplayer.it. URL consultato il 23 marzo 2019.
  13. ^ (EN) Uncharted 3: Drake's Deception Wins Writer's Guild of America Award, in PlayStation LifeStyle, 20 febbraio 2012. URL consultato il 4 novembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN56907797 · ISNI (EN0000 0000 0226 4406 · BNF (FRcb15106785m (data) · WorldCat Identities (EN56907797
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie