Apri il menu principale

Amy Landecker

attrice statunitense
Amy Landecker nel 2015

Amy Landecker (Chicago, 30 settembre 1969) è un'attrice statunitense.

È nota soprattutto per le sue interpretazioni nei film L'amore secondo Dan (2007), A Serious Man (2009) e All Is Bright (2013), e nella serie televisiva degli Amazon Studios Transparent, nel ruolo di Sarah Pfefferman.

BiografiaModifica

Landecker è nata a Chicago, nell'Illinois, da Judith Welch e John Records Landecker, personaggio radiofonico di Chicago.[1][2]

All'inizio della sua carriera ha recitato nel teatro, per poi trasferirsi a Los Angeles all'età di 38 anni.[3] In seguito ha recitato in vari film e serie televisive, tra cui il film candidato all'Oscar A Serious Man dei fratelli Coen, nel ruolo secondario della signora Samsky.[4] Tale interpretazione le è valso l'apprezzamento di molti critici cinematografici.[5] Tra gli altri film in cui ha recitato vi sono L'amore secondo Dan, All Is Bright, Non dico altro e Project Almanac - Benvenuti a ieri.

Nel 2011 Landecker ha fatto parte del cast principale della serie The Paul Reiser Show di NBC, interpretando la moglie del protagonista.[6] Dal 2014 interpreta Sarah Pfefferman, uno dei personaggi principali nella serie televisiva degli Amazon Studios Transparent.[7] Tra le altre serie televisive in cui ha recitato vi sono Law & Order - Unità vittime speciali, Law & Order - I due volti della giustizia, Law & Order: Criminal Intent, NCIS - Unità anticrimine, Mad Men, Louie, Dr. House - Medical Division, Curb Your Enthusiasm e Revenge.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Amy Landecker, TV Guide. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  2. ^ (EN) Angela Dobson Welch, Ann Arbor News. URL consultato il 4 ottobre 2014.
  3. ^ (EN) Conversations with Ross: Featuring Amy Landecker, rosscarey.com. URL consultato il 2 settembre 2015.
  4. ^ (EN) Jada Yuon, A Serious Man's Amy Landecker, New York, 28 settembre 2009.
  5. ^ (EN) Roger Ebert, A Serious Man, Chicago Sun-Times, 7 ottobre 2009.
  6. ^ (EN) Mark Caro, Landecker Stays in Focus, Chicago Tribune, 27 aprile 2011.
  7. ^ (EN) Advertisement, Variety. URL consultato il 4 ottobre 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN108121416 · ISNI (EN0000 0000 7772 2512 · LCCN (ENno2010052565 · WorldCat Identities (ENno2010-052565